Salute 4 Novembre 2022 11:31

Screening tumore cavo orale negli studi dentistici: AIO lancia progetto

Dal 30° Congresso di Roma parte il progetto “Oral Care – Total Care”. Presidente Fiorile (AIO): «La salute dei pazienti è la nostra priorità, investiamo nella prevenzione e in tecniche mini-invasive»

Negli studi dentistici arriva la diagnostica avanzata. Nasce il primo progetto di screening per la prevenzione del cancro orale, promosso dall’Associazione Italiana Odontoiatri che, al 30° Congresso Nazionale tenutosi a Roma dal 27 al 30 ottobre, ha annunciato l’avvio del progetto ‘Oral Care-Total Care’ per contrastare una patologia diagnosticata ogni anno, nel mondo, a oltre 500 mila pazienti.

Il progetto parte a novembre, nel 2023 i primi risultati

Il progetto prenderà il via nel mese di novembre. Saranno una ventina i professionisti presenti in tutta Italia a partire e che porteranno avanti per 2 anni un protocollo di screening. A maggio 2023 la presentazione dei primi risultati. Una prima linea di intervento che prende il via direttamente dal Congresso Nazionale. La tre giorni, a Villa Pamphili, ha visto impegnati i professionisti del settore con le eccellenze della categoria: docenti universitari, maestri dell’Odontoiatria e giovani professionisti emergenti. Un’occasione di approfondimento e formazione, ma anche di dialogo per affrontare le attuali emergenze.

“Tutti i contributi apportati in sede di congresso hanno delineato la necessità di intervenire attraverso tecniche che consentano la mini invasività assoluta nella bocca dei pazienti – afferma Fausto Fiorile, Presidente nazionale AIO -. Obiettivo è preservare il più a lungo possibile sia i denti che i tessuti del cavo orale, ogni frazione di millimetro è importante. Un messaggio forte e controcorrente rispetto alle promozioni pubblicitarie social e online che inducono molto spesso a terapie decisamente più invasive quali ad esempio i trattamenti implanto-protesici, in molti casi nemmeno necessarie e addirittura proposte prima ancora di aver visitato il paziente. Essere attenti alla conservazione del dente e della bocca significa avere a cuore la salute dei pazienti, fattore che, forse, non è prioritario in chi fa quel tipo di promozione. Ecco perché avviamo questo progetto di diagnostica avanzata”.

Il tumore del cavo orale

“Quello del cavo orale è un tumore relativamente frequente e può avere origine nei tessuti di lingua, palato, labbra, mucose e faringe – sottolinea David Rizzo, dirigente nazionale AIO e responsabile del progetto -. Il 75 % dei casi è dovuto a fattori di rischio ricorrenti come il fumo, l’alcol, fattori irritativi cronici da protesi incongrue o da abrasione a causa di denti fratturati, papilloma virus, ma un dato ancora più significativo è che circa il 25 % dei pazienti colpiti non fuma ne beve alcol. In compenso, se viene diagnosticato in stadio iniziale, il tasso di mortalità può ridursi del 90% e la chirurgia può non essere particolarmente invasiva”. Il progetto avviato in collaborazione con Pierrel, che fornirà gratuitamente i dispositivi per gli screening, avrà una durata di due anni. Si partirà formando un “cluster” di associati sul protocollo dell’uso dell’apparecchiatura; i primissimi dati della sperimentazione potranno essere illustrati già a primavera in occasione di Expodental.

Il ruolo dell’odontoiatra

“L’Odontoiatra ha un ruolo fondamentale nello screening del cancro orale, sappiamo che per le lesioni che non guariscono in circa 14 giorni è necessaria la biopsia – prosegue Rizzo -. Ma si può arrivare ad una diagnosi rapida sottoponendo il paziente ad un esame, l’immunofluorescenza, con un dispositivo che assorbe raggi ultravioletti e li emette a lunghezza d’onda maggiore consentendo di migliorare la diagnosi delle lesioni con potenziale cancerogeno. Lo strumento è di facile utilizzo ed è possibile strutturare screening periodici e massivi. Il progetto nazionale sarà accompagnato da una campagna di sensibilizzazione della popolazione”.

“Dopo questa prima fase di sperimentazione – conclude il Presidente Fiorile – tutti gli Odontoiatri e non solo i soci AIO potranno disporre di un protocollo ben definito per offrire una diagnostica quotidiana presso il proprio dentista di fiducia durante tutti i periodi dell’anno. Questo sia per evitare ai pazienti attese e spostamenti che per sollevare gli ambulatori ospedalieri da un carico lavorativo sempre meno sostenibile. Contiamo di offrire formazione anche ai medici di famiglia, ben sapendo che la diagnostica in studio e nelle case della salute avrà grande sviluppo grazie ad una riforma della medicina territoriale alla quale l’Odontoiatria può dare il suo contributo”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa