Salute 25 Ottobre 2018

Risolve problemi circolatori, migliora l’ipertensione e le capacità visive. Scapagnini (biochimico): «L’elisir di lunga vita è la cioccolata»

Proprio per queste sue proprietà benefiche, la cioccolata è stata riconosciuta dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) come ‘claim salutistico’

Immagine articolo

«Chi ha detto che la cioccolata non è uno degli energetici principali della dieta umana? A me sembra più nutriente dei fagioli e dei broccoli, tanto per citarne qualcuno». Lo scriveva la scrittrice cilena Isabelle Allende nel suo romanzo ‘Afrodita’ del 1997. Pur non essendo un medico, una delle autrici latinoamericane di maggior successo, già venti anni fa, aveva anticipato quella che è oggi è una certezza scientifica: la cioccolata, se assunta in quantità misurate, è un toccasana per la salute.

«Quando si parla di cioccolata, non si deve pensare solo all’alimento frutto di una serie di preparazioni industriali caratterizzate dall’aggiunta di elementi grassi – sottolinea Giovanni Scapagnini, biochimico clinico e professore del Dipartimento di Medicina e Salute dell’Università del Molise -. Nella realtà l’oggetto d’interesse riguarda la parte non nutriente del cioccolato, cioè la componente in polifenolo, la classe di sostanze che sono contenute nel cacao, all’interno della fava nel semino del frutto del cacao della pianta theobroma. Queste si chiamano flavanoli e, insieme alla chetachina, negli ultimi anni sono stati elementi oggetto d’interesse scientifico straordinario».

LEGGI ANCHE: IL CIOCCOLATO FA BENE AI BAMBINI? I 5 CONSIGLI DELLA PEDIATRA AI GENITORI

«Infatti si tratta – prosegue – di sostanze attivatrici di un enzima che aumenta l’ossido nitrico all’interno delle cellule endoteliali e determina un miglioramento del tono vasale, quindi delle funzioni circolatorie dell’organismo».

Proprio per queste sue proprietà benefiche, la cioccolata è stata riconosciuta dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) come ‘claim salutistico’ per la sua composizione caratterizzata da «flavanoli del cacao che contribuiscono a mantenere l’elasticità delle vene e di conseguenza una normale pressione sanguigna», come evidenziato dall’EFSA in una nota stampa.

«L’autorità Europea ha attribuito, per la prima volta ad una ‘pianta’, un beneficio sul circolo sanguigno dal punto di vista clinico per gli aspetti legati al sistema cardiovascolare, in particolar modo all’ipertensione e all’ossigenazione dei tessuti – continua -. Gli studi si sono concentrati tantissimo sulla neuro-protezione e sul mantenimento della funzione cerebrale e da qualche anno ci si è iniziati ad interessare anche all’effetto di queste sostanze sulla funzione oculare».

«A proposito, è recente un bellissimo articolo su Jama oftalmology che ha mostrato come l’utilizzo dei flavanoli del cacao possa anche avere ottime ripercussioni sulla vista. Infatti il cacao può migliorare l’equità visiva, la messa a fuoco, il contrasto e la funzioni globale dell’occhio in soggetti che ne mangiano anche piccole quantità».

LEGGI ANCHE: NUTRACEUTICA E PATOLOGIE OCULARI: QUALE RAPPORTO? SCUDERI (SAPIENZA): «CURIAMO IPOVEDENTI CON SPECIFICA ALIMENTAZIONE»

Articoli correlati
Giornata mondiale del sonno, ecco i rimedi per dormire bene. L’esperta: «Sì a pesce azzurro, no vino e cioccolata»
Occhi sbarrati e risvegli nel cuore della notte? La causa potrebbe risiedere in cattive abitudini alimentari o stili di vita sbagliati. Troppo stress, un utilizzo eccessivo del pc o la mancanza di momenti di relax concorrono infatti a farci perdere il sonno, con conseguenze dannose su fisico e umore.  «E’ importantissimo dormire perché recuperiamo energia, […]
Campylobacter, nuovi controlli sulle carni di pollame?
Tra le infezioni umane di origine alimentare che si verificano nell’Unione Europea, quella causata da Campylobacter spp. in particolare dalle specie C. jejuni e C. coli, riveste un significato particolare per la sanità pubblica.  Il pollame rappresenta uno dei principali serbatoi delle diverse specie di Campylobacter. La diffusione delle infezioni negli ultimi 10 anni ha, […]
di Maurizio Ferri - Responsabile scientifico SIMeVeP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone