Sanità internazionale 6 Marzo 2018

KO per il turno di notte? Ecco come resistere e recuperare nei giorni successivi

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa […]

Come resistere ai turni di notte? Come prepararsi e fare scorte di energia per evitare un peggioramento delle performance e tutelare la salute, propria e dei pazienti? Il British Medical Journal ha studiato una vera e propria strategia, elaborando una serie di consigli da seguire il giorno prima del turno di notte, la notte stessa e i giorni successivi, in modo da entrare in servizio pienamente efficienti e garantendo totale sicurezza.

La mattina precedente al turno di notte, è consigliabile svegliarsi naturalmente, senza quindi impostare la sveglia. Il British Medical Journal consiglia poi di evitare di bere caffè la mattina e, tra le 2 e le 6 di pomeriggio, di fare un sonnellino di circa un’ora e mezza.

Una volta iniziato il turno di notte, è fondamentale rimanere attivi, riposarsi per 10-20 minuti durante la prima parte del turno e bere caffeina prima del sonnellino. Sarà l’unico caffè consentito per tutto il turno. Le sostanze che aiutano a restare svegli sono senz’altro efficaci, ma è sconsigliato assumerle perché possono causare effetti collaterali. Mangiare poco e pasti leggeri, dando al cibo un valore consolatorio. I ricercatori consigliano poi di scrivere elenchi delle cose da fare nei momenti più critici, in modo da evitare qualunque conseguenza dovuta alla stanchezza e alla scarsa reattività.

Nelle ultime ore di turno e prima di tornare a casa, continuare a non bere bevande a base di caffeina e non fumare, evitare il contatto diretto con la luce del sole, indossando occhiali da sole anche in giornate nuvolose. Sarebbe preferibile tornare a casa utilizzando i mezzi di pubblici piuttosto che la propria auto.

Una volta che si è finito il turno e si è tornati a casa, si consiglia di cercare di dormire per almeno 90-180 minuti. Una volta svegli, uscire all’aperto e provare a tornare a dormire ad un orario più vicino possibile a quello normale. Nei giorni successivi al turno di notte, è meglio evitare di dormire di giorno.

Nei giorni tra i diversi turni di notte, bisogna recuperare il sonno perso: si deve andare allora a dormire il più presto possibile, evitando, prima di coricarsi, il consumo di alcol e di fissare per molto tempo schermi e luci luminose. È meglio dormire in una stanza buia e silenziosa e accettare il fatto che dormire poco è meglio di niente: via libera quindi anche a dormite brevi e frammentate, cercando però in tutti i modi di massimizzare il riposo.

Articoli correlati
Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»
La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diventa guardia attiva; in Portogallo viene pagato il 50% delle ore anche se non si viene chiamati
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Disturbi del sonno, le donne dormono meno e peggio degli uomini
Silvestri (neurologa): «Il riposo notturno femminile peggiora in post-menopausa e in gravidanza. Tra le principali conseguenze: ansia, depressione, malattie cardio-cerebrovascolari e declino cognitivo»
di Isabella Faggiano
Italia Sonno 2019, Garbarino (neurologo): «Chi dorme poco si ammala di più»
Si è chiusa l’VIII edizione della Convention dedicata alla medicina del sonno. Di Michele (pneumologa): «L’insonnia è il problema maggiormente diffuso. Tra le parasonnìe le più conosciute sono il sonnambulismo o il parlare durante il sonno. I comportamenti della fase Rem possono anticipare anche di dieci anni la diagnosi di malattie neurodegenerative»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale del sonno, ecco i rimedi per dormire bene. L’esperta: «Sì a pesce azzurro, no vino e cioccolata»
Occhi sbarrati e risvegli nel cuore della notte? La causa potrebbe risiedere in cattive abitudini alimentari o stili di vita sbagliati. Troppo stress, un utilizzo eccessivo del pc o la mancanza di momenti di relax concorrono infatti a farci perdere il sonno, con conseguenze dannose su fisico e umore.  «E’ importantissimo dormire perché recuperiamo energia, […]
Onda, disturbi del sonno per 9 donne su 10 over 45: a rischio la salute e la felicità di coppia
“Difficoltà ad addormentarsi, sonno agitato, risvegli notturni e sveglia anticipata sono chiari segnali di disturbi del sonno, indicatori importanti che impattano sulla salute fisica e psichica e sulla stabilità della coppia”, spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. “Per oltre il 90% degli italiani tra i 45 e i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti