Salute 19 Giugno 2018

La salute passa per il sistema endocannabinoide. Bagar (International Institute for Cannabinoids): «Ecco come funziona e a cosa serve»

Diversi processi vitali per l’organismo umano e animale passano per una rete composta da milioni di recettori che interagiscono con i cannabinoidi: «Grandissime potenzialità, ma ancora non conosciamo tutto…»

di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)
Immagine articolo

Nel corpo umano esiste una rete composta da milioni di recettori che interagiscono con i cannabinoidi, sostanze chimiche naturali che possono provenire dall’organismo stesso (e per questo si chiamano endo-cannabinoidi) o dall’esterno. La combinazione tra recettore e cannabinoide genera, all’interno del corpo, determinati processi che garantiscono il funzionamento di diverse funzioni e attività, tanto del sistema nervoso centrale quanto di quello periferico. Questa rete di recettori è conosciuta come “sistema endocannabinoide”, e sulle sue qualità e potenzialità c’è ancora molto da studiare e capire. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Tanja Bagar, CEO and Chairman of the Expert Council of the International Institute for Cannabinoids, in Slovenia, intervenuta nel corso del Balkannabis Expo, in Grecia.

Dottoressa Bagar, che cos’è il sistema endocannabinoide e perché è così importante per le nostre vite?

«Il sistema endocannabinoide è una sorta di sistema di protezione generale che abbiamo nel nostro corpo. La sua funzione è appunto quella di proteggere noi e la nostra biochimica, quindi le nostre cellule, i nostri tessuti, i nostri organi, insomma, tutto il nostro corpo. Forse il modo migliore per capire cosa faccia è quello di paragonarlo al sistema immunitario: abbiamo un sistema immunitario che è lì per proteggerci dai batteri, dai virus, dai parassiti, mentre il sistema endocannabinoide è lì per proteggerci da qualunque cosa ci possa accadere, dallo stress emotivo agli inquinanti che possiamo bere, mangiare o respirare. Questo sistema si attiva quando incontriamo virus, batteri, parassiti, oppure se abbiamo un danno fisico, come una frattura. Quindi il sistema si attiva ogni qual volta accade qualcosa al nostro corpo che rompa il nostro equilibrio e il nostro funzionamento ottimale. È per questo che è così importante per noi. Il sistema endocannabinoide funziona insomma come un pulsante di SOS».

LEGGI ANCHE: MALATTIE DEGENERATIVE, LE PROPRIETA’ DEL CBD. RUSSO (ICCI): «ALLEVIA SINTOMI DI EPILESSIA, CANCRO E ALZHEIMER»

Quali sono le prospettive a breve termine della ricerca?

«Innanzitutto, bisogna sapere cos’è e a cosa serve il sistema endocannabinoide e riuscire a gestire il nostro stile di vita, la nostra salute e il cibo in modo da nutrire questo apparato. Per questo una delle cose fondamentali è avere uno stile di vita e un tipo di alimentazione che possano nutrire il sistema endocannabinoide e aiutarlo a mantenersi in forma. Sappiamo che il nostro organismo ha bisogno di acidi grassi Omega 3 perché senza di loro non possiamo produrre endocannabinoidi. È poi necessario avere un intestino sano, perché è quello il posto in cui viene prodotta la maggior parte del sistema endocannabinoide, e se non è sano non riesce a produrla. Quindi questo è il primo aspetto. L’altro interviene in caso di malattia. Vediamo un utilizzo molto efficace di cannabinoidi nei casi di malattie autoimmuni, nel cancro, in malattie infiammatorie o neurologiche. In caso di malattia, il CBD o gli altri cannabinoidi fanno da stampella al sistema endocannabinoide e gli permettono di tornare in equilibrio e di ricoprire nuovamente il ruolo protettivo che ha. Questo probabilmente è il modo migliore per spiegare dove sta andando la ricerca».

Articoli correlati
Milano, il SiMPeF presenta l’evento “Adolescenza quella terra di nessuno”
L’adolescenza rappresenta il passaggio dallo stato infantile a quello adulto. È una fase caratterizzata dal cambiamento e, come ogni periodo di transizione, rappresenta un periodo critico nella vita di ogni individuo, in cui ansia e senso di inadeguatezza sono all’ordine del giorno. Per questo, il SiMPeF (Sindacato Medici Pediatri di Famiglia) ha organizzato l’evento “Adolescenza […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
Giornata mondiale del sonno, ecco i rimedi per dormire bene. L’esperta: «Sì a pesce azzurro, no vino e cioccolata»
Occhi sbarrati e risvegli nel cuore della notte? La causa potrebbe risiedere in cattive abitudini alimentari o stili di vita sbagliati. Troppo stress, un utilizzo eccessivo del pc o la mancanza di momenti di relax concorrono infatti a farci perdere il sonno, con conseguenze dannose su fisico e umore.  «E’ importantissimo dormire perché recuperiamo energia, […]
Sindrome cardio-renale: problemi per il 20-40% in soggetti con scompenso cardiaco
Ronco (nefrologo): «Importante che cardiologi e nefrologi collaborino per migliorare la situazione clinica dei pazienti»
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Politica

Professioni sanitarie, Beatrice Lorenzin: «Ordine importante per combattere abusivismo. Ma dal Governo passi indietro con deregulation»

«Abbiamo bisogno sempre di una maggiore specializzazione e anche di una capacità di intercettare i cambiamenti tecnologici», sottolinea a Sanità Informazione l’ex ministro della Salute, oggi dep...