Sanità internazionale 20 Giugno 2023 11:29

Oms e YouTube Health insieme contro la disinformazione

L’Ufficio dell’OMS per la qualità delle cure e la sicurezza dei pazienti ha recentemente unito le forze con YouTube Health per ospitare un seminario a Berlino per migliorare la qualità delle informazioni sanitarie online e sostenere gli sforzi degli Stati membri in questo settore. Questo sforzo collaborativo, si legge in una nota dell’Oms, pone le […]

Oms e YouTube Health insieme contro la disinformazione

L’Ufficio dell’OMS per la qualità delle cure e la sicurezza dei pazienti ha recentemente unito le forze con YouTube Health per ospitare un seminario a Berlino per migliorare la qualità delle informazioni sanitarie online e sostenere gli sforzi degli Stati membri in questo settore. Questo sforzo collaborativo, si legge in una nota dell’Oms, pone le basi per promuovere l’alfabetizzazione sanitaria e rendere universalmente accessibili informazioni sanitarie di alta qualità.

“Non vediamo l’ora di lavorare insieme per un mondo in cui le persone possano accedere alle informazioni sanitarie di cui hanno bisogno online senza doverne indovinare l’accuratezza”, ha osservato la dott.ssa Natasha Azzopardi-Muscat, direttrice della divisione OMS/Europa delle politiche e dei sistemi sanitari nazionali.

La pandemia di COVID-19 ha portato alla luce il ruolo di primo piano delle piattaforme digitali nella diffusione di informazioni relative alla salute e l’importanza di informazioni affidabili, esponendo al contempo i potenziali pericoli della infodemia, della disinformazione e della misinformazione.

I dati indicano che, nella regione europea dell’OMS, un’ampia percentuale di consultazioni ora si svolge online, poiché l’approccio iniziale delle persone è quello di cercare sintomi e consigli medici online. Le ricerche relative alla salute costituiscono il 7% delle ricerche quotidiane online, con circa 4 miliardi di risultati relativi a COVID-19.

Nel 2021, YouTube ha avuto oltre 110 miliardi di visualizzazioni di video sulle condizioni di salute a livello globale e sta lavorando per aumentare i contenuti sulla salute di alta qualità per rendere più facile per le persone identificare informazioni credibili che possano aiutare a rispondere alle loro domande.

Commentando l’impatto della piattaforma nello spazio online, la dottoressa Nira Goren, responsabile clinico di YouTube Health, ha sottolineato che “le persone utilizzano piattaforme come YouTube per cercare risposte a domande, ad esempio come convivo con il cancro al seno o come mi prendo cura di me stessa.”

Un numero crescente di persone si rivolge anche a piattaforme online per condividere storie personali, alleviare il disagio acuto e costruire una comunità per aiutare a ridurre i sentimenti di isolamento.

Tuttavia, le informazioni sanitarie online imprecise o fuorvianti possono rappresentare un rischio significativo per la propria salute. Una recente revisione dell’OMS ha mostrato che l’infodemia e la disinformazione influiscono negativamente sui comportamenti di salute delle persone.

La comprensione distorta dei rischi per la salute, come il fumo, l’assunzione di alcol, le cattive abitudini alimentari o l’inattività fisica, può portare a varie malattie non trasmissibili (NCD) che alterano la vita e potenzialmente fatali, come il cancro o il diabete.

Rafforzare la salute attraverso informazioni sanitarie online di alta qualità

Informazioni sanitarie di alta qualità possono consentire alle persone di assumere il controllo della propria salute, prendere decisioni informate sulle opzioni di trattamento e migliorare il proprio benessere generale e la qualità della vita.

Con sempre più persone che si affidano a Internet per la consulenza medica, è essenziale che le informazioni disponibili siano affidabili, accurate, di facile comprensione e aggiornate.

Per garantire ciò è necessaria la collaborazione con le parti interessate dell’assistenza sanitaria negli Stati membri in tutta la regione e, sottolinea ancora l’Oms, “richiede inoltre la promozione di partenariati inclusivi che riuniscano pazienti, operatori sanitari, ministeri, organizzazioni non governative e le principali piattaforme di social media”.

“Le piattaforme dei social media sono strumenti cruciali per migliorare e diffondere informazioni sanitarie di alta qualità online e dovremmo lavorarci insieme, coinvolgendo tutti in questo processo. Il nostro obiettivo principale dovrebbe essere quello di ascoltare attivamente le preoccupazioni della comunità, promuovere la comprensione del rischio e la consulenza di esperti sanitari, coinvolgere e autorizzare le comunità a intraprendere azioni positive e supportare gli operatori sanitari e i cittadini”, sottolinea l’Oms.

Inoltre, promuovere la fiducia in autorevoli fonti di informazioni sanitarie online a livello di popolazione implica lavorare con il mondo accademico e altri partner per creare ulteriori prove scientifiche sull’impatto della disinformazione sulla qualità dell’assistenza, fungendo da faro nel consolidare la creazione di prove scientifiche.

“Dare potere alle comunità con l’istruzione è essenziale per aiutare le persone a vivere una vita più sana. YouTube Health è lieta di interagire con l’OMS e fonti sanitarie autorevoli in tutta Europa per aumentare l’accesso a informazioni sanitarie basate su prove, eque e coinvolgenti”, ha osservato il dott. Garth Graham, direttore e Responsabile globale, Sanità e sanità pubblica di YouTube.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...