Salute 8 gennaio 2018

Trivelli (DG Niguarda): «Basta logica ospedalocentrica, puntiamo su “fusione fredda” tra ospedalieri e chi opera sul territorio»

Il Direttore Generale dell’Ospedale milanese spiega ai nostri microfoni: «La sfida principale che affronteremo nel prossimo futuro è il coordinamento dei diversi soggetti che curano i malati cronici dentro e fuori gli ospedali»

«Il vero problema che le aziende ospedaliere dovranno risolvere nei prossimi anni? Il coordinamento dei diversi soggetti che curano i malati cronici dentro e fuori l’ospedale». È questa secondo Marco Trivelli, Direttore Generale dell’Ospedale Niguarda di Milano, la grande innovazione da ricercare e ottenere nel prossimo futuro. Obiettivo cui il Niguarda si sta avvicinando grazie alla nuova integrazione tra ospedale e territorio che intende ribaltare la logica ospedalocentrica che ha caratterizzato l’organizzazione sanitaria lombarda, estendendo la responsabilità di cura dei pazienti anche dopo la dimissione dal reparto. In che modo? Tramite quella che l’ospedale stesso definisce la “fusione fredda” tra attività socio-assistenziali territoriali e attività sanitarie ospedaliere.

«Per quanto riguarda la nostra esperienza ospedaliera nei confronti dei pazienti cronici – afferma il dottor Trivelli -, quello che stiamo riscontrando è che il paziente cronico vive moltissima parte della sua vita fuori da un ospedale, quindi l’insieme di tutti i soggetti curanti, sia dentro che fuori gli ospedali, che sono la ricchezza dei nostri sistemi sanitari, devono coordinarsi e lavorare insieme. Il coordinamento tra questi soggetti e la convergenza tra più competenze specialistiche sono i problemi organizzativi del futuro, è la vera innovazione, necessaria più di un’innovazione tecnologica: intorno ad ogni paziente cronico dobbiamo far convergere, in modo personalizzato, medici di medicina generale, ambulatori, strutture di ricovero assistenziale come le RSA, strutture di riabilitazione, eccetera».

Ma oltre ad una maggiore interazione tra ospedale e territori, è anche necessario procedere con l’innovazione e l’avanzamento tecnologico delle strutture e delle strumentazioni, ambiti nei quali, come ricorda lo stesso dottor Trivelli, l’ospedale Niguarda è all’avanguardia: «Il paziente cronico – risponde Trivelli – richiede sempre il meglio e all’interno di un ospedale per acuti trova sicuramente quanto di più innovativo ci possa essere in termini di diagnostica, quindi di inquadramento della sua patologia e di indicazione delle terapie migliori per una sua stabilizzazione e per fare in modo che non ci siano più eventi acuti che lo costringono a venire in ospedale».

«Non dobbiamo dimenticare – prosegue – che un paziente cronico, che magari soffre di più patologie croniche, ha necessità di cura anche fuori dall’ospedale per circa 350 giorni l’anno: si calcola infatti che un paziente cronico non stia in ospedale per più di 15 giorni, di media. A maggior ragione, quindi, è necessaria quella correzione dell’autoreferenzialità che gli ospedalieri possono avere: dobbiamo mischiare le competenze e far scambiare, tra ospedalieri e non, il sapere clinico con la capacità della prossimità che hanno i soggetti al di fuori dell’ospedale, utilissima e necessaria per i pazienti. Coordinare chi lavora in ospedale e i medici di base, gli assistenti sociali o gli infermieri a domicilio servirà a definire i bisogni del paziente e a cercare di garantire che tutte le prestazioni attese siano effettivamente garantite a ciascun cittadino malato», conclude.

 

 

 

Articoli correlati
SSN, De Poli (UDC): «Serve Piano Marshall per adattarlo a nuovi bisogni della popolazione, integrando ospedali e territorio»
Il questore del Senato sull’autonomia differenziata: «Prendersi la responsabilità di gestire direttamente la salute dei propri cittadini è un aspetto positivo e importante. Perlomeno renderebbe più complicato il gioco dello scaricabarile»
Distrofia muscolare di Duchenne e Becker. CRISPR/Cas9 è la “stella” della XVII Conferenza Internazionale
Il fondatore di Parent Project onlus: «L’obiettivo del prossimo anno è dedicare nuove sperimentazioni anche a giovani e adolescenti: chi è già in carrozzina ha più urgenza di trovare una soluzione, rispetto a coloro che hanno appena ricevuto la diagnosi».
di Isabella Faggiano
Epatologia, AISF: «Attività fisica e corretta alimentazione fondamentali per buona salute del fegato. Ecco perché». Il convegno alla Sapienza
Le nuove sfide per l’epatologo, sempre più attento alla medicina preventiva, al centro del meeting precongressuale “Lifestyle and the Liver” organizzato dall’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato AISF ed in corso presso l’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. EPATOLOGI: VECCHIE E NUOVE SFIDE Il panorama delle malattie del fegato è in continua evoluzione […]
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...