Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 14 Gennaio 2019

Sondaggio Eurodap, il 2019 porta ansia e paura. L’anno inizia senza energie per la metà degli italiani

Preoccupazione, sfiducia, paura. Il nuovo anno porta sempre un po’ d’ansia nel pensiero di molti italiani e le aspettative non sono delle migliori. Più del 42%, infatti, sostiene di non essere per niente riuscito a recuperare le energie per affrontare il 2019; il 33% ha timore che la crisi economica aumenti e il 34% che possa condizionare anche […]

Preoccupazione, sfiducia, paura. Il nuovo anno porta sempre un po’ d’ansia nel pensiero di molti italiani e le aspettative non sono delle migliori. Più del 42%, infatti, sostiene di non essere per niente riuscito a recuperare le energie per affrontare il 2019; il 33% ha timore che la crisi economica aumenti e il 34% che possa condizionare anche la vita di coppia; il 42% mostra un crescente atteggiamento di preoccupazione e sfiducia nei confronti del futuro e il 68% teme di perdere il lavoro.

Sono i dati che emergono da un sondaggio svolto dall’Associazione Europea per il Disturbo da Attacchi di Panico (EURODAP) a cui hanno risposto 834 persone di età compresa dai 18 e 67 anni.

«I presupposti per passare un anno soddisfacente e ricco di gratificazioni non si auto generano – spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente dell’EURODAP e direttore scientifico di Bioequilibrium- ma siamo noi gli artefici delle nostre vite, delle nostre scelte e spesso ne paghiamo le conseguenze. La forza interiore, la spinta ad agire, ad essere centrati sui nostri obiettivi deve partire da noi. Perché no, magari proprio da quei progetti non andati a buon fine o procrastinati per vari motivi o semplicemente per paura. Trovare motivazioni forti e valide è necessario e funzionale alla nostra riuscita come persone nel mondo, come compagni, genitori o figli».

Ecco allora la lista di consigli della psicologa per affrontare al meglio l’anno nuovo:

1) Avere grandi obiettivi, ma con criterio e aderenza alla realtà. È bene avere ambizioni, progetti ma aspettative troppo alte possono risultare frustranti quando poi ci rendiamo conto di non avere le risorse giuste. Non rimandate ed imparate a gestire lo stress.

2) Stimoli nuovi senza paura di fallire. Sul lavoro e nella vita privata. Non adagiatevi sulle cose che già conoscete, sulle cose che ritenete sicure per voi. Uscite, esplorate mettetevi alla prova, chi può dirlo cosa c’è dall’altra parte se non si va a vedere?

3) Apprezzate ciò che siete, ciò che avete già raggiunto, non sottovalutatevi, non svalutatevi. Siate consapevoli che ogni cosa fatta finora ha un valore oggettivo e uno soggettivo, che dovete riconoscervi. Non cercate approvazione negli altri.

4) Mettete passione in qualunque cosa facciate.  E se l’avete persa, andate a cercarla nelle cose, attività, persone, che più vi ricaricano. Vivete!

5) Non dimenticate mai di essere umani, accettate il fallimento, mettetelo da parte e riprovateci, rialzatevi e inventatevi il modo per nutrire lo spirito.

Inoltre, la dottoressa Eleonora Iacobelli – psicologa e vicepresidente Eurodap – consiglia di prendere un foglio bianco e dividerlo in tre colonne dove inserire le risposte a queste domande in riferimento al 2019: Cosa voglio fare? Chi voglio essere? Cosa voglio avere?. «Questo esercizio, accompagnato alla pratica meditativa, può aiutare a predisporsi ad accogliere le opportunità che questo nuovo anno ti offrirà» spiega la dottoressa.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone