Salute 8 Gennaio 2018 17:56

Trivelli (DG Niguarda): «Basta logica ospedalocentrica, puntiamo su “fusione fredda” tra ospedalieri e chi opera sul territorio»

Il Direttore Generale dell’Ospedale milanese spiega ai nostri microfoni: «La sfida principale che affronteremo nel prossimo futuro è il coordinamento dei diversi soggetti che curano i malati cronici dentro e fuori gli ospedali»

«Il vero problema che le aziende ospedaliere dovranno risolvere nei prossimi anni? Il coordinamento dei diversi soggetti che curano i malati cronici dentro e fuori l’ospedale». È questa secondo Marco Trivelli, Direttore Generale dell’Ospedale Niguarda di Milano, la grande innovazione da ricercare e ottenere nel prossimo futuro. Obiettivo cui il Niguarda si sta avvicinando grazie alla nuova integrazione tra ospedale e territorio che intende ribaltare la logica ospedalocentrica che ha caratterizzato l’organizzazione sanitaria lombarda, estendendo la responsabilità di cura dei pazienti anche dopo la dimissione dal reparto. In che modo? Tramite quella che l’ospedale stesso definisce la “fusione fredda” tra attività socio-assistenziali territoriali e attività sanitarie ospedaliere.

«Per quanto riguarda la nostra esperienza ospedaliera nei confronti dei pazienti cronici – afferma il dottor Trivelli -, quello che stiamo riscontrando è che il paziente cronico vive moltissima parte della sua vita fuori da un ospedale, quindi l’insieme di tutti i soggetti curanti, sia dentro che fuori gli ospedali, che sono la ricchezza dei nostri sistemi sanitari, devono coordinarsi e lavorare insieme. Il coordinamento tra questi soggetti e la convergenza tra più competenze specialistiche sono i problemi organizzativi del futuro, è la vera innovazione, necessaria più di un’innovazione tecnologica: intorno ad ogni paziente cronico dobbiamo far convergere, in modo personalizzato, medici di medicina generale, ambulatori, strutture di ricovero assistenziale come le RSA, strutture di riabilitazione, eccetera».

Ma oltre ad una maggiore interazione tra ospedale e territori, è anche necessario procedere con l’innovazione e l’avanzamento tecnologico delle strutture e delle strumentazioni, ambiti nei quali, come ricorda lo stesso dottor Trivelli, l’ospedale Niguarda è all’avanguardia: «Il paziente cronico – risponde Trivelli – richiede sempre il meglio e all’interno di un ospedale per acuti trova sicuramente quanto di più innovativo ci possa essere in termini di diagnostica, quindi di inquadramento della sua patologia e di indicazione delle terapie migliori per una sua stabilizzazione e per fare in modo che non ci siano più eventi acuti che lo costringono a venire in ospedale».

«Non dobbiamo dimenticare – prosegue – che un paziente cronico, che magari soffre di più patologie croniche, ha necessità di cura anche fuori dall’ospedale per circa 350 giorni l’anno: si calcola infatti che un paziente cronico non stia in ospedale per più di 15 giorni, di media. A maggior ragione, quindi, è necessaria quella correzione dell’autoreferenzialità che gli ospedalieri possono avere: dobbiamo mischiare le competenze e far scambiare, tra ospedalieri e non, il sapere clinico con la capacità della prossimità che hanno i soggetti al di fuori dell’ospedale, utilissima e necessaria per i pazienti. Coordinare chi lavora in ospedale e i medici di base, gli assistenti sociali o gli infermieri a domicilio servirà a definire i bisogni del paziente e a cercare di garantire che tutte le prestazioni attese siano effettivamente garantite a ciascun cittadino malato», conclude.

 

 

 

Articoli correlati
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
Patologie croniche respiratorie, MMG e istituzioni concordi: «Serve assistenza più vicina alle persone»
Se ne parlerà all’evento “La gestione delle cronicità respiratorie: la lezione di Covid-19” organizzato da Fortune Italia con il contributo non condizionante di Chiesi Italia
Sindrome long-Covid in 3 pazienti su 4. L’appello: «Ripensare l’assistenza territoriale sulla base di nuovi bisogni»
Una sindrome che colpisce vari apparati, da quello cardiovascolare a quello respiratorio, passando per disturbi oculistici e dermatologici. Inoltre, il 96% dei sopravvissuti al virus soffre di Sindrome Post Traumatica da Stress. La tavola rotonda organizzata dall’Associazione Dossetti – I Valori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco