Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 22 Giugno 2018

Polmonite da ipersensibilità, allevatori e contadini i lavoratori più a rischio

Il fieno appena raccolto, umido e tiepido, può generare dei batteri che mettono a rischio la salute del contadino. Le proteine del siero, delle secrezioni o delle penne degli uccelli, invece, quella dell’allevatore di piccioni. Che siano di natura vegetale o animale, il risultato non cambia: un’intensa e prolungata esposizione a polveri organiche ed ai […]

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Il fieno appena raccolto, umido e tiepido, può generare dei batteri che mettono a rischio la salute del contadino. Le proteine del siero, delle secrezioni o delle penne degli uccelli, invece, quella dell’allevatore di piccioni. Che siano di natura vegetale o animale, il risultato non cambia: un’intensa e prolungata esposizione a polveri organiche ed ai relativi antigeni, inalate con una certa regolarità in ambienti a rischio, come il luogo di lavoro, può scatenare delle malattie polmonari, le cosiddette polmonite da ipersensibilità. L’intervista a Venerino Poletti, direttore del reparto di Pneumologia dell’ospedale G.B. Morgagni – L. Pierantoni di Forlì.

Professore Poletti, che cos’è la polmonite da ipersensibilità?

«È una malattia, o più malattie, dovute all’inalazione di sostanze che innestano un meccanismo immunitario o una reazione immunitaria a livello del polmone».

Ne esistono diverse forme?

«Sì, due: una subacuta, abbastanza caratteristica con sintomi chiari che possono manifestarsi in qualche settimana, anche con febbre, tosse e fatica a respirare. In questo caso, la causa è facilmente riconoscibile: è probabile che il paziente, per motivi lavorativi, sia spesso a contatto con piccioni o particolari batteri. La seconda forma è di tipo cronico. È definita subdola perché risulta più difficile identificarne la causa. In questo caso, di solito, il sintomo principale è la fatica a respirare».

Ci sono delle fasce di età più a rischio?

«Trattandosi di una malattia causata da particolari esposizioni ambientali, è naturale che le persone più a rischio siano quelle di media età che, per lavoro o per hobby, si occupano di animali o frequentano abitualmente ambienti in cui è possibile inalare questi agenti causali».

Quali sono le terapia consigliate?

«Innanzitutto è importante fare una diagnosi in tempi brevi. Già sospendendo l’esposizione del paziente a quel particolare agente che gli ha causato la malattia si può ottenere una guarigione. La prima terapia è, quindi l’allontanamento dall’ambiente “pericoloso”, poi, tra i farmaci, i corticosteroidi sono i più utilizzati».

Quali sono i rischi di una mancata diagnosi precoce?

«È possibile che insorga una fibrosi del polmone, una malattia abbastanza grave che causa insufficienza respiratoria cronica».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...