Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Benessere 17 Ottobre 2018

Dermatologia, cosa si intende per inflamm-aging?

Negli ultimi tempi si parla molto di inflammaging per fare riferimento a uno stato infiammatorio infiammazione: è una delle teorie più accreditate riguardanti l’invecchiamento. Nella sua produzione hanno un ruolo importante i fattori genetici ma anche lo stile di vita e lo stress. Di che cosa si tratta, nello specifico e quale è la correlazione con […]

Negli ultimi tempi si parla molto di inflammaging per fare riferimento a uno stato infiammatorio infiammazione: è una delle teorie più accreditate riguardanti l’invecchiamento. Nella sua produzione hanno un ruolo importante i fattori genetici ma anche lo stile di vita e lo stress.

Di che cosa si tratta, nello specifico e quale è la correlazione con l’occhio e la vista?«L’inflamm-aging è un modo per coniugare due concetti: l’infiammazione e l’invecchiamento – spiega la dottoressa Pucci Romano, dermatologa e presidente Skineco – . Sempre più dati, ci dicono che l’infiammazione è alla base di tutte le problematiche della salute, dall’inestetismo al cancro. C’è un trigger che parte, attiva catene reattive biochimiche sofisticate che in qualche modo interferiscono con l’equilibrio buono. Oggi noi sappiamo che anche l’invecchiamento è conseguenza di fenomeni infiammatori conseguenti a fenomeni di ossidazione. La medicina ha ormai dati certi sul nesso tra l’infiammazione, i radicali liberi e invecchiamento – prosegue la dottoressa Romano – . L’invecchiamento per l’occhio è la prima sede: le rughe, le famose zampe di gallina ma anche le borse e le occhiaie sono tutti fenomeni degenerativi che interessano il corpo, in particolare la pelle e nel dettaglio il contorno occhi. L’inflamm-aging è la nuova interpretazione dell’invecchiamento» conclude.

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...