Salute 18 Gennaio 2024 15:24

Sigarette, Oms: “Cala di oltre il 30% in 20 anni il numero di fumatori nel mondo. Sono 1,25 miliardi”

Il numero di fumatori, a livello globale, è calato di oltre il 30% in poco più di vent’anni. I risultati del ‘WHO global report on trends in prevalence of tobacco use 2000-2030’

Sigarette, Oms: “Cala di oltre il 30% in 20 anni il numero di fumatori nel mondo. Sono 1,25 miliardi”

Continua a calare il numero di fumatori nel mondo. Secondo l’ultimo rapporto redatto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ‘WHO global report on trends in prevalence of tobacco use 2000-2030‘, sono 1,25 miliardi, circa un adulto su cinque. Si tratta di un numero ancora molto alto, che, tuttavia, corrisponde a un calo di circa il 30% rispetto a 20 anni fa. “L’uso del tabacco continua a rappresentare una grave minaccia potenzialmente evitabile per la salute pubblica in tutto il mondo. Questa minaccia riguarda non solo quanti usano direttamente il tabacco, ma anche chi sceglie di non usare tabacco ma che potrebbero essere esposte a residui di tabacco e fumo dannosi”, si rileva nel rapporto, che ha analizzato l’andamento del consumo del tabacco in 150 Paesi del mondo proiettando le tendenze fino al 2030.

Le proiezioni per il 2030

Secondo l’analisi, nel 2000 circa la metà dei maschi con più di 15 anni (49,1%) consumava almeno un prodotto derivato dal tabacco. Nel 2020 si era raggiunto il 35,5%. Se il trend si manterrà stabile, si potrebbe raggiungere il 30,6% nel 2030, secondo le proiezioni Oms. Per quel che riguarda le donne, era fumatrice il 16,3% della popolazione femminile adulta nel 2000. La percentuale è scesa al 7,9 nel 2020 e potrebbe raggiungere il 5,7% nel 2030.

Un adolescente su 10 consuma tabacco o derivati

Tra i trend osservati preoccupa l’avvicinamento al tabacco da parte dei minori. Secondo il rapporto, circa un adolescente su 10 tra i 13 e i 15 anni (il 9,7% pari a circa 37 milioni) consuma prodotti derivati del tabacco. “Negli ultimi anni sono stati compiuti buoni progressi nel controllo del tabacco, ma non c’è tempo per l’autocompiacimento – dice in una nota Ruediger Krech, direttore del dipartimento di Promozione della salute dell’Oms -. Nel momento in cui un governo pensa di aver vinto la lotta contro il tabacco, l’industria del tabacco coglie l’opportunità di manipolare le politiche sanitarie e – conclude – vendere i suoi prodotti letali”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...