Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 31 Agosto 2017

Depressione: quali cause e rimedi?

Immagine articolo

Si stima che nel corso della vita la depressione colpisca almeno una volta da una persona su cinque a una persona su tre.

Non è possibile individuare un’unica causa della depressione, ovvero quella malattia molto diffusa che si caratterizza per tristezza di diversa gravità, mancanza di speranza, dubbi, sensi di colpa, solitudine e alterazione dell’umore. L’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA) individua infatti diversi fattori che possono essere causa della patologia: la depressione può essere scatenata da determinate condizioni di vita come stress esasperato, abuso di alcolici e droghe, ma può essere anche collegata ad una forte componente esterna e ambientale o ad eventi spiacevoli (lutti, separazioni, disoccupazione, isolamento sociale e affettivo). Alcuni elementi del carattere di una persona, come la scarsa autostima o la tendenza al pessimismo e alle preoccupazioni, possono contribuire a facilitare lo sviluppo della malattia. Infine, vi sono numerose malattie fisiche che possono indurre depressione: malattie cardiache, diabete, tumori, sclerosi multipla, malattie infettive e altre malattie gravi. Il disturbo bipolare invece, un’altra forma depressiva, ha generalmente una significativa componente ereditaria genetica ma può anch’esso essere causato da eventi esterni.

Prevenire la depressione però, secondo l’Osservatorio, è possibile, se si seguono determinati accorgimenti. Innanzitutto è consigliabile inserire dei momenti piacevoli e rilassanti nel corso della giornata, che prevengono l’abbassamento del livello di autostima e una scarsa accettazione di sé. Poi, non si dovrebbe avere un solo scopo nella vita: una volta che l’obiettivo svanisce o fallisce, infatti, si cade facilmente nella spirale negativa. Ecco perché sarebbe meglio diversificare i propri interessi in modo da contribuire a un’autostima stabile e resistente alle inevitabili avversità della vita, spaziando da famiglia, lavoro, amici, interessi e passatempi.

Contare sull’aiuto di legami interpersonali solidi e profondi poi è la più importante forma di protezione dalla depressione nei momenti più difficili. Infine, è fondamentale riconoscere tempestivamente i segnali del malessere: la fase iniziale della malattia è caratterizzata da esperienze, pensieri o sentimenti negativi; questi pensieri e sentimenti persistono e poi tendono a peggiorare fino alla comparsa del quadro depressivo. Affrontando questi problemi con tempestività invece si previene questa spirale verso il basso.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 novembre, sono 62.789.645 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.460.049 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli