Salute 26 Febbraio 2024 13:13

Social, un adolescente su 10 a rischio ansia e astinenza

L’Iss ha pubblicato un Report sulle tecnologie digitali, l’uso e le potenziali problematicità di strumenti tra la popolazione adolescenziale, nell’ambito dello studio multicentrico internazionale HBSC (Health Behaviour in School-aged Children) svolto in collaborazione con l’Ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Social, un adolescente su 10 a rischio ansia e astinenza

Hanno l’ansia di accedere a tutti i social network a cui sono iscritti, anche contemporaneamente, con l’obiettivo di trascorrere online quanto più tempo possibile. Restare offline può scatenare persino una crisi di astinenza, o far perdere completamente il controllo e la cognizione del tempo. Sono solo alcuni degli effetti che derivano dall’uso problematico dei social negli adolescenti. Li utilizzano, ogni giorno, circa quattro giovani su cinque e tra questi il 10% rischia serie ricadute sul suo benessere psico-fisico. A mettere in guardia dagli effetti negativi di un utilizzo inappropriato dei social network è l’Istituto Superiore di Sanità che, di recente, ha pubblicato un Report sulle tecnologie digitali, l’uso e le potenziali problematicità di strumenti tra la popolazione adolescenziale.

Lo studio dell’Iss

Il documento rientra nell’ambito dello studio multicentrico internazionale HBSC (Health Behaviour in School-aged Children) svolto in collaborazione con l’Ufficio regionale per l’Europa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Ma le ‘sorprese’ che emergono dal Report non finiscono qui: il mondo virtuale può essere così travolgente da indurre chi lo frequenta a trascurare quello reale, perdendo interesse per le attività quotidiane e per le relazioni vis à vis, comprese quelle con i propri genitori che possono essere tese e conflittuali. Lo studio ha coinvolto 89.321 ragazzi e ragazze tra gli 11 e i 17 anni di età, provenienti da tutta Italia.

I risultati, genere femminile più a rischio

Le ragazze appaio più vulnerabili e quindi maggiormente esposte al rischio di un uso problematico dei social media, a prescindere dalla fascia di età. Il divario tra i due sessi si allarga particolarmente nei 13enni, 15enni e 17enni, dove le femmine che mostrano un uso problematico dei social risultano il doppio rispetto ai maschi. Inoltre, per i ragazzi l’uso problematico dei social media sembra avere il suo picco negli 11anni, per poi diminuire progressivamente fino ai 17, la categoria che riporta una prevalenza minore. Le ragazze invece evidenziano un aumento tra gli 11 e i 13 anni, per poi mostrare, negli anni successivi, minori livelli di problematicità. Il genere maschile, infine, risulta più esposto a tutti quei rischi associati ai videogiochi. Circa quattro ragazzi su cinque riportano un uso quotidiano o settimanale, rispetto a una quota ridotta di ragazze, circa due su cinque.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...