Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Gravidanza e Maternità 24 Luglio 2018

I benefici dell’allattamento al seno: bambini più sani e intelligenti. L’intervista a Paolo Rozera (Direttore Unicef)

«Per le mamma che allattano diminuisce il rischio di tumore al seno e alle ovaie. Ma molte donne rinunciano perché non riescono ad ottenere un congedo lavorativo adeguato». Paolo Rozera, direttore generale Unicef, spiega l’importanza dell’allattamento al seno. Si chiama i “dieci passi per un allattamento efficace” ed è la nuova guida ideata dall’Unicef e dall’Organizzazione […]

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Per le mamma che allattano diminuisce il rischio di tumore al seno e alle ovaie. Ma molte donne rinunciano perché non riescono ad ottenere un congedo lavorativo adeguato». Paolo Rozera, direttore generale Unicef, spiega l’importanza dell’allattamento al seno.

Si chiama i “dieci passi per un allattamento efficace” ed è la nuova guida ideata dall’Unicef e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per aumentare il sostegno all’allattamento al seno nei punti nascita di tutto il mondo. Il vademecum è alla base dell’iniziativa globale “Ospedali Amici dei bambini” che le due organizzazioni portano avanti, insieme, dal 1991.

«È una delle pratiche più naturali al mondo – ha spiegato Paolo Rozera,  direttore generale Unicef – eppure è spesso messo da parte. L’allattamento al seno fa bene al bambino, alla mamma ed alla società».

Direttore Rozera, quali sono i benefici per un bambino che viene allattato al seno?

«È stato provato scientificamente che un bimbo allattato esclusivamente al seno, per almeno sei mesi, resiste meglio alle malattie infettive, ha un rischio minore di obesità durante la crescita e sviluppa un quoziente intellettivo superiore di 3-4 punti».

E per una madre che allatta?

«Ci sono degli evidenti vantaggi anche per la sua salute. Le donne che allattano, per un periodo di almeno sei mesi, sono esposte ad un rischio minore di ammalarsi di tumore al seno e alle ovaie. Studi dimostrano che è possibile evitare 20 mila decessi per cancro alla mammella».

Qual è la percentuale di donne che non allatta al seno?

 «Nei paesi in via di sviluppo allatta al seno solo il 39% delle donne. In altre aree questa percentuale, negli ultimi anni, è aumentata di alcuni punti. E questo lascia sperare in un progresso».

Quali sono i motivi più frequenti di questa rinuncia?

«L’ostacolo principale è il lavoro. Spesso, abbiamo costatato l’assenza di leggi che consentano un periodo di congedo adeguato per allattamento, una carenza che porta la donna a rinunciare ad allattare per mantenere il proprio impiego. Solo il 10% di tutti i paesi del mondo offre un congedo di maternità retribuito di 18 settimane,  in altri è di 14. In 81 paesi non si arriva nemmeno a queste 14 settimane. L’altro fattore scatenante è la forte influenza delle campagne pubblicitarie messe in atto dai grandi distributori di latte artificiale che influenzano – dal nostro punto di vista negativamente – la scelta delle mamme».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone