Salute 30 Marzo 2017

Tutte le Religioni insieme per combattere il dolore. A Roma l’incontro internazionale per promuovere le cure palliative

In occasione dell’incontro firmata la “Carta delle Religioni per le Cure Palliative per le Persone Anziane” da parte di tutti i rappresentanti religiosi di diverse fedi

Per la prima volta a Roma si sono riuniti rappresentanti delle maggiori Religioni, esperti dei diritti umani, medici, infermieri, pazienti e volontari per partecipare all’incontro “Religioni Insieme per le Cure Palliative” avvenuto presso la sede di Radio Vaticana. Un momento di confronto (moderato da Manuela Lucchini giornalista TG1) per promuovere il diritto di tutte le persone anziane, affette da malattie croniche e inguaribili, di ricevere Cure Palliative.

Cosa sono le Cure Palliative? Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono la presa in carico globale del corpo, della mente e dello spirito della persona e il supporto attivo alla famiglia. In parole più semplici, le Cure Palliative hanno lo scopo di controllare i sintomi e alleviare il dolore riuscendo a garantire alla persona malata un’attenzione e un’assistenza specifica. L’evento è stato promosso dalla Fondazione MaruzzaOnlus la cui mission è diffondere la conoscenza e l’importanza delle cure palliative, in collaborazione con la Pontificia Accademia per la Vita (presente in occasione dell’evento il Presidente Monsignor Paglia).

«La Fondazione Maruzza nasce in memoria di mia sorella Maruzza che è scomparsa nel 1989 a 40 anni per una malattia oncologica – racconta Silvia Lefebvre D’Ovidio, volto della Fondazione -. Lei stessa chiese ai miei genitori di fare qualcosa per le persone che dovevano affrontare il suo stesso destino. Insieme con la famiglia decidemmo di creare una Fondazione che si occupasse di cure palliative, cioè per tutti coloro che devono affrontare l’inguaribilità. All’epoca le cure palliative erano solo per i malati terminali oncologici, poi è arrivata la Legge 38 del 2010 che ha esteso le cure palliative, per fortuna, a tutti i malati affetti da una patologia inguaribile che possono vivere pochi mesi o molti anni. Quindi un grande passo: si è allargato lo spettro di chi può usufruire delle cure».

La gallery dell’evento:

  • Ven. Bhikshuni Tsung Tueng

Dunque, in Italia, dal 2010, grazie alla Legge 38, è prevista la possibilità di accedere alle cure palliative per tutti i cittadini, dai bambini agli anziani; purtroppo gran parte della popolazione non è al corrente di tale diritto e persino tra i medici la conoscenza è spesso scarsa.

«Questa è una Legge molto ambiziosa, e ci vorrà tempo perché venga attuata pienamente – spiega Rosanna Cerbo, neurologo, membro della Commissione dolore OMCeO Roma e Segretario Generale Opera Karol Wojtyla -. Il punto dolente è la mancata informazione, questa è la cosa veramente grave».

In occasione dell’incontro è stata firmata la “Carta delle Religioni per le Cure Palliative per le Persone Anziane” da parte di tutti i rappresentanti religiosi di diverse fedi. Il ruolo dei leader religiosi nella società è così importante e riconosciuto da poter ampliare il consenso globale sulle cure palliative. «Questa carta è fondamentale – prosegue la professoressa Cerbo – in un certo senso siamo anche fortunati visto che le tre religioni abramitiche, quindi Ebraismo, Cristianesimo e Islam, su quanto riguarda l’attenzione al fine vita hanno delle idee assolutamente sovrapponibili, magari molte sono diverse, aborto, matrimonio, ma sul fine vita del tutto simili. Ribadisco che c’è tanto da lavorare, in primo luogo perché le persone capiscano bene la differenza che esiste fra i termini, accanimento terapeutico, cure palliative, sedazione, eutanasia, suicidio assistito, ed altro… si fa una confusione enorme, per cui quando succede un caso tipo quello di Dj Fabo, non si ha la minima idea di cosa si sta parlando».

«In India le cure palliative non sono ancora molto sviluppate – racconta Suresh Kumar Direttore del WHO Collaborating Center (India) specializzato in cure palliative che sul tema, ci offre il punto di vista del suo Paese e ci racconta come è riuscito a coinvolgere la sua comunità nell’organizzazione della cura – ma ci sono aree in cui sta avvenendo una sorta di espansione. A Kerala (Stato dell’India meridionale) per esempio, da dove arrivo io, è una di quelle zone, a differenza di molti altri luoghi, dove ciò che facciamo, incentivare le cure palliative, sta dando dei risultati. Questo è stato possibile anche grazie alle leggi locali, alla comunità locale, alla loro formazione, grazie a tutto questo siamo riusciti a portare consapevolezza e la consapevolezza gioca un ruolo importante nel fornire un servizio così fondamentale. Questo ha determinato un grande cambiamento».

 

Articoli correlati
Fine vita, Penco (Sicp): «La legge sull’eutanasia non è una priorità. Prima occorre incrementare le cure palliative»
Il presidente della Società italiana di cure palliative: «Solo quando le leggi già approvate saranno pienamente attuate e il cittadino avrà a disposizione tutti i servizi a cui ha diritto, allora sarà possibile fare un’analisi delle reali richieste di eutanasia»
di Isabella Faggiano
Fine vita, Maurizio Mori (Consulta Bioetica): «Legge sul testamento biologico è buona ma applicazione ancora lontana»
Il Presidente della Consulta di Bioetica annuncia una proposta di legge sull’eutanasia: «Troppi vanno ancora all’estero a molti altri, ahimè, si arrangiano per conto proprio». A 10 anni dalla morte di Eluana Englaro serie di incontri per parlare del tema
Fine vita, 10 anni fa moriva Eluana Englaro. Roberto Fico: «Parlamento ha dovere di legiferare. Ripartire da proposta di legge popolare»
Il Presidente della Camera ha aperto i lavori del convegno dedicato ad Eluana Englaro organizzato dalla Consulta di Bioetica: «Abbiamo il dovere di fornire risposte vere ed alte a persone che hanno attraversato momenti difficili come Beppino Englaro e a quelli che le attraverseranno»
Fine Vita, Tanese (ASL Roma1): «In momento così delicato diventa fondamentale la formazione per i sanitari e l’informazione per gli assistiti»
«La diversità culturale e religiosa crea barriere e la rete dei servizi dell’azienda sanitaria deve funzionare in maniera più integrata, a partire dal medico di medicina generale fino agli operatori». Così Angelo Tanese, Direttore generale della ASL Roma 1 che, insieme al Tavolo interreligioso di Roma ed al Policlinico Gemelli, ha promosso il Manifesto Interreligioso per il Fine Vita
Fine vita, ecco il Manifesto Interreligioso: garantisce cure, dignità e supporto religioso nelle strutture sanitarie
Il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita firmato oggi a Roma è costituito da nove punti ed è stato esposto da Angelo Tanese (Direttore generale Asl Roma 1) Pier Francesco Meneghini (Presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore) e Maria Angela Falà (Presidente del Tavolo interreligioso di Roma). Presente anche Giulia Grillo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano