Sanità internazionale 22 Novembre 2016

Zika: ritirato lo stato d’emergenza sanitaria

«Il virus Zika, causa di gravi malformazioni cerebrali presso i neonati, non rappresenta più un’emergenza sanitaria di portata mondiale». Ad annunciarlo è il dottor Heymann, presidente del comitato d’emergenza dell’Organizzazione Mondiale della Salute. Dal 2015 il virus, trasmesso tramite puntura di zanzara Aedes aegypti o per via sessuale, ha colpito circa 73 Paesi di cui […]

«Il virus Zika, causa di gravi malformazioni cerebrali presso i neonati, non rappresenta più un’emergenza sanitaria di portata mondiale». Ad annunciarlo è il dottor Heymann, presidente del comitato d’emergenza dell’Organizzazione Mondiale della Salute. Dal 2015 il virus, trasmesso tramite puntura di zanzara Aedes aegypti o per via sessuale, ha colpito circa 73 Paesi di cui 23 hanno affermato di aver constatato casi di microcefalie e sindrome di Guillain-Barré. Nonostante il virus rappresenti ancora una minaccia molto forte per la salute pubblica e richieda una risposta mondiale, lo stato d’emergenza, dichiarato il 1 febbraio 2016, è stato ritirato. Attualmente due vaccini anti Zika sono in corso di valutazione e i risultati della prima fase dei test clinici saranno resi pubblici a breve.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»