Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 7 Settembre 2018

Menopausa, ecco l’alimentazione corretta da seguire

Vampate di calore e sudorazione notturna, ma anche sbalzi d’umore, stanchezza, disturbi del sonno. Sono solo alcuni dei sintomi più diffusi tra le donne che si preparano ad affrontare un periodo di enorme stravolgimento: la menopausa.   Altri effetti secondari di questa fase riguardano direttamente la forma fisica: si va dal gonfiore addominale ad un […]

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Vampate di calore e sudorazione notturna, ma anche sbalzi d’umore, stanchezza, disturbi del sonno. Sono solo alcuni dei sintomi più diffusi tra le donne che si preparano ad affrontare un periodo di enorme stravolgimento: la menopausa.  

Altri effetti secondari di questa fase riguardano direttamente la forma fisica: si va dal gonfiore addominale ad un aumento del peso corporeo. 

«L’alimentazione è il vero alleato delle donne. Sì ai formaggi, ma con moderazione. Il pranzo non è solo un’occasione per mangiare: è un momento di relax necessario per continuare al meglio la giornata». Eugenio Ceccarelli, specialista in dietetica clinica e scienza dell’alimentazione, consulente As.ma.ra Onlus, l’associazione malattia rara Sclerodermia e altre malattie rare “Elisabetta Giuffre indica la dieta da seguire in menopausa.

Il primo consiglio dell’esperto è la cautela: «L’alimentazione va certamente corretta – ha spiegato Ceccarelli – ma con una certa prudenza, soprattutto evitando di affidarsi alle mode nutrizionali in voga al momento. Le uniche parole che contano sono quelle degli specialisti e la dieta più corretta che si possa seguire è la più antica e classica di tutte: quella mediterranea» specifica. «Utilizzare dei farmaci per l’assestamento ormonale aiuta a combattere molti di questi disturbi, ma anche l’alimentazione può diventare un importante alleato delle donne in pre-menopausa e durante la menopausa» continua.

Per perdere peso “no al digiuno”: «Un’alimentazione per poter essere definita sana – ha ricordato l’esperto in dietetica clinica e scienza dell’alimentazione – ha, innanzitutto, bisogno di un numero di pasti adeguati. In un giorno devono essere 5: i tre principali, più due spuntini».

Ecco un esempio di menù ideale. «La colazione perfetta è a base di cereali con yogurt e frutta. Poi – ha aggiunto Ceccarelli – uno snack a metà mattinata ci permette di non arrivare troppo affamati all’ora di pranzo: prediligere cracker, spremute di arancia o estratti di verdura e frutta. Il pranzo, soprattutto per chi lavora, deve essere leggero, a base di proteine e verdure. Ma pranzo non vuol dire solo cibo: è importante fare una pausa prima di riprendere le proprie attività, un momento di relax è sempre necessario. Nel pomeriggio, un altro spuntino e per la cena preparare pasti a base di cerali, come le zuppe, proteine altamente digeribili e verdure».

Il menù della giornata può ovviamente variare a seconda dei gusti: «l’importante è inserire sempre nell’alimentazione quotidiana frutta, verdura e cereali. Attenzione ai formaggi, vanno usati con moderazione. I grassi saturi di insaccati e salumi, invece – ha concluso Ceccarelli – sarà meglio eliminarli dal proprio vocabolario».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone