Sanità internazionale 5 Maggio 2020

Origine coronavirus, pesanti accuse tra USA e Cina. Trump: «Prove di errori e ritardi». Pechino: «Falsità»

E così quelle che erano nate come teorie complottiste sull’origine del virus arrivano ad occupare la scena della geopolitica internazionale. Maggio si è infatti aperto con un duro scambio di accuse tra l’amministrazione statunitense ed il colosso cinese, all’ombra di una guerra commerciale che sembrava essersi sopita e di una campagna presidenziale che entra sempre […]

E così quelle che erano nate come teorie complottiste sull’origine del virus arrivano ad occupare la scena della geopolitica internazionale. Maggio si è infatti aperto con un duro scambio di accuse tra l’amministrazione statunitense ed il colosso cinese, all’ombra di una guerra commerciale che sembrava essersi sopita e di una campagna presidenziale che entra sempre più nel vivo.

Ad aizzare l’incendio è stato il segretario di stato americano Mike Pompeo, che un paio di giorni fa ha fatto propria la teoria dell’errore umano all’origine della pandemia: «Questa non è la prima volta che il mondo viene esposto a virus come risultato di errori in un laboratorio cinese», ha candidamente dichiarato all’AbcNews. «Nulla da dire» sulla possibilità che il virus sia stato diffuso intenzionalmente, ma «sono ancora molte le domande in attesa di risposta». Risposte che, a detta di Pompeo, sono state cercate dagli Stati Uniti nel momento in cui hanno cercato di inviare un team, ma «nessuno è stato autorizzato ad entrare in quel laboratorio. Il partito comunista cinese si è rifiutato di collaborare con gli esperti mondiali», ha aggiunto.

Il presidente USA Donald Trump dopo poche ore ha quindi colto la palla al balzo tornando sul tema ed annunciando alla Fox News «un rapporto esaustivo» non solo sull’ipotesi del virus uscito dal laboratorio di Wuhan, ma anche sul fatto che Pechino abbia ingannato il mondo sulla reale portata della pandemia: «La Cina ha commesso un errore terribile cercando di nascondere il coronavirus, non riuscendoci. Hanno impedito alle persone di entrare in Cina ma non hanno impedito alle persone di lasciare la Cina, facendo così del male al mondo», ha aggiunto Trump.

LEGGI ANCHE: «FINALMENTE LA RIVINCITA DELLA SCIENZA». INTERVISTA A MASSIMO ANDREONI, AUTORE DEL LIBRO ANTI-FAKE NEWS “COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA”

Immediate, quindi, le reazioni di scienziati e organizzazioni internazionali. A partire dal capo del Programma di emergenze sanitarie dell’Organizzazione mondiale della sanità Mike Ryan, che ha confermato l’origine naturale del coronavirus ma sottolineato l’incertezza su tutti i passaggi che l’hanno portato dagli animali all’uomo, incoraggiando al contempo gli Stati Uniti a condividere eventuali dati differenti in loro possesso. Sulla stessa lunghezza d’onda Anthony Fauci, direttore dello U.S. National Institute of Allergy and Infectious Diseases e capo della task force della Casa Bianca contro il coronavirus: «Non ci sono prove scientifiche che il virus sia stato artificialmente o deliberatamente manipolato», ha affermato al National Geographic.

Anche l’intelligence reputa «altamente improbabile» una diffusione della pandemia come conseguenza di un incidente di laboratorio. Secondo la Cnn, citando fonti dei “Five Eyes” (Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda), è altamente probabile che l’infezione venga da una interazione in natura tra esseri umani e animali.

Non poteva mancare, allora, la risposta della Cina, che dalle colonne del “Global Times”, costola del Quotidiano del Popolo, megafono del Partito comunista cinese, accusa Pompeo di mentire e di ingannare l’opinione pubblica: «L’obiettivo di Pompeo – scrive il giornale – è prendere due piccioni con una fava tirando fuori falsità. Prima di tutto, spera di aiutare Trump a vincere di nuovo questo novembre. Incastrare la Cina può servire a contenere la rabbia americana per la scarsa risposta di Trump all’epidemia. In secondo luogo – prosegue il Global Times – Pompeo non può accettare la crescita della Cina. Quindi ha lanciato una campagna di propaganda per danneggiare l’immagine della Cina». Il lungo editoriale ammette che ci sono stati «problemi iniziali» nella risposta del gigante asiatico all’epidemia di coronavirus, ma sottolinea come Wuhan sia stata «colta di sorpresa per l’assenza di informazioni sul virus» e rivendica come «i risultati complessivi siano abbastanza brillanti da superare le pecche».

Intanto, tra chi annuncia class action contro la Cina per chiedere il risarcimento dei danni provocati dalla pandemia e chi vuole vederci chiaro, il presidente di Eurasia Group Ian Bremmer, uno dei massimi esperti mondiali di geopolitica, ha detto a Repubblica: «Qualsiasi cosa sia accaduta nei laboratori di Wuhan, la Cina ha responsabilità gravi verso il mondo intero. Sia che il virus sia passato dall’animale all’uomo per un incidente di laboratorio oppure in un mercatino di selvaggina, resta il fatto che l’origine è stata a Wuhan. Inoltre – ha aggiunto – sappiamo con certezza che il governo cinese per un mese ha nascosto la verità, al suo popolo e al mondo. E se Donald Trump cala pesantemente nei sondaggi – ha concluso Bremmer – andremo verso una nuova Guerra Fredda».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 8 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il virus […]
Cronaca di un weekend al mare ai tempi del Covid. Che non è mai sembrato così lontano
Due giorni a Sperlonga sono sufficienti per tornare alla normalità: poche mascherine, distanziamento non rispettato, assembramenti inevitabili. Ma basta un bambino con una maschera da snorkeling per ricordare cosa è accaduto 100 giorni fa
Cina, primo vaccino per i militari. Oms manda un team per trovare l’origine di Covid-19, mentre si parla di un nuovo virus
Il primo vaccino cinese viene somministrato ai militari, su cui la sperimentazione durerà un anno. Ma non è sicuro che il prodotto sarà poi commercializzato. Intanto, un virus simile alla suina è stato trovato nei maiali da allevamento
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
Autisti soccorritori, ‘eroi’ dimenticati dell’emergenza. Montanari (CO.E.S.): «Fuori dai tavoli e dal Fondo di Solidarietà, solo Mattarella si è ricordato di noi»
Il Presidente del CO.E.S. Italia Moreno Montanari sottolinea: «Abbiamo avuto cinque morti e un numero imprecisato di contagiati. Ma dalle istituzioni silenzio totale». Continua la battaglia per il riconoscimento del profilo professionale: «A dicembre accordo a un passo con la Conferenza delle Regioni, poi silenzio. Urgente riforma servizio 118»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 luglio, sono 11.838.384 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 544.414 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambi...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)