Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 17 Ottobre 2017

Over 60, quale attività fisica per il benessere psico-fisico?

La sedentarietà è tra le più frequenti cause di disabilità, e fattore di rischio per patologie croniche invalidanti. L’attività fisica quotidiana, soprattutto per le persone non più giovanissime, può migliorare lo stato psico-fisico della persona. La Società Italiana di Medicina e Prevenzione e degli Stili di Vita (SIMPeSV) consiglia quindi di eseguire ogni giorno questi […]

Immagine articolo

La sedentarietà è tra le più frequenti cause di disabilità, e fattore di rischio per patologie croniche invalidanti. L’attività fisica quotidiana, soprattutto per le persone non più giovanissime, può migliorare lo stato psico-fisico della persona. La Società Italiana di Medicina e Prevenzione e degli Stili di Vita (SIMPeSV) consiglia quindi di eseguire ogni giorno questi cinque semplici esercizi per combattere il rischio di disabilità e accrescere la propria salute e il proprio benessere.

Esercizio uno: Iniziando seduti, con schiena dritta, staccata dallo schienale, i piedi piantati in terra e le braccia posate sulle ginocchia, alzare un braccio e poi l’altro con gomiti ben distesi per cinque volte. Poi, portare le braccia in avanti e in seguito in fuori per cinque volte. A seguire, portare le mani sulle spalle con i gomiti in fuori, alzare il braccio e poi il sinistro per cinque volte.

Esercizio due: Partendo seduti, con la schiena ben appoggiata allo schienale e le mani sui braccioli, estendere prima il ginocchio destro e poi il sinistro per cinque volte. Poi, estendere entrambe le ginocchia con la punta dei piedi rivolte in alto, e poi riportarli al pavimento, sempre per cinque volte. Il terzo movimento consiste nell’estendere entrambe le ginocchia, con le punte dei piedi rivolte in alto, e portare poi le ginocchia verso il busto, ripetendo il tutto per cinque volte.

Esercizio tre: stando in piedi con la schiena dritta e le mani appoggiate sullo schienale della sedia, sollevarsi in punta di piedi e tornare in posizione di partenza per cinque volte. Una volta terminato, alzare il ginocchio destro e poi alzare quello sinistro per cinque volte. Infine, portare la gamba destra di lato e poi fare lo stesso con la sinistra per cinque volte.

Esercizio quattro: Da seduti, con i piedi piantati in terra, le mani salde sui braccioli della terra, portare il busto in avanti, spingere con le braccia e gambe, alzarsi in modo lento e graduale. Quindi, avanzare di 2-3 passi in avanti e poi tornare di 2-3 passi indietro. Poi, posizionarsi con la parte posteriore delle gambe davanti alla sedia, afferrare i braccioli, portarsi in avanti con il busto e accompagnare la discesa in modo lento e graduale. Ripetere tutto il movimento per tre volte.

Esercizio cinque: Stando seduti, con la schiena staccata dallo schienale, i piedi piantati a terra e leggermente divaricati e le braccia fuori dai braccioli, portare le braccia in avanti, ben tese, e unire le mani. Poi flettere il busto in avanti cercando di toccare il pavimento. Ripetere per tre volte. Infine, flettere il busto prima a destra e poi a sinistra cercando di toccarsi i piedi. Ripetere anche questo movimento per tre volte.

ECCO LE IMMAGINI DEGLI ESERCIZI

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco