Salute 26 Aprile 2018 17:14

OMCeO Roma e Stampa Romana, intesa contro le fake news. Antonio Magi: «Creeremo presidio informativo per i giornalisti»

Il protocollo in sette punti prevede anche dei corsi di formazione a ciclo continuo per i cronisti. Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma annuncia una riunione con i dirigenti sanitari per affrontare il tema delle aggressioni al personale sanitario

OMCeO Roma e Stampa Romana, intesa contro le fake news. Antonio Magi: «Creeremo presidio informativo per i giornalisti»

Una grande alleanza tra medici e giornalisti per combattere le fake news in ambito medico. È l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato oggi dal Presidente dell’OMCeO Roma Antonio Magi e dal Segretario dell’Associazione Stampa Romana Lazzaro Pappagallo.

Un documento che serve a creare un terreno comune di confronto e di ascolto, uno strumento per rilanciare «il ruolo fondamentale, sociale, rivolto ai cittadini, di entrambe le organizzazioni», si legge nel preambolo. Sette punti che mirano in particolare alla realizzazione di due iniziative: periodici corsi di formazione per i giornalisti e la creazione di un gruppo di esperti di ‘pronta risposta’, un filo diretto tra medici e stampa su temi di stringente attualità.

«In questo momento questa è un’intesa importante che favorisce la collaborazione tra le professioni per evitare le fake news – spiega il Presidente OMCeO Magi a Sanità Informazione –. In questo modo i giornalisti avranno un punto di riferimento per vedere se quello che stanno per pubblicare ha un fondamento reale o meno, un modo per evitare di comunicare qualcosa di non corretto. Nello stesso tempo i giornalisti si impegneranno, nel momento in cui abbiamo necessità di comunicare cose importanti alla popolazione, a riprendere le comunicazioni che riguardano i cittadini per poterli informare in maniera corretta».

«Questo protocollo non è un pezzo di carta ma vuole essere un percorso di pratiche comuni e condivise – spiega Lazzaro Pappagallo -. Abbiamo bisogno di sgombrare il campo dalle fake news. Pensiamo che dei cicli di formazione su temi fondamentali e rilevanti sia per il nostro mestiere che per quello dei medici possano essere già un modo per bonificare il campo. L’altro, che speriamo di realizzare a breve, è realizzare una specie di presidio di primo intervento fornito ai colleghi i quali avranno, grazie alla professionalità messe in campo dall’Ordine dei Medici, dei numeri di telefono e dei contatti reali di esperti che potranno dunque indicare quali sono le risposte giuste alle domande e alle nostre curiosità».

Sullo sfondo il tema delle aggressioni ai medici, ormai diventato una emergenza nazionale. Magi, nel corso della conferenza stampa, ha fornito nuovi, allarmanti numeri: nel 2017 si sono verificate 41 aggressioni al 118, 320 negli ambulatori, 20 nelle case di riposo, 400 nei reparti di degenza, 37 in assistenza domiciliare, 456 al pronto soccorso, 72 negli ambulatori Spdc, 62 in terapia intensiva, 11 nei penitenziari. In particolare, il 60% degli atti di violenza contro i medici hanno riguardato minacce verbali, il 20% percosse, il 10% aggressioni a mano armata (con corpi contundenti, coltelli o pistole), il 10% atti di vandalismo. Tra le Regioni, quella con più aggressioni al personale sanitario è la Puglia con il 24%, seguita dalla Sicilia al 15%.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI AI MEDICI, FILIPPO ANELLI (FNOMCEO): «AUMENTIAMO LE PENE AI VIOLENTI. MA C’È PROBLEMA CULTURALE E DI SISTEMA»

«Vogliamo trovare una soluzione al tema delle aggressioni – spiega Magi –. Ci stiamo muovendo, dato che la Legge Lorenzin dà un nuovo ruolo agli OMCeO, quello di essere non più organo ausiliario dello Stato ma di essere organo sussidiario dello Stato. Abbiamo già convocato una riunione con il Commissario ad acta della Regione Lazio e tutti i Direttori Generali degli Ospedali e delle aziende sanitarie il prossimo 7 maggio all’Ordine dei Medici per cominciare a discutere di questo fatto. Ci sono già delle normative, come la raccomandazione del Ministero della Salute, la numero 9 del 2007, che se fosse applicata risolverebbe gran parte dei problemi».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Terapia del dolore? Meno di tre pazienti su dieci sanno di potervi accedere
Al 45° Congresso AISD i risultati di una survey che illustrano la scarsa conoscenza dei cittadini sulla legge 38/2020 per la presa in carico del dolore cronico
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Malattie croniche intestinali, Caprioli (IG-IBD): «L’ecografia riduce i tempi di attesa e costa meno»
Il Segretario Generale dell’IG-IBD: «Necessario formare medici specializzati nell’ ecografia delle anse intestinali, ma anche inserire un corso di ecografia già nel ciclo di studi universitari della facoltà di Medicina. L’ecografia delle anse intestinali, infatti, se effettuata da specialisti formati ad hoc migliora il trattamento dei pazienti ed evita eseguire altri esami più costosi ed invasivi»
Denti storti e bullismo: c’è una relazione?
L’Oral Health-related Quality of Life, Maccagnola (FACExp): «È una classificazione non solo della salute orale dell’individuo, ma anche del benessere funzionale, di quello emotivo, delle aspettative e della soddisfazione per la cura e della consapevolezza di sé»
Elezioni, Ricciardi (Azione): «Rivedere rapporto con le regioni sulla sanità»
Il responsabile sanità di Azione, Walter Ricciardi, chiede nuovi contratti di lavoro e programmi straordinari di assunzione: «Gli operatori sanitari sono l’unica categoria che ha perso potere d’acquisto in maniera così massiccia dal 2004»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi