Sanità internazionale 25 Ottobre 2016 13:21

Elezioni americane e sanità: Trump contro Clinton, che fine farà l’Obamacare?

Come influirà l’elezione del nuovo Presidente degli Stati Uniti sulla sanità americana? Sia Hillary Clinton che Donald Trump hanno presentato le loro proposte per la sanità, ed entrambe prevedono un sostanziale superamento dell’Obamacare, ovvero la riforma che il Presidente uscente, Barack Obama, promulgò nell’ormai lontano 2010. La Clinton vorrebbe espandere la copertura assicurativa, migliorando il […]

Come influirà l’elezione del nuovo Presidente degli Stati Uniti sulla sanità americana? Sia Hillary Clinton che Donald Trump hanno presentato le loro proposte per la sanità, ed entrambe prevedono un sostanziale superamento dell’Obamacare, ovvero la riforma che il Presidente uscente, Barack Obama, promulgò nell’ormai lontano 2010.

La Clinton vorrebbe espandere la copertura assicurativa, migliorando il profit dell’Obamacare perché permetterebbe agli assicuratori di dividere i loro costi tra più persone e aumenterebbe i tassi dei premi. La candidata democratica vorrebbe proporre un tetto massimo sulla spesa sanitaria a carico dei cittadini che al momento supera del 5% gli introiti. Infine vorrebbe concedere a tutti gli americani al di sopra dei 55 anni di iscriversi al piano Medicare, anticipando quindi di 10 anni l’attuale età di idoneità.

Trump, invece, promette di sostituire l’Obamacare con una soluzione basata sul libero mercato per tutti gli americani, assicurati e non. In questo modo gli assicuratori potrebbero vendere polizze oltre i confini diventando più competitivi. Ogni cittadino potrebbe aprire un libretto di risparmi per la salute, esente da tasse. Infine il repubblicano intende sostituire il sistema di finanziamento federale del Medicaid da una ripartizione dei costi pubblici ad un sistema di finanziamento a fondo perso.

Secondo uno studio rilasciato dall’ente RAND insieme al Commonwealth Fund, il piano della Clinton estenderebbe la copertura a circa 10 milioni di persone e costerebbe al governo 90 miliardi di dollari nel 2018, con una diminuzione delle spese a carico del cittadino. Con Trump, invece, circa 25 milioni di persone perderebbero la loro copertura assicurativa e il governo federale potrebbe perdere fino a 40 miliardi di dollari nel 2018.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...