Salute 29 Dicembre 2021 16:35

Salta il bonus psicologo dalla Legge di Bilancio, l’amarezza di Lazzari (CNOP): «Tagliato come fosse un lusso»

Un emendamento bipartisan aveva spianato la strada all’introduzione di un contributo per chi avesse bisogno di sostegno psicologico. Ma il Ministero dell’Economia ha detto no all’erogazione dei 50 milioni previsti. «Se si vuole trovare una soluzione nell’immediato il bonus è la strada più veloce, speriamo nei prossimi decreti» spiega David Lazzari

di Francesco Torre
Salta il bonus psicologo dalla Legge di Bilancio, l’amarezza di Lazzari (CNOP): «Tagliato come fosse un lusso»

Il bonus psicologo sembrava cosa fatta: appoggiato da quasi tutte le forze parlamentari, doveva essere introdotto in legge di Bilancio 2022 grazie ad un emendamento bipartisan ad hoc. Invece, all’ultimo minuto, è arrivato lo stop del Ministero dell’Economia e Finanza e i 50 milioni di euro destinati al benessere psicologico degli italiani sono sfumati nel corso dell’esame notturno della manovra in commissione Bilancio al Senato.

«È incredibile che il MEF tagli queste cose come se fossero dei lussi» commenta a Sanità Informazione con una punta di amarezza David Lazzari, presidente del Consiglio dell’Ordine degli Psicologi. Il bonus altro non era che un sostegno finanziario a chi volesse recarsi dallo psicologo: con il “bonus avviamento” si stanziava un contributo di 150 euro per i cittadini maggiorenni a cui non è stato diagnosticato un disturbo mentale e che non hanno avuto accesso ad altre agevolazioni in materia di salute mentale, ma senza limiti di reddito.

Con il bonus sostegno si avrebbero avuto dei sostegni economici da 400 a 1600 in base al reddito. Risorse che però all’ultimo si è scelto di destinare ad altro, nonostante tutte le statistiche segnalino un consistente aumento del disagio psicologico tra gli italiani dopo due anni di pandemia.

Presidente, come mai alla fine il bonus, che sembrava cosa fatta, è saltato?

«All’ultimo minuto, al fotofinish, è intervenuto il Ministero dell’Economia e delle Finanze che ha tagliato gran parte dei fondi per la psicologia scolastica e questo bonus che si voleva inserire con criteri ben definiti. È saltato per ragioni economiche, contabili. Credo che ci sia una visione un po’ miope nel fare queste scelte. È chiaro che i conti devono quadrare ma è evidente che qui si tratta di investimenti: esistono ormai tantissimi studi che sostengono che problematiche psicologiche non affrontate hanno un costo molto importante per l’economia oltre che per le persone. In realtà questi fondi andrebbero considerati come un investimento».

Anche in passato si è provato ad inserire dei bonus psicologo, com’è andata?

«Il bonus per la legge di Bilancio 2022 stanziava 50 milioni che si univa alle risorse per la psicologia scolastica, fondi destinati a inserire gli psicologi in maniera strutturale nelle scuole. Quest’ultimo fondo è rimasto ma dai 120 milioni iniziali è stato ridotto a 20 milioni, una cifra simbolica. La cosa incredibile è che un bonus nella legge di Bilancio in realtà c’è: si tratta di un bonus da 20 milioni di euro, dieci dei quali vengono dalla legge 106 e 10 sono stati messi ex novo nel Bilancio per consentire l’accesso agli interventi psicologi alle fasce più deboli delle popolazioni. È un paradosso, non si capisce perché non sia stato incrementato quel bonus già presente. I dieci milioni stanziati nel 2021 non sono stati mai spesi perché richiedeva un decreto attuativo del Ministero dell’Economia e della Salute, mai emanato. Hanno preso quel fondo, ci hanno aggiunto altri dieci milioni, e lo hanno inserito nella legge di Bilancio. Perché non hanno incrementato quello che già c’era?».

Secondo lei, allora, quali sono le strade per rispondere al bisogno di salute psicologica della popolazione?

La strada è quella di incrementare le cifre messe nella legge di Bilancio e fondamentalmente le strade sono tre: il bonus che è una risposta immediata, emergenziale e quindi, se si vuole dare una risposta nell’immediato, questa è la soluzione. La seconda strada parallela è incrementare i fondi della psicologia scolastica, perché è fondamentale che ci sia un presidio di prevenzione ma anche di ascolto e sostegno nella scuola dove si possono intercettare gran parte dei disagi legati all’infanzia e all’adolescenza che hanno un particolare valore perché incidono sulla formazione e sulla costruzione della persona. È un investimento essenziale. La terza strada è quella di una sanità che venga potenziata e che vengano fatte assunzioni nei servizi sanitari. Questa strada richiede però tempi più lunghi, mentre invece le altre due strade sono cose che governo e parlamento possono realizzare con le prossime leggi, l’emergenza c’è ancora e di leggi e di decreti ce ne saranno tanti nei prossimi mesi e quelle sono le sedi per fare questo. È positivo che il Parlamento si sia reso conto dell’importanza di questi temi, ma è incredibile che poi il MEF tagli queste cose come se fossero dei lussi».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Bonus psicologo, la Regione Lazio istituisce un fondo destinato ai più fragili e ai più giovani
Vengono stanziati 2,5 milioni di euro per garantire l’accesso alle cure per la salute mentale e la prevenzione del disagio psichico, attraverso voucher da utilizzare presso strutture pubbliche del Lazio
In Parlamento tutti d’accordo sul “bonus psicologo”. Lazzari (CNOP): «Offrire risposte in attesa di rafforzamento SSN»
Un emendamento alla Legge di Bilancio, firmato da tutti i gruppi, prevede lo stanziamento di 50 milioni di euro per permettere ai cittadini meno abbienti di fruire dello psicologo. Lazzari ricorda: «In questi ultimi mesi abbiamo registrato un 25% di aumento dei disturbi di ansia e depressione che riguardano il 20% della popolazione, urgente agire»
di Francesco Torre
Formazione ECM, Lazzari (CNOP) : «Aggiornamento deve essere vissuto come risorsa dai professionisti»
Sileri ha annunciato il no a ulteriori proroghe per la formazione obbligatoria, dal 1 gennaio via alle sanzioni. Il presidente del Consiglio nazionale degli Psicologi chiede di valorizzare l'aggiornamento continuo senza farlo vivere agli iscritti come un mero adempimento burocratico
Global Mental Health Summit 22 sarà a Roma, Lazzari (CNOP): «Ora psicologi nel pubblico per arginare psicopandemia»
Il presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine degli Psicologi David Lazzari: «Prevenzione e promozione al centro, servono normative non più "in emergenza" ma in risposta strutturale a problematiche della popolazione»
Lazzari (CNOP): «Dati Unicef drammatici su disagio giovani, Istituzioni prendano in mano situazione»
«Un giovane su tre con problemi di malessere psicologico, uno su cinque con problemi di depressione, uno su sette con una patologia psichica strutturata, il suicidio come seconda causa di morte (4 casi su 100 mila): questi i dati del Rapporto Unicef presentato oggi. La London School of Economics stima 400 miliardi di dollari all’anno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 gennaio, sono 362.588.865 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.627.080 i decessi. Ad oggi, oltre 9,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre