Sanità internazionale 6 Marzo 2018 11:55

KO per il turno di notte? Ecco come resistere e recuperare nei giorni successivi

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa […]

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa e i giorni successivi, in modo da entrare in servizio pienamente efficienti e garantendo totale sicurezza.

La mattina precedente al turno di notte, è consigliabile svegliarsi naturalmente, senza quindi impostare la sveglia. Il British Medical Journal consiglia poi di evitare di bere caffè la mattina e, tra le 2 e le 6 di pomeriggio, di fare un sonnellino di circa un’ora e mezza.

Una volta iniziato il turno di notte, è fondamentale rimanere attivi, riposarsi per 10-20 minuti durante la prima parte del turno e bere caffeina prima del sonnellino. Sarà l’unico caffè consentito per tutto il turno. Le sostanze che aiutano a restare svegli sono senz’altro efficaci, ma è sconsigliato assumerle perché possono causare effetti collaterali. Mangiare poco e pasti leggeri, dando al cibo un valore consolatorio. I ricercatori consigliano poi di scrivere elenchi delle cose da fare nei momenti più critici, in modo da evitare qualunque conseguenza dovuta alla stanchezza e alla scarsa reattività.

Nelle ultime ore di turno e prima di tornare a casa, continuare a non bere bevande a base di caffeina e non fumare, evitare il contatto diretto con la luce del sole, indossando occhiali da sole anche in giornate nuvolose. Sarebbe preferibile tornare a casa utilizzando i mezzi di pubblici piuttosto che la propria auto.

Una volta che si è finito il turno e si è tornati a casa, si consiglia di cercare di dormire per almeno 90-180 minuti. Una volta svegli, uscire all’aperto e provare a tornare a dormire ad un orario più vicino possibile a quello normale. Nei giorni successivi al turno di notte, è meglio evitare di dormire di giorno.

Nei giorni tra i diversi turni di notte, bisogna recuperare il sonno perso: si deve andare allora a dormire il più presto possibile, evitando, prima di coricarsi, il consumo di alcol e di fissare per molto tempo schermi e luci luminose. È meglio dormire in una stanza buia e silenziosa e accettare il fatto che dormire poco è meglio di niente: via libera quindi anche a dormite brevi e frammentate, cercando però in tutti i modi di massimizzare il riposo.

Articoli correlati
Il segreto di una vita felice? Dormire! Perdere anche un’ora di sonno butta giù l’umore
Fare le ore piccole potrebbe presto diventare un'opzione poco entusiasmante. Un gruppo di ricercatori della University of East Anglia ha scoperto che dormire meno del solito, anche solo di un'ora, fa sentire le persone meno positive e felici. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychological Bulletin
Dormire poco prima di un intervento chirurgico aumenta il dolore nel post
Non dormire a sufficienza prima di un intervento chirurgico è un evento molto comune, ma può aumentare il dolore post-operatorio. Lo rivela uno studio condotto su topi, presentato al meeting della Society for Neuroscience a Washington DC
Una notte “in bianco” può ridurre la depressione per diversi giorni
Uno studio dell'Università Northwestern negli Stati Uniti ha scoperto che la perdita di sonno acuta può avere un effetto anti-depressivo grazie alla sua capacità di riconfigurare il cervello
La carenza di sonno aumenta il rischio di sviluppare sintomi depressivi in futuro
Il sonno non ottimale e la depressione aumentano con l’età e con l’invecchiamento della popolazione mondiale cresce l’esigenza di comprendere meglio il meccanismo che collega la depressione alla mancanza di sonno
Sexsomnia e alimentazione notturna, mancano standard di trattamento
I disturbi dell’eccitazione possono essere molto pericolosi. Tuttavia non esistono linee guida per il trattamento dei pazienti. Mancano evidenze scientifiche. A puntare i riflettori su questa problematica è Jennifer Mundt della Northwestern University
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...