Salute 27 Gennaio 2023 13:24

Trapianti, nel 2022 record di donazioni di organi

Per la prima volta le donazioni di organi solidi hanno superato quota 1.800 in un anno. L’Italia è anche ai vertici della classifica europea, dietro alla Spagna e insieme alla Francia. Persistono ancora molte diversità tra le varie regioni, con un evidente gap nord-sud: la regione con il tasso di donazione più elevato si conferma la Toscana

L’Italia conquista il record dei record: dopo aver registrato nel 2021 il numero di donazioni di organo più alto di sempre, nel 2022 raggiunge un ulteriore primato con un aumento percentuale, in dodici mesi, di 3,7 punti. Per la prima volta le donazioni di organi solidi hanno superato quota 1.800 in un anno: sono state complessivamente 1.830, di cui 1.461 da donatori deceduti e 369 da viventi.

La donazione a cuore fermo

Un successo dovuto anche all’aumento delle donazione a cuore fermo aumentata del 60%. «La donazione a cuore fermo, così come quella a cuore battente, avviene sempre dopo la morte del donatore. In questo caso, però, il decesso non è accertato attraverso un criterio neurologico, ma cardiocircolatorio», dice Massimo Cardillo, presidente del Centro Nazionale Trapianti. A contribuire al record dei record anche l’aumento delle donazioni potenziali segnalate in rianimazione, in tutto 2.662 (+4,1%). «Numeri che ci riportano verso i livelli pre-Covid, poiché la pandemia aveva avuto il suo peggiore impatto proprio nei reparti di terapia intensiva», aggiunge Cardillo.

Il primato dell’Italia nella classifica europea delle donazioni

I numeri delle donazione di organi del 2022 piazzano l’Italia anche ai vertici della classifica europea, dietro alla Spagna e insieme alla Francia. «Eppure – sottolinea il presidente del Centro Nazionale Trapianti – nonostante l’ottimo andamento complessivo a livello nazionale, persistono ancora molte diversità tra le varie regioni, con un evidente gap nord-sud». La regione con il tasso di donazione più elevato si conferma la Toscana, anche se l’Emilia Romagna le tiene testa con un aumento di 8,8 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Ottimi risultati anche in Veneto. Il Centro-Sud resta complessivamente indietro, con qualche lieve segnale di crescita nel Lazio, in Campania e Calabria.

Il trend dei trapianti

Ad un incremento delle donazioni è corrisposto anche un aumento dei trapianti: il numero complessivo è stato di 3.887, quasi 100 in più rispetto al 2021 (+2,5%). Si tratta del secondo miglior risultato di sempre. I tassi regionali sono in crescita quasi ovunque: la Lombardia si conferma la regione nella quale si realizzano più interventi seguita da Veneto (che è la prima in rapporto alla popolazione), Piemonte, Emilia Romagna e Lazio.

Il fegato è l’organo più prelevato

Guardando al dettaglio delle singole donazioni di organi si nota un aumento molto significativo di quelli di fegato di quelli di polmone. «Il fegato è l’organo più prelevato poiché i donatori in Italia sono  mediamente e il fegato è l’organo che tra tutti resiste meglio all’avanzare degli anni. non è un caso, che l’Italia dallo scorso anno detenga il record mondiale del donatore più anziano, un ultracentenario che ha donato il suo fegato», dice Massimo Cardillo..

Nel 2022 il secondo trapianto di utero

Ma le buone notizie del 2022 non finiscono qui: è stato realizzato il secondo trapianto italiano di utero a Catania (il terzo è stato effettuato il 12 gennaio scorso) ed una bambina è nata grazie al primo trapianto, quello del 2020. È stato effettuato anche un trapianto multiviscerale intestino-fegato-pancreas: complessivamente i trapianti combinati sono stati 56. Sono state 5 infine le catene “crossover” di donazione da vivente di rene tra coppie incompatibili, con 14 trapianti effettuati.

Il trapianto da donatore vivente

E se il bilancio delle donazioni dell’anno scorso è complessivamente positivo, fanno ugualmente ben sperare i risultati raggiunti in questo primo mese del 2023. All’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo è stato effettuato il primo trapianto di polmone, ad un bambino di 5 anni, da donatore vivente, suo padre. «Il trapianto di polmone da donatore vivente è senz’altro una procedura che apre nuove importanti possibilità – commenta il presidente del Centro Nazionale Trapianti -. Ma è necessario svilupparla ulteriormente, limitandola, almeno in questa prima fase, ai centri che hanno più esperienza. Più consolidato è, invece, il trapianto di rene da donatore vivente: è una donazione sicura per il ricevente, che non produce danni al donatore. Per questo, bisogna implementare la comunicazione sull’argomento, soprattutto all’interno delle strutture sanitarie che accolgono persone con patologie renali. È necessario che il paziente e la sua famiglia siano informate, ancor prima di cominciare la dialisi, sulla possibilità di verificare se all’interno del nucleo familiare c’è un donatore disponibile e compatibile per un trapianto da vivente», conclude Cardillo.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.