Sanità internazionale 7 novembre 2017

Cosa succede se il Servizio Sanitario Nazionale non accetta pazienti fumatori o obesi

I pazienti inglesi, fumatori o obesi, potranno essere sottoposti ad interventi non urgenti solo se non fumano da almeno otto settimane o perdono peso. Il provvedimento è stato adottato dalla Clinical Commissioning Group (CCG, paragonabile alle nostre Asl) della Contea inglese dello Hertfordshire. Negli ultimi anni, in molte regioni d’Inghilterra i pazienti che dimostrano di non preoccuparsi […]

I pazienti inglesi, fumatori o obesi, potranno essere sottoposti ad interventi non urgenti solo se non fumano da almeno otto settimane o perdono peso. Il provvedimento è stato adottato dalla Clinical Commissioning Group (CCG, paragonabile alle nostre Asl) della Contea inglese dello Hertfordshire. Negli ultimi anni, in molte regioni d’Inghilterra i pazienti che dimostrano di non preoccuparsi della propria salute, che quindi continuano a fumare e a non perdere peso, devono aspettare tempi più lunghi per interventi, esami e visite in ospedale. Nella speranza che nel frattempo dimagriscano e adottino stili di vita più salutari. Con la proposta avanzata dalla contea di Hertfordshire invece i servizi non urgenti dell’NHS potrebbero essere del tutto rifiutati, tranne che, ovviamente, in circostanze eccezionali, a coloro che persistono a seguire stili di vita non corretti.

L’obiettivo che si intende raggiungere? Responsabilizzare i cittadini che dovranno quindi curare di più la propria salute e il proprio benessere. Permettendo al contempo di risparmiare parte delle limitate risorse che il Servizio sanitario nazionale inglese ha a disposizione, anche se il CCG sottolinea come non ci si aspettino grandi risparmi da queste misure: «Intendiamo migliorare la sicurezza del paziente, sia durante che dopo interventi non chirurgici. Nel lungo periodo speriamo di migliorare la salute dei nostri residenti, che devono smettere di fumare e perdere peso eccessivo». Il rapporto presentato dalla CCG indica che il 15% della popolazione della regione fuma, e che il 22% degli adulti è obeso. Nel frattempo, se non vengono adottate azioni di alcun tipo, la contea dovrà affrontare un buco di 550 milioni di sterline entro il 2021. E solo quest’anno deve trovare il modo di risparmiare 68 milioni di sterline.

«In casi eccezionali – sottolinea al Telegraph un membro della CCG – i medici procederanno con l’intervento anche se i pazienti non hanno smesso di fumare o non hanno perso il peso dovuto in base ai nostri criteri. Tali eccezioni si rendono necessarie quando l’attesa per l’intervento diventa particolarmente pericolosa per il paziente».

Com’è immaginabile, il provvedimento ha scatenato numerose polemiche, a partire dal College Reale dei Chirurghi, che ha definito come «discriminatoria» la misura adottata e «contraria ai principi fondamentali del NHS». E che inoltre sottolinea il rischio che la situazione clinica di un paziente peggiori a causa dell’attesa, che può essere accompagnata da forti dolori e malessere generale. «Non ci sono giustificazioni per queste iniziative – commenta Ian Eardley, Vicepresidente del Royal College of Surgeons -. Ad alcuni pazienti sono stati rifiutati i trattamenti di cui avevano bisogno addirittura prima che venissero visitati».

Cosa ne pensano i pazienti? Joyce Robins, dell’associazione “Patien Concern”: «Paghiamo tutti le tasse, e il servizio sanitario nazionale dovrebbe esserci sempre quando ne abbiamo bisogno».

Articoli correlati
Perché i medici odiano i computer?
«Nel 2015, sono stato costretto a seguire un corso di informatica di 16 ore. Della dozzina di chirurghi che erano con me, nessuno voleva stare lì». Il rapporto tra medici e computer nelle parole del chirurgo statunitense Atul Gawande, professore alla Harvard Medical School
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Aggressioni ai medici, Francesca Perri (Ares 118 Lazio): «Problema culturale. Veniamo colpiti perché rappresentiamo uno Stato assente o che non aiuta abbastanza»
Nell’intervista esclusiva a Sanità informazione Francesca Perri, medico 118 e sindacalista Anaao-Assomed, reclama interventi concreti dalle istituzioni: «Noi facili bersagli della rabbia sociale». L’operatore del territorio è più esposto: «Noi siamo tre-quattro persone sull’ambulanza, la prima cosa che ci viene detto appena arriviamo è sempre: ‘Quanto ci avete messo!’»
Corruzione in sanità, Silenzi: «Medici siano i ‘custodi’ delle risorse. Bene trasparenza, ma non demonizzare privato»
«Ogni decisione terapeutica ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN», sottolinea il vicepresidente della Società Italiana Medici Manager che aggiunge: «Importante permettere al cittadino di conoscere le strutture sanitarie in base ai dati sugli esiti e quelli che sono gli indicatori di qualità»
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...