Salute 29 Agosto 2019

Tiroide e medicina nucleare, Marzola (AIMN): «Sì alle precauzioni ma niente paura, le tecniche sono sicure ed efficaci»

«La medicina nucleare può seguire due percorsi, uno diagnostico e l’altro terapeutico, entrambi efficaci. L’importante è informarsi correttamente e affidarsi ai professionisti». Così Maria Cristina Marzola, consigliere dell’Associazione italiana medicina nucleare

di Diana Romersi e Viviana Franzellitti

Medicina nucleare: già il nome suscita apprensione nei pazienti che lo associano subito alle centrali nucleari e ai temutissimi incidenti. La medicina nucleare è una branca della medicina che diagnostica e tratta le patologie utilizzando radiofarmaci, composti da una parte farmacologicamente attiva e da una parte radioattiva. Ma come funziona la medicina nucleare, qual è l’impiego della medicina nucleare nell’ambito delle patologie tiroidee e, soprattutto, i rischi? Lo abbiamo chiesto a Maria Cristina Marzola, medico nucleare e consigliere AIMN (Associazione Italiana Medicina Nucleare) che ci ha parlato di tecniche sicure ed efficaci sia dal punto di vista diagnostico che terapeutico. 

LEGGI ANCHE: INCIDENTE NUCLEARE IN RUSSIA, GLI ESPERTI: «ECCO PERCHÈ NON C’È RISCHIO CHERNOBYL PER L’ITALIA»

 

«Sono due di fatto i percorsi che può seguire la medicina nucleare – spiega -; uno è diagnostico e può aiutare nella caratterizzazione della funzionalità dei noduli tiroidei e nella diagnosi delle forme infiammatorie, come la tiroidite. L’altro è più specificatamente terapeutico: la medicina nucleare viene utilizzata ancora molto nei pazienti dopo l’intervento di asportazione totale della ghiandola tiroide per un tumore maligno, allo scopo di identificare e colpire delle sedi di recidiva di malattia, piccoli focolai residui a livello del collo o anche delle localizzazioni a distanza dalla tiroide, le metastasi. Questo perché la medicina nucleare può utilizzare delle sostanze radioattive, in particolare lo iodio 131 che emettono la propria radioattività distruggendo solo le cellule malate».

«Una caratteristica dello iodio 131 – aggiunge la dottoressa Marzola – è proprio quella di essere molto specifico per la cellula tiroidea; la tiroide vede nello iodio la molecola principe per la produzione degli ormoni tiroidei quindi lo iodio 131 entra all’interno della cellula tiroidea e uccide solo lei. È una caratteristica di esclusività terapeutica che permette di ridurre moltissimo gli effetti collaterali, di avere un’influenza quasi nulla sui tessuti circostanti. È chiaro che si tratta di radiazioni, ci son delle precauzioni semplici da seguire ma questo non significa che si debbano temere le radiazioni utilizzate in medicina nucleare.  Questo per due motivi: servono per curare e poi perché i professionisti sono ormai in grado di utilizzarle in modo preciso e corretto. Invito i pazienti a non avere un timore spropositato e a ricercare un’informazione corretta soprattutto affidandosi e rapportandosi con i professionisti sanitari di riferimento», conclude.

Articoli correlati
Congresso AME, il presidente Guastamacchia: «I giovani la nostra più grande risorsa. Puntare su innovazione digitale»
A Roma i lavori del 18° Congresso nazionale dell’Associazione medici endocrinologi: «Ampio spazio a diabete e tiroide e alle potenzialità della tecnologia per migliorare l’assistenza e il rapporto con il paziente»
“Forti come noi”, Valentina Vignali si racconta: «Così sono riuscita a superare il tumore»
La celebre cestista ed influencer presenta il suo primo libro autobiografico e parla della sua esperienza con il cancro: «Non è stato facile né per me né per la mia famiglia, ma alla fine ho vinto io»
Noduli tiroidei, intervento chirurgico necessario solo nel 5% dei casi. Guglielmi (Ame): «Evitare eccesso interventismo»
«Esistono metodiche alternative alla chirurgia che sono collaudate ed efficaci per i noduli tiroidei benigni». L’intervista al dottor Rinaldo Guglielmi, direttore della struttura complessa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell’Ospedale Regina Apostolorum, a margine del convegno “Thyroid UpToDate” organizzato dall’Associazione medici endocrinologi
Noduli della tiroide, donne colpite 5 volte in più degli uomini. Monito di AME: «Benigni nel 95% dei casi, eccesso di interventi»
Guglielmi (Regina Apostolorum): “Ogni anno 40mila interventi chirurgici, ma molti sono inutili o addirittura dannosi”. Papini (AME): “Con esami precoci possiamo capire se il nodulo è benigno o se servono ulteriori approfondimenti”
Tumore tiroideo, casi raddoppiati negli ultimi 20 anni. Inquinamento e radiazioni le principali cause
Il professor Raffaele Giubbini del gruppo di medicina nucleare dell’Università di Brescia: «Importante farsi operare alla tiroide da un chirurgo esperto che esegua 150-200 interventi all'anno»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...