Salute 1 Marzo 2019

Roncopatia e apnee del sonno, ne soffre uno su due. Salamanca (otorinolaringoiatra): «Ecco le novità nella diagnosi e nei trattamenti»

Sono oltre 5 milioni le persone che in Italia soffrono di roncopatia. Studi recenti, realizzati in Svizzera, parlano addirittura di un disturbo che interessa una persona su due, con forme di apnea del sonno anche gravi. Al centro Humanitas San Pio X di Milano il dottor Salamanca con la sua équipe studia nuove tecniche per […]

di Federica Bosco

Sono oltre 5 milioni le persone che in Italia soffrono di roncopatia. Studi recenti, realizzati in Svizzera, parlano addirittura di un disturbo che interessa una persona su due, con forme di apnea del sonno anche gravi. Al centro Humanitas San Pio X di Milano il dottor Salamanca con la sua équipe studia nuove tecniche per fronteggiare e risolvere il problema.

Roncopatia: di cosa si tratta?

«Innanzitutto, occorre fare una distinzione tra le due roncopatie: una è il classico russamento, la vibrazione delle strutture molli delle prime vie aeree che crea questo fastidioso rumore, mentre la seconda caratteristica della roncopatia è la presenza delle apnee del sonno, ovvero momenti di interruzione del respiro durante il sonno che a lungo andare possono creare problemi importanti soprattutto per l’apparato cardiovascolare, quindi per il cuore, ma anche per il sistema nervoso centrale, quindi il cervello, e ancora per il rene e il polmone. Sono interruzioni con calo dell’ossigenazione del sangue durante il sonno, che mettono in difficoltà una serie di organi».

Ci sono fattori che hanno maggiore incidenza?

«Sicuramente anatomici, ovvero delle prime vie aree, dall’ingombro tonsillare, al prolasso del palato molle, dalla grandezza della lingua, alla respirazione nasale. Esistono poi fattori esterni come sovrappeso, fumo, utilizzo di farmaci come ipnotici, antidepressivi, miorilassanti, sonniferi che possono dare un peggioramento della situazione.

Diagnosi e cura della roncopatia: gli interventi

La prima cosa da fare è una diagnosi differenziale, ovvero con una polisonnografia, un esame che registra, durante la notte, il russamento, la presenza delle apnee, la posizione del corpo, la frequenza cardiaca, l’ossigenazione del sangue, diversi parametri che concorrono alla diagnosi. Dopodiché si fa un esame endoscopico, sleep endoscopy, attraverso un sonno indotto para fisiologico. Venti minuti durante i quali il paziente si addormenta, russa e va in apnea, quindi si registrano, attraverso una telecamera, le ostruzioni e le modalità di russamento per poi decidere quale terapia seguire. Quali sono? Attraverso terapie chirurgiche o ventilatorie si risolve quasi del tutto il problema: ad esempio con una mascherina nasale che introduce aria continuamente sotto pressione si ottiene la scomparsa pressoché totale delle apnee e del russamento. Allo stesso modo, oggi la terapia chirurgica sta dando risultati notevoli. Un’altra terapia che funziona bene è quella ortodontica con dei byte che vengono messi tra le arcate dentali durante il sonno per tenere la bocca chiusa e posizionare bene la mandibola».

Articoli correlati
Tamponi e test sugli anticorpi, il ruolo dei laboratori privati nella lotta al Covid-19
Le amministrazioni locali reclutano i centri dotati di biologia molecolare. Lamberti (presidente Federlab): «Impensabile far fronte all’emergenza senza schierare tutta la forza laboratoristica presente in Italia»
Giornata Mondiale Lipodistrofia: ritardi nella diagnosi fino a 14 anni. Il monito degli esperti europei
La Giornata Mondiale della Lipodistrofia 2020 è l’occasione per ricordare l’importanza di una maggiore consapevolezza sulle lipodistrofie, un gruppo di malattie ultra-rare che si stima colpiscano nel mondo almeno 4 persone su 1 milione. «Quando si parla di lipodistrofia – commenta il Professor Ferruccio Santini, responsabile del Centro Obesità e Lipodistrofie dell’Università di Pisa – […]
COVID-19, AIFA e Gilead: «Italia tra i Paesi che testeranno l’antivirale remdesivir»
Si tratta di due studi di fase 3 che coinvolgeranno i centri con maggior numero di pazienti in Italia: l'Ospedale Sacco di Milano, il Policlinico di Pavia, l’Azienda Ospedaliera di Padova, l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma e l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma
Coronavirus, ecco il vademecum dell’Istituto Superiore di Sanità
Il documento contiene tutte le risposte alle domande più frequenti sul coronavirus: quali sono i sintomi a cui fare attenzione, i numeri da chiamare, come proteggere i familiari. La guida contiene anche le indicazioni sulle nuove misure adottate dal Governo
Napoli, usato farmaco per artrite su due pazienti affetti da Polmonite da Covid 19
La somministrazione è stata possibile grazie alla collaborazione tra l'Azienda Ospedaliera dei Colli e l'Istituto Nazionale Tumori Irccs Fondazione Pascale. I medici: ««Già a distanza di 24 ore dall’infusione, sono stati evidenziati incoraggianti miglioramenti soprattutto in uno dei due pazienti, che presentava un quadro clinico più severo». Si sta valutando la possibilità di trattare altri pazienti in condizioni critiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...