Sanità internazionale 3 ottobre 2017

Orologio biologico da Nobel. Il premio per la medicina 2017 a tre scienziati americani

Tre scienziati americani, Jeffrey Hall, Michael Rosbash e Michael Young, hanno vinto il Premio Nobel 2017 per la medicina e la fisiologia per aver scoperto il funzionamento dell’orologio biologico. Sono secoli che si presume l’esistenza di questo meccanismo che consente a tutti gli organismi viventi, esseri umani inclusi, di anticipare e di adattarsi ai ritmi […]

Immagine articolo

Tre scienziati americani, Jeffrey Hall, Michael Rosbash e Michael Young, hanno vinto il Premio Nobel 2017 per la medicina e la fisiologia per aver scoperto il funzionamento dell’orologio biologico. Sono secoli che si presume l’esistenza di questo meccanismo che consente a tutti gli organismi viventi, esseri umani inclusi, di anticipare e di adattarsi ai ritmi regolari del giorno e della notte. Motivo per cui, ad esempio, quando si viaggia e si attraversano fusi orari diversi si offre di jet lag. Ma fino ad oggi non sapevamo cosa ci fosse dietro a questo meccanismo. «Le scoperte dei tre scienziati spiegano perché piante, animali e esseri umani adattano il loro ritmo biologico in modo da essere sincronizzato con le rivoluzioni della Terra», ha spiegato un comunicato del Comitato svedese.

Alla base di tutto vi è un gene, osservato dai tre studiosi nei moscerini della frutta, che sovrintende alla produzione di una proteina che si accumula nelle cellule durante la notte e viene degradata di giorno.

Con una precisione eccezionale, l’orologio interno adatta quindi la nostra fisiologia alle diverse fasi del giorno. E il nostro benessere risente dello sfasamento tra l’orologio biologico e l’ambiente esterno: ecco spiegata quindi l’esistenza del jet lag. Ma disallineamenti cronici tra lo stile di vita e il ritmo dettato dall’orologio interno è anche associato ad un maggior rischio per diverse malattie. L’orologio regola infatti funzioni critiche come il comportamento, i livelli ormonali, la temperatura corporea e il metabolismo.

I tre ricercatori si divideranno il premio, quest’anno pari a 9 milioni di corone svedesi (circa 940mila euro), e ognuno di loro riceverà una medaglia d’oro.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...