Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 19 Settembre 2018

Dolore al piede, quali sono le cause?

Il dolore al piede è più diffuso di quello che si possa pensare. Come riporta l’Istituto Superiore di Sanità, le cause possono essere molteplici e, spesso, non c’è neanche bisogno di recarsi dal medico da consultare, però, se il dolore diventa intenso o persistente. Le cause più frequenti di dolore al piede sono: distorsioni e […]

Immagine articolo

Il dolore al piede è più diffuso di quello che si possa pensare. Come riporta l’Istituto Superiore di Sanità, le cause possono essere molteplici e, spesso, non c’è neanche bisogno di recarsi dal medico da consultare, però, se il dolore diventa intenso o persistente.

Le cause più frequenti di dolore al piede sono:

  • distorsioni e stiramenti
  • gotta
  • verruche
  • vesciche, calli e duroni
  • alluce valgo
  • unghie incarnite
  • fascite plantare (dolore al tallone)
  • neuroma di Morton
  • metatarsalgia
  • artrite
  • lesioni del tendine di Achille
  • edema
  • corpi estranei nella pelle
  • problemi legati al piede diabetico
  • osso incrinato o rotto (frattura)

Anche le distorsioni e gli stiramenti sono disturbi molto consueti; riguardano muscoli e legamenti. Si verificano, spesso, come conseguenza di accelerazioni improvvise dei movimenti, di cambi rapidi di direzione, di cadute o di scontri imprevisti con un oggetto o con una persona come può avvenire, ad esempio, praticando alcuni sport.

La distorsione si verifica quando uno o più legamenti subiscono un danno a seguito di una torsione. Lo stiramento, invece, si produce quando le fibre muscolari si distendono eccessivamente e subiscono un danno.

Sia la distorsione che lo stiramento possono causare gonfiorelividi e indolenzimento e impediscono di caricare il peso del corpo sul piede. La maggior parte delle distorsioni e degli stiramenti può essere curata a casa affidandosi alla terapia cosiddetta P.R.I.C.E.: protezione, riposo, ghiaccio (in inglese Ice), compressione e elevazione e, consigliandosi con il medico, a medicinali antidolorifici.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone