Salute 8 gennaio 2018

Trivelli (DG Niguarda): «Basta logica ospedalocentrica, puntiamo su “fusione fredda” tra ospedalieri e chi opera sul territorio»

Il Direttore Generale dell’Ospedale milanese spiega ai nostri microfoni: «La sfida principale che affronteremo nel prossimo futuro è il coordinamento dei diversi soggetti che curano i malati cronici dentro e fuori gli ospedali»

«Il vero problema che le aziende ospedaliere dovranno risolvere nei prossimi anni? Il coordinamento dei diversi soggetti che curano i malati cronici dentro e fuori l’ospedale». È questa secondo Marco Trivelli, Direttore Generale dell’Ospedale Niguarda di Milano, la grande innovazione da ricercare e ottenere nel prossimo futuro. Obiettivo cui il Niguarda si sta avvicinando grazie alla nuova integrazione tra ospedale e territorio che intende ribaltare la logica ospedalocentrica che ha caratterizzato l’organizzazione sanitaria lombarda, estendendo la responsabilità di cura dei pazienti anche dopo la dimissione dal reparto. In che modo? Tramite quella che l’ospedale stesso definisce la “fusione fredda” tra attività socio-assistenziali territoriali e attività sanitarie ospedaliere.

«Per quanto riguarda la nostra esperienza ospedaliera nei confronti dei pazienti cronici – afferma il dottor Trivelli -, quello che stiamo riscontrando è che il paziente cronico vive moltissima parte della sua vita fuori da un ospedale, quindi l’insieme di tutti i soggetti curanti, sia dentro che fuori gli ospedali, che sono la ricchezza dei nostri sistemi sanitari, devono coordinarsi e lavorare insieme. Il coordinamento tra questi soggetti e la convergenza tra più competenze specialistiche sono i problemi organizzativi del futuro, è la vera innovazione, necessaria più di un’innovazione tecnologica: intorno ad ogni paziente cronico dobbiamo far convergere, in modo personalizzato, medici di medicina generale, ambulatori, strutture di ricovero assistenziale come le RSA, strutture di riabilitazione, eccetera».

Ma oltre ad una maggiore interazione tra ospedale e territori, è anche necessario procedere con l’innovazione e l’avanzamento tecnologico delle strutture e delle strumentazioni, ambiti nei quali, come ricorda lo stesso dottor Trivelli, l’ospedale Niguarda è all’avanguardia: «Il paziente cronico – risponde Trivelli – richiede sempre il meglio e all’interno di un ospedale per acuti trova sicuramente quanto di più innovativo ci possa essere in termini di diagnostica, quindi di inquadramento della sua patologia e di indicazione delle terapie migliori per una sua stabilizzazione e per fare in modo che non ci siano più eventi acuti che lo costringono a venire in ospedale».

«Non dobbiamo dimenticare – prosegue – che un paziente cronico, che magari soffre di più patologie croniche, ha necessità di cura anche fuori dall’ospedale per circa 350 giorni l’anno: si calcola infatti che un paziente cronico non stia in ospedale per più di 15 giorni, di media. A maggior ragione, quindi, è necessaria quella correzione dell’autoreferenzialità che gli ospedalieri possono avere: dobbiamo mischiare le competenze e far scambiare, tra ospedalieri e non, il sapere clinico con la capacità della prossimità che hanno i soggetti al di fuori dell’ospedale, utilissima e necessaria per i pazienti. Coordinare chi lavora in ospedale e i medici di base, gli assistenti sociali o gli infermieri a domicilio servirà a definire i bisogni del paziente e a cercare di garantire che tutte le prestazioni attese siano effettivamente garantite a ciascun cittadino malato», conclude.

 

 

 

Articoli correlati
GastroReumatologia, al 5°Congresso SIGR presentato registro nazionale spondiloartriti enteropatiche
Tra le novità della 5° edizione del Congresso nazionale SIGR (Società italiana di GastroReumatologia) tenutosi dal 12 al 13 ottobre a Roma, c’è la presentazione dei dati raccolti dal progetto SIGR: Registro Nazionale Spondiloartriti Enteropatiche. «Le malattie gastro-reumatologiche colpiscono circa un milione di persone in Italia. Il Registro è un ambizioso e complesso progetto, validato […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
Milano, tariffe agevolate e tempi di attesa ridotti. Ecco l’innovativo servizio di prenotazione “Salute4you”
È attivo in quindici farmacie milanesi marchio LloydsFarmacia, Gruppo Admenta Italia, oltre alla parafarmacia LloydsSalute di CityLife, il servizio di prenotazione esclusivo Salute4You, che consente all’utente-paziente di accedere ad una vasta gamma di visite ed altri accertamenti sanitari presso le principali strutture sanitarie della città di Milano. Il tutto usufruendo di tariffe agevolate e tempi di […]
Fertilità maschile, numero spermatozoi in caduta libera: meno 59,3% in 40 anni. Visite gratuite a Roma
Da 99 milioni di spermatozoi per millilitro nel 1973 a 47 milioni nel 2011. Questo, è il crollo verticale della capacità riproduttiva maschile fotografata dalla meta-analisi apparsa su Human Reproduction Update. Eppure la prevenzione e la protezione della fertilità maschile sono le grandi assenti dai programmi di screening e in molti casi i problemi vengono […]
Malattie Croniche Intestinali, parte campagna sensibilizzazione. Pisanti (Ministero Salute): «Serve integrazione tra specialisti»
In Italia circa 200mila persone colpite da Morbo di Chron e Colite ulcerosa. Gruppo di studio Ig-IBD calcola un miliardo l’anno il costo per il SSN. La Coordinatrice del Piano delle Cronicità: «Importante anche per operatori supporto psicologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila