Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Dermatologia 7 Marzo 2023

La pulizia del viso in tre mosse

Norma Cameli (Sidemast): «Detersione, idratazione e fotoprotezione: ecco le tre parole d’ordine per assicurarsi una buona cura del proprio viso e mantenere la propria pelle in salute. È buona abitudine lavarsi il viso almeno due volte al giorno»

Detersione, idratazione e fotoprotezione sono le tre parole d’ordine per assicurarsi una buona cura del proprio viso e mantenere la propria pelle in salute. Norma Cameli, dermatologa, responsabile della Dermatologia Correttiva presso l’Istituto Dermatologico San Gallicano Roma e componente del Gruppo di Lavoro di Cosmetologia della Sidemast, la Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e di Malattie Sessualmente Trasmesse, a Sanità Informazione, descrive le tre mosse per una pulizia del viso ideale.

Pulizia del viso: si parte dalla detersione

«La detersione serve a rimuovere lo sporco – spiega la dottoressa Cameli -.  I residui che possiamo trovare sulla pelle del viso possono essere: liposolubili come sebo e residui cellulari, idrosolubili come trattamenti cosmetici e sudore, insolubili, ovvero quelle particelle che derivano dal processo di desquamazione della pelle». Per assicurarsi una buona pulizia del viso è necessario scegliere un detergente specifico per la propria pelle: «È consigliabile utilizzare prodotti che abbiano un ph simile a quello cutaneo, ovvero 5.5 – aggiunge la dermatologa -. Ancora, il detergente scelto non dev’essere aggressivo, ovvero non deve alterare la barriera cutanea, per evitare che si crei disidratazione e irritazione, condizioni che agevolano la penetrazione di sostanze nocive nella pelle».

I numeri della detersione

«È buona abitudine lavarsi il viso almeno due volte al giorno, al mattino ed alla sera. Altre detersioni possono essere effettuate all’occorrenza dopo lo sport, una giornata al mare o a seguito di attività che hanno lasciato residui sul nostro viso». Attenzione anche alla temperatura dell’acqua: «Se troppo alta, intorno ai 40°, può irritare la pelle, seccarla e disidratarla. La temperatura ideale è di 25°». Alle donne è importante ricordare che prima della pulizia del viso con acqua e detergente è necessario sempre rimuovere il trucco presente sul viso. «Anche lo struccante andrà scelto in base alla tipologia della propria pelle», aggiunge l’esperta.

L’idratazione

Dopo la detersione si passa allidratazione. «Molti dei prodotti di ultima generazione utilizzati per il lavaggio del volto hanno già una componente cremosa al loro interno. Tuttavia, è buona abitudine spalmare una crema subito dopo la detersione del volto. Tipologia di pelle, fototipo ed età anagrafica sono i tre criteri da tenere presente per acquistare la più adatta al proprio viso», dice Cameli. Attenzione agli eccessi: «Creme antirughe adatte ad un volto di una donna di cinquant’anni non andranno usate a vent’anni con l’obiettivo di prevenire le rughe. Oggi disponiamo di creme specifiche per ogni fascia di età e sarà meglio attenersi alle indicazioni presenti in etichetta per ottenere gli effetti desiderati».

Fotoprotezione: l’ultima mossa per una buona pulizia del viso

Proteggersi dal sole è necessario sempre e in qualunque stagione. «Ma attenzione – avverte Cameli -, qualunque fotoprotettore si decida di utilizzare la sua durata non sarà mai superiore alle due ore. Per questo, è consigliabile spalmarlo a ridosso della prevista esposizione al sole, prediligendo creme con fattore ad alta protezione soprattutto durante la stagione estiva».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.