Salute 9 ottobre 2018

Schizofrenia, tra le cause anche il mese di nascita, fattori ambientali e processi psicologici. E forse un virus

In occasione della Giornata mondiale della salute mentale, Cristoph Correll, professore di psichiatria presso la Hofstra Northwell School of Medicine di New York, approfondisce cause, sintomi e terapie della schizofrenia

Immagine articolo

Gli immigrati e chi vive in città hanno maggiori possibilità di sviluppare la schizofrenia. Ma anche il mese di nascita può incidere: in base ad alcuni studi, pare che chi nasce nei mesi invernali, sia nell’emisfero nord (dove fa freddo) che nell’emisfero sud (dove fa caldo), corra rischi maggiori. A causa di un virus, forse. Poi, tra i fattori di rischio vi sono l’uso di cannabis prima dei 18 anni, traumi alla nascita, familiarità con disturbi psicotici, nascite premature o carestie. Ma che cos’è la schizofrenia e cosa si sta facendo per curarla? In occasione della Giornata mondiale della salute mentale, che si celebra il 10 ottobre, Sanità Informazione ha approfondito uno dei disturbi mentali più gravi, che solo in Italia colpisce 245mila persone, con Christoph Correll, professore di psichiatria presso la Hofstra Northwell School of Medicine di New York.

LEGGI ANCHE: UN CORPO SOLO, DECINE DI PERSONALITÀ. QUANDO IL CERVELLO È COME UNA CELLULA CHE CONTINUA A SDOPPIARSI

Professore, che cos’è la schizofrenia?

«La schizofrenia è un disturbo mentale caratterizzato da sintomi che appartengono a due sfere diverse e opposte. Da un lato abbiamo i sintomi positivi, ovvero quelli che non si dovrebbero avere ma che contraddistinguono gli schizofrenici: deliri, allucinazioni o confusione mentale; dall’altro ci sono i sintomi negativi, cioè caratteristiche che noi tutti abbiamo ma che mancano a chi soffre di schizofrenia: la capacità di socializzare, di godersi la vita, di chiacchierare del più e del meno ed essere integrati nella società. Poi la schizofrenia porta a disturbi cognitivi e problemi comportamentali».

Il tasso di suicidi di chi soffre di schizofrenia è parecchio alto. Per quali ragioni?

«Circa il 10% dei pazienti con schizofrenia muore suicida ed il 30-40% tenta di porre fine alla propria vita. In genere sono i primi 2-5 anni dopo la diagnosi i più difficili, quando il terapeuta dice che il paziente sta bene e allora si paragona con familiari, amici o conoscenti ma si rende conto di non avere gli stessi risultati degli altri nella propria vita. Entrano in depressione e si uccidono».

Come si cura la schizofrenia?

«Le prime terapie che sono state sviluppate sono a base di antagonisti dopaminergici e da allora negli ultimi 60 anni sono stati rifiniti i modi in cui limitare la trasmissione di dopamina. Ciò che ancora non abbiamo sono medicinali che agiscano al di fuori del sistema dopaminergico. Ci sono stati diversi tentativi ma ancora non siamo stati in grado di trasformarli in una pillola. Le ricerche più recenti inoltre riguardano la trasformazione della terapia da quotidiana a mensile o addirittura trimestrale, che potrebbe consentire di superarne gli attuali limiti principali: in primis il fatto che i pazienti non assumono i medicinali come prescritti, cosa che porta a ricadute, peggioramenti e scarsi risultati».

Articoli correlati
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Don Giuseppe, il cappellano dell’Opg che ha anticipato di trent’anni la legge 81: «Abbiamo “liberato” oltre mille pazienti psichiatrici criminali»
«La malattia mentale fa ancora paura. Invece si tratta di individui che, se adeguatamente curati, possono esprimere se stessi». La storia di Giuseppe Insana, il sacerdote che ha concesso una nuova vita agli internati, prima della definitiva chiusura di tutti gli Opg d’Italia
di Isabella Faggiano
Psichiatria e umanizzazione cure, Carozza (psichiatra): «Rapporto medico-paziente appiattito da aumento burocrazia»
«La persona con malattia mentale non è solo una portatrice di sintomi, ma anche di emozioni e desideri. La sua patologia non azzera la capacità di scelta, né la possibilità di crescere e di sperare». Per Paola Carozza, direttore del dipartimento di Salute Mentale di Ferrara, sono questi i quattro principi fondamentali da rispettare per umanizzare le cure in psichiatria
di Isabella Faggiano
Legge Basaglia, se ne parla al Festival dell’Impegno Civile. Tra gli ospiti Sileri e D’Arrando
L'incontro si svolge a Sessa Aurunca su un terreno confiscato alla criminalità. Tra i promotori il comitato don Peppe Diana e il coordinamento casertano di Libera
Al via grande finanziamento mondiale per la ricerca sull’autismo: tra i partner Fondazione Stella Maris e Università di Pisa
Il più grande finanziamento per la ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo è stato assegnato dall’Innovative Medicines Initiative a un consorzio internazionale guidato dall’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (IoPPN) del King’s College di Londra. Partner italiano del consorzio è l’equipe guidata dal Professor Filippo Muratori direttore dell’unità operativa di Psichiatria dello Sviluppo del […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...