Salute 5 Maggio 2015 18:36

“Siamo noi medici la prima linea dell’emergenza migranti”

La testimonianza esclusiva del dottor Alessandro Cristaudo

“Siamo noi medici la prima linea dell’emergenza migranti”

Nei concitati soccorsi direttamente in mare e, subito dopo, nei centri d’accoglienza sono le nostre mani il primo contatto tra i migranti e l’Italia”. Il dottor Alessandro Cristaudo racconta così –  in esclusiva a Sanità Informazione – la sua esperienza a Lampedusa con il C.I.S.O.M. (Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta).

Proprio in queste ore in cui gli sbarchi si sono intensificati (secondo le stime del Viminale sono 7mila le persone arrivate solo negli ultimi giorni), la figura dell’operatore sanitario, ha visto confermare la sua centralità nelle operazioni di soccorso. Ed in attesa che si trovi una soluzione, anche a livello internazionale, in prima linea – insieme a forze armate e volontari – ci sono proprio i medici. Ed il loro è un ruolo delicato e pieno di insidie oltre che di responsabilità. E nessuno, meglio di chi vive direttamente sul campo quell’esperienza, può raccontare le criticità che si incontrano e offrire una testimonianza diretta di quanto sia complicato districarsi sulla sottile linea che separa uomo e professionista davanti a scene di forte impatto e grande disperazione e a scelte che danzano sulla linea sottile tra la vita e la morte.

E questo trapela con estrema chiarezza dalle parole di Alessandro Cristaudo. “Davanti a numeri di questo genere, le difficoltà logistiche aumentano e spesso ti portano al limite – spiega il medico – e va considerato che ci troviamo a soccorrere 1500 o 1700 migranti su una nave della Marina, equipaggiati con uno zaino e, nelle situazioni migliori, con una medicheria di bordo a disposizione e con la possibilità di garantire nell’immediato, almeno, un pasto caldo ed un riparo dalle intemperie, a chi è stato in balia del mare per giorni e giorni”.

Senza sottovalutare il rischio delle epidemie: difficile non solo da gestire, ma anche da individuare. “La formazione in questo caso è fondamentale – prosegue il dottor Cristaudo – così come le precauzioni da prendere. Può sembrare banale, ma dobbiamo prepararci con attenzione anche nelle operazioni di vestizione e svestizione dalle tute isolanti e dai guanti. Vanno creati, negli spazi angusti in cui dobbiamo muoverci in quelle situazioni, dei percorsi preferenziali dove isolare e smaltire tutto ciò che può innescare dei contagi con effetti incontrollabili”. Accortezze fondamentali mentre resta forte la minaccia di Ebola e di numerosi virus tornati prepotentemente alla carica, come ad esempio la scabbia. “Nel caso di Ebola – spiega Cristaudo – scattano operazioni di bio-contenimento ad hoc, ma ad ogni modo sarebbe necessario oltre che opportuno essere adeguatamente preparati. Il problema è che questo impone spesso tempi lunghi e mezzi adeguati, ma spesso siamo costretti ad operare in situazione di emergenza pura con migliaia di persone, con tante donne e bambini, e si procede con quanto mette a disposizione la Marina e lo Stato”. Formazione e informazione giocano un ruolo fondamentale, ma la missione del medico – davanti al dramma – finisce per andare oltre i limiti. “Lavorando in pronto soccorso sono abituato ai turni massacranti – conclude il dottor Cristaudo – ma queste situazioni non hanno termini di paragone: al tuo fianco vedi marinai che si alternano dormendo per giorni al massimo 2 o 3 ore e viene spontaneo fare quello che anche per noi è un dovere”.

E intanto è stato creato, proprio a Lampedusa, un Istituto, vigilato dal Ministero della Saluto, che da questa settimana al 30 novembre, offrirà assistenza medico-specialista ai migranti. A loro disposizione – sette giorni su sette –  due medici, un antropologo e un mediatore transculturale esperto in ambito sanitario, nella sede allestita ad hoc nel Centro locale di primo soccorso e accoglienza.

Articoli correlati
Muro di Berlino, Foad Aodi (Amsi): «Dopo 32 anni il 40% dei sanitari dell’est è ritornato a casa»
Amsi, Umem e Movimento Uniti per Unire: «Dopo anni ci sono ancora muri mentali e materiali nel mondo, chi era povero è diventato ricco e meno altruista»
Minori stranieri non accompagnati tra vulnerabilità e resilienza. CISMAI presenta percorsi di accoglienza, presa in carico, tutela e cura
Il volume, ultima pubblicazione di una collana FrancoAngeli interamente curata da CISMAI, offre una panoramica sul tema dei minori stranieri che affrontano un viaggio pieno di aspettative e speranze, abbracciando la complessità del fenomeno dal punto di vista psicologico, normativo, socio-educativo e specialistico
Se i disabili si ammalano soffrono due volte. Ecco come adeguare ambulatori e ospedali alle loro necessità
Ghelma (Asmed): «Formare medici e operatori sanitari al trattamento di pazienti con disabilità»
di Isabella Faggiano
Coronavirus, Aodi (Amsi): «Il 40% nel mondo dei contagi sono d’importazione ma non è colpa dei migranti irregolari»
Amsi, UMEM e UXU: «Bene controllare tutti i provenienti dai Paesi in cui l'epidemia è in fase acuta ma urge intensificare anche gli accordi bilaterali»
Puglia, Anelli (OMCeO Bari) plaude i medici: «La buona sanità pugliese cammina sulle loro gambe»
«Le due bambine salvate dai medici dell’Ospedale Giovanni XXIII di Bari sono l’esempio di come la qualità dell’assistenza sanitaria che la nostra regione può offrire, insieme alla passione e alla dedizione dei suoi medici, non sono seconde a nessuno». Così Filippo Anelli, Presidente dell’Ordine dei medici di Bari, commenta i casi recenti delle due bambine […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...