Salute 26 aprile 2018

OMCeO Roma e Stampa Romana, intesa contro le fake news. Antonio Magi: «Creeremo presidio informativo per i giornalisti»

Il protocollo in sette punti prevede anche dei corsi di formazione a ciclo continuo per i cronisti. Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma annuncia una riunione con i dirigenti sanitari per affrontare il tema delle aggressioni al personale sanitario

Immagine articolo

Una grande alleanza tra medici e giornalisti per combattere le fake news in ambito medico. È l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato oggi dal Presidente dell’OMCeO Roma Antonio Magi e dal Segretario dell’Associazione Stampa Romana Lazzaro Pappagallo.

Un documento che serve a creare un terreno comune di confronto e di ascolto, uno strumento per rilanciare «il ruolo fondamentale, sociale, rivolto ai cittadini, di entrambe le organizzazioni», si legge nel preambolo. Sette punti che mirano in particolare alla realizzazione di due iniziative: periodici corsi di formazione per i giornalisti e la creazione di un gruppo di esperti di ‘pronta risposta’, un filo diretto tra medici e stampa su temi di stringente attualità.

«In questo momento questa è un’intesa importante che favorisce la collaborazione tra le professioni per evitare le fake news – spiega il Presidente OMCeO Magi a Sanità Informazione –. In questo modo i giornalisti avranno un punto di riferimento per vedere se quello che stanno per pubblicare ha un fondamento reale o meno, un modo per evitare di comunicare qualcosa di non corretto. Nello stesso tempo i giornalisti si impegneranno, nel momento in cui abbiamo necessità di comunicare cose importanti alla popolazione, a riprendere le comunicazioni che riguardano i cittadini per poterli informare in maniera corretta».

«Questo protocollo non è un pezzo di carta ma vuole essere un percorso di pratiche comuni e condivise – spiega Lazzaro Pappagallo -. Abbiamo bisogno di sgombrare il campo dalle fake news. Pensiamo che dei cicli di formazione su temi fondamentali e rilevanti sia per il nostro mestiere che per quello dei medici possano essere già un modo per bonificare il campo. L’altro, che speriamo di realizzare a breve, è realizzare una specie di presidio di primo intervento fornito ai colleghi i quali avranno, grazie alla professionalità messe in campo dall’Ordine dei Medici, dei numeri di telefono e dei contatti reali di esperti che potranno dunque indicare quali sono le risposte giuste alle domande e alle nostre curiosità».

Sullo sfondo il tema delle aggressioni ai medici, ormai diventato una emergenza nazionale. Magi, nel corso della conferenza stampa, ha fornito nuovi, allarmanti numeri: nel 2017 si sono verificate 41 aggressioni al 118, 320 negli ambulatori, 20 nelle case di riposo, 400 nei reparti di degenza, 37 in assistenza domiciliare, 456 al pronto soccorso, 72 negli ambulatori Spdc, 62 in terapia intensiva, 11 nei penitenziari. In particolare, il 60% degli atti di violenza contro i medici hanno riguardato minacce verbali, il 20% percosse, il 10% aggressioni a mano armata (con corpi contundenti, coltelli o pistole), il 10% atti di vandalismo. Tra le Regioni, quella con più aggressioni al personale sanitario è la Puglia con il 24%, seguita dalla Sicilia al 15%.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, FILIPPO ANELLI (FNOMCEO): «AUMENTIAMO LE PENE AI VIOLENTI. MA C’È PROBLEMA CULTURALE E DI SISTEMA»

«Vogliamo trovare una soluzione al tema delle aggressioni – spiega Magi –. Ci stiamo muovendo, dato che la Legge Lorenzin dà un nuovo ruolo agli OMCeO, quello di essere non più organo ausiliario dello Stato ma di essere organo sussidiario dello Stato. Abbiamo già convocato una riunione con il Commissario ad acta della Regione Lazio e tutti i Direttori Generali degli Ospedali e delle aziende sanitarie il prossimo 7 maggio all’Ordine dei Medici per cominciare a discutere di questo fatto. Ci sono già delle normative, come la raccomandazione del Ministero della Salute, la numero 9 del 2007, che se fosse applicata risolverebbe gran parte dei problemi».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Influenza, OMCeO Roma scende in campo per sensibilizzare profilassi. Magi: «Operatori sanitari devono essere i primi a vaccinarsi per coscienza personale e civica»
Dosi vaccinali somministrate all'Ordine dei medici della Capitale per insegnare la buona prassi a camici bianchi e cittadini. «Non solo operatori sanitari, vaccinarsi è consigliabile anche per altre categorie a rischio come forze dell’ordine e personale scolastico» così il Presidente Antonio Magi
di Lucia Oggianu
Oncologia, al via a Bari la nona Edizione di Oncology for Primary Care
Fumo, alimentazione e stili di vita al centro della Nona Edizione di Oncology for Primary Care. Il convegno sulle cure primarie e le innovazioni terapeutiche del paziente oncologico, promosso da Eugenio Maiorano e da Nicola Marzano, torna a Bari venerdì 23 e sabato 24 novembre. Più dell’80% dei malati di cancro manifesta i sintomi per […]
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
SIMES si allea con CIMO: «Cresciamo nella rappresentanza per dare valore alla salute nello sport»
Il Sindacato Italiano Medici dello Sport (SIMeS), libero sindacato di medici sportivi e professionisti di medicina nell’ambito dell’attività motoria, aderisce a CIMO per aumentare l’impatto della rappresentanza politica nelle sedi istituzionali nazionali e regionali, con l’obiettivo di accrescere la tutela professionale e legale degli iscritti e di attivare nuove iniziative per la categoria. Con questo […]
Piccoli comuni, Regione Lazio: 1 milione di euro per emergenze socio-assistenziali
«La Regione Lazio stanzia 1 milione di euro per le emergenze socio-assistenziali dei piccoli Comuni. Le richieste di contributo, per un massimo di 20mila euro, di cui il 15% a carico dell’ente richiedente, potranno essere presentate entro il 30 novembre, data di scadenza dell’Avviso pubblicato sul sito www.socialelazio.it». Con queste le parole dell’assessore regionale alle […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi