Salute 20 Dicembre 2019

Taranto intitola a Nadia Toffa il reparto di Oncoematologia pediatrica del Ss. Annunziata

Sulla targa, davanti all’ingresso del reparto, una frase di Nadia Toffa: “Siamo tutti guerrieri”. Non sono mancati momenti di commozione

Immagine articolo

Nadia Toffa, da oggi si chiamerà così il reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale “Ss. Annunziata” di Taranto. Un gesto simbolico in ricordo della giornalista delle Iene morta proprio a causa di un tumore e che nella sua vita professionale ha in più occasioni dato voce ai cittadini tarantini vittime dell’inquinamento ambientale.

Durante la cerimonia non sono mancati momenti di commozione. Non è riuscito a trattenere le lacrime quando ha cliccato play sul suo cellullare e ha fatto ascoltare il messaggio vocale inviatogli dalla giornalista morta nell’agosto scorso. Ignazio D’Andria è il titolare del MiniBar del quartiere Tamburi e promotore delle magliette vendute per raccogliere fondi per l’ospedale. «Io non voglio prendermi i meriti di niente, mi hai regalato la maglia ma il merito è vostro e delle persone che hanno comprato le magliette e vi hanno sostenuto. Un bacione», è il contenuto del vocale di Toffa che ha fatto scattare un lungo applauso.

LEGGI: «ECCO COSA VUOL DIRE ASSISTERE GLI OPERAI ILVA» IL RACCONTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA IN PRIMA LINEA A TARANTO

«Io faccio i caffè e quello che è successo dopo aver incontrato Nadia è stato inatteso e strabiliante», continua il barista che indossa la maglia con la scritta “ie jesche pacce pe te” la stessa che Toffa aveva sfoggiato in diretta durante una puntata della trasmissione ‘Le iene’ dando vita alla raccolta fondi. «Ricordo che una mattina Nadia venne nel mio bar per un caffè e mentre chiacchieravamo le dissi proprio “ie jesche pacce pe te”. Mi chiese cosa significasse e le dissi che se fosse tornata l’indomani, lo avrebbe capito. Così fece e le diedi la maglia: dopo qualche giorno lei era in onda con la t shirt. Così, tutti l’hanno voluta e mio fratello Enzo mi suggerì di usare il ricavato per fare beneficienza. Enzo mi disse di dirlo a Nadia e lei non ha avuto dubbi: ‘è un onore essere la madrina di questa iniziativa’. È nato tutto così per caso e siamo riusciti a fare questo reparto per Taranto essenziale», ha raccontato D’Andria.

«Lei è viva, è il nostro garante non è stata il nostro benefattore». Ha spiegato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano presente alla cerimonia. «È il nostro garante perché’ le sue parole sono qui e nessuno potrà fare un passo indietro. E voglio dire che c’erano i soldi per fare il reparto ma un reparto fatto con i soldi raccolti con le magliette diventa parte della comunità. È stato un gesto importante per muovere la comunità, per ricucire la comunità di Taranto che va ricompattata».

«Mi auguro – ha proseguito – che la verità e la armonia possano essere garantite a lungo da una memoria viva come quella di Nadia». Sulla targa, davanti all’ingresso del reparto, una frase di Nadia Toffa: “Siamo tutti guerrieri”. A tagliare il nastro è stato il nipotino della giornalista.

Articoli correlati
«Ecco cosa vuol dire assistere gli operai Ilva» il racconto del medico di famiglia in prima linea a Taranto
Il dottor Giosuè Zizza ha un ambulatorio nel quartiere operaio San Paolo IV a pochi chilometri dall’acciaieria. «Ci trattano alla stregua del Pil ma qui le persone muoiono di tumore molto di più che in altre parti d’Italia»
Ex Ilva, i medici: «Puntare sull’idrogeno per salvare produzione e salute dei cittadini»
Con la decisione di ArcelorMittal di recidere l'accordo arriva la proposta della Società Italiana di Medicina Ambientale: «Con 1kg di idrogeno si producono 9 tonnellate di acciaio». Il Presidente SIMA Prof. Alessandro Miani: «Opportunità questa volta ineludibile»
Eutanasia, 4mila medici cattolici pronti all’obiezione di coscienza. Attesa per la decisione della Consulta
«Il codice deontologico e la prassi medica - ricorda il vicepresidente Amci Giuseppe Battimelli - non prevedono di favorire in qualsiasi caso la richiesta di morte del paziente». Prevista per oggi pomeriggio la decisione dei giudici della Consulta sulla punibilità dell'aiuto al suicidio
Ex Ilva, Nume (OMCeO Taranto): «Noi medici da sempre vicini al dolore delle famiglie, con la Valutazione di Impatto Sanitario finalmente dati scientifici»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Taranto e Coordinatore area Comunicazione Fnomceo approva la collaborazione tra Regione Puglia e OMS per arrivare a una Valutazione di Impatto Sanitario: «C’è necessità di mettere da parte l’aneddotica, di giungere a studi seri, lo dobbiamo a cittadini che vivono dolorosamente questa esperienza da tanti anni»
Taranto, l’impegno di Grillo e Di Maio: «Cabina di regia per garantire maggiore tutela ambientale e sanitaria. Ogni due mesi saremo qui»
Una cabina di regia per coordinare le varie autorità coinvolte al fine di garantire la più ampia tutela ambientale e sanitaria nell’area di Taranto. L’annuncio è arrivato dal vicepremier Luigi Di Maio in occasione del suo insediamento come nuovo presidente del Tavolo istituzionale permanente per l’area di Taranto. Ad accompagnare Di Maio a Taranto c’era […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare