Salute 29 Marzo 2019

Sanità, Consiglio d’Europa dichiara ammissibile ricorso di Nursing Up contro l’esclusione dai tavoli dei sindacati non firmatari del CCNL

«Un passo importante in favore della democrazia, l’Ue tutela la libertà di rappresentare le istanze dei lavoratori meglio dell’Italia. E lo fa con questa decisione di Strasburgo che dimostra la nostra coerenza nel condurre una battaglia di civiltà a vantaggio di tutte le organizzazioni sindacali» afferma Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri

Il Comitato Europeo dei Diritti Sociali ha dichiarato ammissibile il reclamo del Nursing Up nell’ambito delle Decisioni adottate dal Comitato Europeo dei Diritti Sociali, durante la sua 305a sessione. «Un passo importante in favore della democrazia, l’Ue tutela la libertà di rappresentare le istanze dei lavoratori meglio dell’Italia. E lo fa con questa decisione di Strasburgo che dimostra la nostra coerenza nel condurre una battaglia di civiltà a vantaggio di tutte le organizzazioni sindacali». Così Antonio De Palma, presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up, commenta la nota pubblicata dal Consiglio d’Europa sul sito ufficiale (www.coe.int).

Ora il Governo italiano ha tempo fino al 29 maggio 2019 per rispondere al Comitato in merito al reclamo collettivo presentato dal Nursing Up, in applicazione dell’Articolo 7§1 del Protocollo e del Regolamento 31§1 del Comitato Europeo dei Diritti Sociali. È quanto fa sapere in una lettera indirizzata alla sigla autonoma il Directorate General Human Rights and Rules of Low – Department of the European Social Charter.

«Andremo avanti fino in fondo – annuncia De Palma – contro una norma contrattuale iniqua che chiede ai sindacati, nei fatti, di firmare contratti anche se non li condividono perché costringe le sigle dissenzienti ad una condizione che penalizza la libera partecipazione alla contrattazione sul territorio, impedendogli così di rappresentare i propri iscritti ai tavoli. Come si può fare sindacato senza poter dire di no ad un contratto penalizzante per i lavoratori?».

Nella notizia diffusa dal Consiglio d’Europa viene riportato quanto segue:

«Il Comitato Europeo dei Diritti Sociali – si legge – ha adottato durante la sua 305a sessione (18-20 marzo 2019):

  • La decisione sull’ammissibilità nel caso Associazione nazionale sindacato professionisti sanitari della funzione infermieristica – Nursing Up v. Italia, Denuncia n. 169/2018

Il reclamo è stato registrato il 9 luglio 2018. Si riferisce all’articolo 5 (diritto di organizzazione), 6§2 (diritto alla contrattazione collettiva) 21 (diritto all’informazione e alla consultazione), 22 (diritto di prendere parte alla determinazione e al miglioramento delle condizioni di lavoro e ambiente di lavoro) ed E (non discriminazione) della Carta Sociale Europea Revisionata.

Nursing Up sostiene che, ai sensi del Decreto legislativo n. 165/2001 e del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (National Collective Labour Agreement) relativo al personale del comparto della sanità pubblica del 21 maggio 2018, i sindacati rappresentativi – Nursing Up tra loro – sono stati esclusi da ogni successiva partecipazione alla contrattazione collettiva a causa del loro rifiuto di firmare il CCNL. Il sindacato ricorrente sostiene che questa situazione viola gli articoli 5, 6§2, 21, 22 nonché E e G in combinato disposto con ciascuna delle disposizioni interessate dalla Carta.

Il Comitato ha dichiarato il reclamo ammissibile il 18 marzo 2019».

Articoli correlati
Mangiacavalli (FNOPI): «Servono più infermieri. Aumentare del 20% i posti all’università»
Il contributo della presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche Barbara Mangiacavalli
di Barbara Mangiacavalli, Presidente FNOPI
Chi è e cosa fa l’infermiere di quartiere? Il ritratto della figura nata con il Dl Rilancio secondo Paola Obbia, presidente AIFeC
Per la presidente dell’Associazione italiana infermieri di famiglia e comunità: «Le attività degli infermieri libero-professionisti superano di gran lunga le prestazioni per cui sono pagati e sopperiscono alle carenze delle cure territoriali distrettuali»
«Così ho dato voce ai miei colleghi in prima linea contro il Covid-19». Esperienze, paure ed emozioni nell’ebook dell’infermiera Silvia Fortunato
"Racconti di cura che curano" raccoglie esperienze e testimonianze di 60 tra medici e infermieri coinvolti nell'emergenza. La curatrice: «L’obiettivo è far capire alla popolazione come noi abbiamo vissuto la pandemia. Più che essere chiamati eroi per un giorno vorremmo essere riconosciuti come dei professionisti tutti i giorni»
Giornata Internazionale dell’Infermiere, De Palma (Nursing Up): «Noi soldati senza paura. Gli infermieri ci sono e ci saranno sempre»
«Certamente quello di oggi, simbolicamente parlando, non può essere considerato un giorno come tanti. Ma allo stesso tempo, non è solo attraverso una data, non è solo con una celebrazione come quella odierna, che dobbiamo ricordare all’Italia e al mondo il ruolo degli infermieri, il loro “peso specifico” nel panorama della sanità nazionale». Così il Presidente […]
Giornata internazionale infermiere, Speranza: «Ruolo sempre più fondamentale per l’assistenza alle persone»
La presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli: «Pazienti mai soli se gli infermieri potranno essergli vicini. Il tempo di relazione per noi è tempo di cura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.410.439 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 345.105 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 24 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...