Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 7 Agosto 2018

Fake news, Pontecorvi (endocrinologo): «Il web non può sostituire il parere dello specialista»

di Isabella Faggiano

Si chiamano fake news, in italiano “false notizie”, articoli scritti sulla base di informazioni inventate, distorte, ingannevoli. Notizie che, con la diffusione dei social network, hanno avuto un vero e proprio boom. Chi le legge, spesso, non è in grado di giudicare obiettivamente il contenuto, ritenendolo valido e veritiero. «Sui social sono presenti articoli strampalati che spingono i pazienti all’“auto-medicina”». Con queste parole, Alfredo Pontecorvi, direttore dell’Area Endocrinologia e Malattie del Metabolismo del Policlinico Gemelli di Roma mette in guardia dai pericoli della “falsa scienza” .Il professore, sempre più di frequente, si trova ad affrontare lunghi discorsi con i suoi pazienti per sfatare questi “falsi miti”.

Ma cosa accade quando queste “fake news” riguardano la nostra salute?

«Il risultato peggiore che si possa immaginare. Ma poter parlare faccia a faccia con i lettori delle “Fake news” è già un grosso risultato. Molti il confronto con lo specialista non lo cercano affatto. Spesso  queste persone non vengono in ambulatorio. Non chiedono il parere del medico perché, sulla base delle false notizie lette sul web e sugli altri media, si convincono di non aver bisogno di alcuna cura. Dai bambini morti di morbillo, con genitori disinformati che hanno scelto di non vaccinare i propri figli. Fino a quei malati oncologici che hanno preferito rimedi senza fondamento scientifico, alle terapie tradizionali».

Com’è possibile che accadano tragedie simili?

«Anche se questi messaggi sono assolutamente ascientifici, cioè privi di qualsiasi fondamento medico, teorie non dimostrate, il pubblico dei non addetti ai lavori non è in grado di discernere le informazioni giuste da quelle sbagliate. Le notizie veicolate su social network, o più in generale in rete, oggi vengono considerate alla stessa stregua dei messaggi scientifici. Soprattutto, a causa del loro forte impatto mediatico: possono raggiungere un numero smisurato di persone nel giro di pochi secondi».

Appare necessario porre un freno. Come?

«La  scienza è una cosa seria. Le medicine e le malattie vengono scoperte con anni e anni di studio e non si possono inventare. La validità scientifica non si misura in base alla quantità di click che riceve una notizia. Questo le persone devono capirlo, devono saperlo. Devono essere informate. Le visualizzazioni possono raggiungere anche il milione, ma la scienza ha bisogno di dimostrazioni basate su specifici criteri. Per questo, dovremmo diventare tutti  “più scientifici”, respirando l’aria del giornalismo anglosassone. Quello italiano, veicolato dalle tv e dai social media,  guarda più al numero di “like” e all’auditel. E la notizia vera ne ottiene sempre meno di quelle false, che raccontano storie molto più insolite. Allora, freniamo la curiosità, lasciando spazio all’analisi ed al ragionamento».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli