Sanità internazionale 7 novembre 2017

Cosa succede se il Servizio Sanitario Nazionale non accetta pazienti fumatori o obesi

I pazienti inglesi, fumatori o obesi, potranno essere sottoposti ad interventi non urgenti solo se non fumano da almeno otto settimane o perdono peso. Il provvedimento è stato adottato dalla Clinical Commissioning Group (CCG, paragonabile alle nostre Asl) della Contea inglese dello Hertfordshire. Negli ultimi anni, in molte regioni d’Inghilterra i pazienti che dimostrano di non preoccuparsi […]

I pazienti inglesi, fumatori o obesi, potranno essere sottoposti ad interventi non urgenti solo se non fumano da almeno otto settimane o perdono peso. Il provvedimento è stato adottato dalla Clinical Commissioning Group (CCG, paragonabile alle nostre Asl) della Contea inglese dello Hertfordshire. Negli ultimi anni, in molte regioni d’Inghilterra i pazienti che dimostrano di non preoccuparsi della propria salute, che quindi continuano a fumare e a non perdere peso, devono aspettare tempi più lunghi per interventi, esami e visite in ospedale. Nella speranza che nel frattempo dimagriscano e adottino stili di vita più salutari. Con la proposta avanzata dalla contea di Hertfordshire invece i servizi non urgenti dell’NHS potrebbero essere del tutto rifiutati, tranne che, ovviamente, in circostanze eccezionali, a coloro che persistono a seguire stili di vita non corretti.

L’obiettivo che si intende raggiungere? Responsabilizzare i cittadini che dovranno quindi curare di più la propria salute e il proprio benessere. Permettendo al contempo di risparmiare parte delle limitate risorse che il Servizio sanitario nazionale inglese ha a disposizione, anche se il CCG sottolinea come non ci si aspettino grandi risparmi da queste misure: «Intendiamo migliorare la sicurezza del paziente, sia durante che dopo interventi non chirurgici. Nel lungo periodo speriamo di migliorare la salute dei nostri residenti, che devono smettere di fumare e perdere peso eccessivo». Il rapporto presentato dalla CCG indica che il 15% della popolazione della regione fuma, e che il 22% degli adulti è obeso. Nel frattempo, se non vengono adottate azioni di alcun tipo, la contea dovrà affrontare un buco di 550 milioni di sterline entro il 2021. E solo quest’anno deve trovare il modo di risparmiare 68 milioni di sterline.

«In casi eccezionali – sottolinea al Telegraph un membro della CCG – i medici procederanno con l’intervento anche se i pazienti non hanno smesso di fumare o non hanno perso il peso dovuto in base ai nostri criteri. Tali eccezioni si rendono necessarie quando l’attesa per l’intervento diventa particolarmente pericolosa per il paziente».

Com’è immaginabile, il provvedimento ha scatenato numerose polemiche, a partire dal College Reale dei Chirurghi, che ha definito come «discriminatoria» la misura adottata e «contraria ai principi fondamentali del NHS». E che inoltre sottolinea il rischio che la situazione clinica di un paziente peggiori a causa dell’attesa, che può essere accompagnata da forti dolori e malessere generale. «Non ci sono giustificazioni per queste iniziative – commenta Ian Eardley, Vicepresidente del Royal College of Surgeons -. Ad alcuni pazienti sono stati rifiutati i trattamenti di cui avevano bisogno addirittura prima che venissero visitati».

Cosa ne pensano i pazienti? Joyce Robins, dell’associazione “Patien Concern”: «Paghiamo tutti le tasse, e il servizio sanitario nazionale dovrebbe esserci sempre quando ne abbiamo bisogno».

Articoli correlati
Milano, tariffe agevolate e tempi di attesa ridotti. Ecco l’innovativo servizio di prenotazione “Salute4you”
È attivo in quindici farmacie milanesi marchio LloydsFarmacia, Gruppo Admenta Italia, oltre alla parafarmacia LloydsSalute di CityLife, il servizio di prenotazione esclusivo Salute4You, che consente all’utente-paziente di accedere ad una vasta gamma di visite ed altri accertamenti sanitari presso le principali strutture sanitarie della città di Milano. Il tutto usufruendo di tariffe agevolate e tempi di […]
Fertilità maschile, numero spermatozoi in caduta libera: meno 59,3% in 40 anni. Visite gratuite a Roma
Da 99 milioni di spermatozoi per millilitro nel 1973 a 47 milioni nel 2011. Questo, è il crollo verticale della capacità riproduttiva maschile fotografata dalla meta-analisi apparsa su Human Reproduction Update. Eppure la prevenzione e la protezione della fertilità maschile sono le grandi assenti dai programmi di screening e in molti casi i problemi vengono […]
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante
L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila