Salute 15 Gennaio 2024 12:39

Super-batteri, se proliferano non è solo colpa degli antibiotici

Lo afferma uno studio guidato dall’Università di Oslo e pubblicato sulla rivista The Lancet Microbe. La scoperta aiuterà a fermare la diffusione di infezioni resistenti

di I.F.
Super-batteri, se proliferano non è solo colpa degli antibiotici

L’utilizzo di antibiotici, soprattutto smodato e inappropriato, non è l’unico colpevole della nascita dei ‘super-batteri’, ovvero di quei batteri resistenti ai trattamenti, la cui diffusione costituisce un grave problema per la salute pubblica globale. A smentire una convinzione diffusa da molti anni è uno studio guidato dall’Università di Oslo e pubblicato sulla rivista The Lancet Microbe: “L’aumento dell’uso di antibiotici sicuramente amplifica l’affermarsi di questi microrganismi, ma giocano probabilmente un ruolo anche il tipo di farmaco e di batterio, così come l’ambiente ed il paese”, assicurano i ricercatori. La scoperta potrebbe aiutare a pianificare meglio gli interventi di sanità pubblica e a fermare la diffusione delle infezioni resistenti alle cure.

Tutti i fattori che contribuiscono all’aumento dei super batteri

I ricercatori, guidati da Anna Pöntinen, Rebecca Gladstone e Henri Pesonen, hanno analizzato i dati degli ultimi 20 anni provenienti da due paesi, Regno Unito e Norvegia, mettendo a confronto il Dna estratto da 700 nuovi campioni batterici co quello di 5mila vecchi campioni già studiati in precedenza. I risultati mostrano che, in alcuni casi, gli antibiotici aumentano il numero di super-batteri. Tuttavia, ciò dipende da molti fattori: il tipo di farmaco utilizzato, il Dna portato dal microbo in questione, ma anche l’ambiente circostante, vale a dire gli altri batteri presenti e tutto quello che potrebbe indurre a favorire geni che conferiscono resistenza ai trattamenti.

La ricerca continua…

Per fare un esempio, la classe di antibiotici beta-lattamici diversi dalla penicillina viene utilizzata da tre a cinque volte più spesso nel Regno Unito rispetto alla Norvegia e questo ha portato ad un aumento delle infezioni resistenti a questi farmaci nel Paese. Ma lo stesso esito non è stato riscontrato per un altro antibiotico chiamato trimetoprim, che mostra lo stesso schema di utilizzo. Secondo gli autori dello studio, dunque, sono necessari ulteriori ricerche per comprendere appieno l’effetto combinato di antibiotici, viaggi, sistemi di produzione alimentare e altri fattori che determinano i livelli di resistenza ai farmaci in ogni paese.

L’antibiotico resistenza: un problema di salute pubblica

L’utilizzo degli antibiotici, a partire dalla seconda metà del XX secolo, ha rivoluzionato la medicina moderna, permettendo di trattare e prevenire malattie infettive e infezioni. Conquiste importanti che potrebbero essere vanificate dalla resistenza agli antibiotici. Negli ultimi anni, infatti, il fenomeno dell’antibiotico-resistenza sta via via aumentando, tanto che è attenzionato a livello mondiale. Oggi è uno dei principali problemi di sanità pubblica a livello mondiale con importanti implicazioni sia dal punto di vista clinico (aumento della morbilità, della mortalità, dei giorni di ricovero, possibilità di sviluppo di complicanze, possibilità di epidemie), sia in termini di ricaduta economica per il costo aggiuntivo richiesto per l’impiego di farmaci e di procedure più onerose, per l’allungamento delle degenze in ospedale e per eventuali invalidità. Per questo, negli ultimi decenni, organismi internazionali, quali l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (European Centre for Disease Prevention and Control, ECDC) hanno prodotto raccomandazioni e proposto strategie e azioni coordinate atte a contenere il fenomeno, riconoscendo l’antibiotico-resistenza come una priorità in un ambito sanitario.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...