Salute 26 aprile 2018

OMCeO Roma e Stampa Romana, intesa contro le fake news. Antonio Magi: «Creeremo presidio informativo per i giornalisti»

Il protocollo in sette punti prevede anche dei corsi di formazione a ciclo continuo per i cronisti. Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma annuncia una riunione con i dirigenti sanitari per affrontare il tema delle aggressioni al personale sanitario

Immagine articolo

Una grande alleanza tra medici e giornalisti per combattere le fake news in ambito medico. È l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato oggi dal Presidente dell’OMCeO Roma Antonio Magi e dal Segretario dell’Associazione Stampa Romana Lazzaro Pappagallo.

Un documento che serve a creare un terreno comune di confronto e di ascolto, uno strumento per rilanciare «il ruolo fondamentale, sociale, rivolto ai cittadini, di entrambe le organizzazioni», si legge nel preambolo. Sette punti che mirano in particolare alla realizzazione di due iniziative: periodici corsi di formazione per i giornalisti e la creazione di un gruppo di esperti di ‘pronta risposta’, un filo diretto tra medici e stampa su temi di stringente attualità.

«In questo momento questa è un’intesa importante che favorisce la collaborazione tra le professioni per evitare le fake news – spiega il Presidente OMCeO Magi a Sanità Informazione –. In questo modo i giornalisti avranno un punto di riferimento per vedere se quello che stanno per pubblicare ha un fondamento reale o meno, un modo per evitare di comunicare qualcosa di non corretto. Nello stesso tempo i giornalisti si impegneranno, nel momento in cui abbiamo necessità di comunicare cose importanti alla popolazione, a riprendere le comunicazioni che riguardano i cittadini per poterli informare in maniera corretta».

«Questo protocollo non è un pezzo di carta ma vuole essere un percorso di pratiche comuni e condivise – spiega Lazzaro Pappagallo -. Abbiamo bisogno di sgombrare il campo dalle fake news. Pensiamo che dei cicli di formazione su temi fondamentali e rilevanti sia per il nostro mestiere che per quello dei medici possano essere già un modo per bonificare il campo. L’altro, che speriamo di realizzare a breve, è realizzare una specie di presidio di primo intervento fornito ai colleghi i quali avranno, grazie alla professionalità messe in campo dall’Ordine dei Medici, dei numeri di telefono e dei contatti reali di esperti che potranno dunque indicare quali sono le risposte giuste alle domande e alle nostre curiosità».

Sullo sfondo il tema delle aggressioni ai medici, ormai diventato una emergenza nazionale. Magi, nel corso della conferenza stampa, ha fornito nuovi, allarmanti numeri: nel 2017 si sono verificate 41 aggressioni al 118, 320 negli ambulatori, 20 nelle case di riposo, 400 nei reparti di degenza, 37 in assistenza domiciliare, 456 al pronto soccorso, 72 negli ambulatori Spdc, 62 in terapia intensiva, 11 nei penitenziari. In particolare, il 60% degli atti di violenza contro i medici hanno riguardato minacce verbali, il 20% percosse, il 10% aggressioni a mano armata (con corpi contundenti, coltelli o pistole), il 10% atti di vandalismo. Tra le Regioni, quella con più aggressioni al personale sanitario è la Puglia con il 24%, seguita dalla Sicilia al 15%.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, FILIPPO ANELLI (FNOMCEO): «AUMENTIAMO LE PENE AI VIOLENTI. MA C’È PROBLEMA CULTURALE E DI SISTEMA»

«Vogliamo trovare una soluzione al tema delle aggressioni – spiega Magi –. Ci stiamo muovendo, dato che la Legge Lorenzin dà un nuovo ruolo agli OMCeO, quello di essere non più organo ausiliario dello Stato ma di essere organo sussidiario dello Stato. Abbiamo già convocato una riunione con il Commissario ad acta della Regione Lazio e tutti i Direttori Generali degli Ospedali e delle aziende sanitarie il prossimo 7 maggio all’Ordine dei Medici per cominciare a discutere di questo fatto. Ci sono già delle normative, come la raccomandazione del Ministero della Salute, la numero 9 del 2007, che se fosse applicata risolverebbe gran parte dei problemi».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»
Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.
di Isabella Faggiano
Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»
Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi. I benefici dell’attività fisica […]
Milano, tariffe agevolate e tempi di attesa ridotti. Ecco l’innovativo servizio di prenotazione “Salute4you”
È attivo in quindici farmacie milanesi marchio LloydsFarmacia, Gruppo Admenta Italia, oltre alla parafarmacia LloydsSalute di CityLife, il servizio di prenotazione esclusivo Salute4You, che consente all’utente-paziente di accedere ad una vasta gamma di visite ed altri accertamenti sanitari presso le principali strutture sanitarie della città di Milano. Il tutto usufruendo di tariffe agevolate e tempi di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...