Salute 2 Dicembre 2019

Ricerca, al San Gerardo di Monza nuovo tomografo per identificare patologie di sistema nervoso centrale, addome, bacino e collo

Questa importante tecnologia, del valore di oltre 1,5 milioni di euro verrà utilizzata, come previsto dalla convenzione stipulata tra le due entità, al 50 per cento per la ricerca ed al 50 per cento per attività clinica

di Federica Bosco

Innovazione e ricerca all’Ospedale San Gerardo di Monza, che, con il nuovo tomografo a risonanza magnetica (RM) a 3 Tesla, si pone all’avanguardia nella diagnostica con un’apparecchiatura in grado di restituire immagini strutturali e funzionali di tutto il corpo umano che permetterà di identificare patologie difficilmente o non ben visualizzabili con quelli a campo magnetico inferiore.

Una strumentazione, dunque, fondamentale in ambito neurologico ed oncologico, finanziata dall’Università di Milano-Bicocca e destinata sia ad attività cliniche, che ad attività di ricerca. L’apparecchiatura è dotata delle tecniche più avanzate per effettuare l’imaging strutturale e funzionale del sistema nervoso centrale e permette l’esecuzione anche di indagini dell’addome, del bacino e del collo. A coordinare l’attività sarà Gianpaolo Basso, professore di Neuroradiologia dell’Università di Milano-Bicocca. «Si tratta di uno strumento innovativo – ha sottolineato Giovanna Iannantuoni, rettrice dell’Università Bicocca di Milano – che andrà a valorizzare la ricerca di base e clinica di Milano Bicocca e dell’Ospedale San Gerardo, una tecnologia open access frutto di una collaborazione costante tra diversi dipartimenti dell’Ateneo e il polo ospedaliero».

LEGGI ANCHE: “DEDICATI”, AL SAN GERARDO DI MONZA INCONTRI DI BELLEZZA PER AIUTARE LE PAZIENTI AD AFFRONTARE IL TUMORE OVARICO

Questa importante tecnologia, del valore di oltre 1,5 milioni di euro verrà utilizzata, come previsto dalla convenzione stipulata tra le due entità, al 50 per cento per la ricerca ed al 50 per cento per attività clinica. Per la sua gestione è stata stipulata una convenzione tra ASST Monza e Ateneo che coinvolge Tecnomed, la fondazione dell’Università Milano Bicocca. «Un altro investimento in tecnologie di avanguardia che rafforza la nostra già importante dotazione di radiologia diagnostica per immagini – ha spiegato Mario Alparone, direttore generale dell’ASST Monza – e che rappresenta un ulteriore fattore abilitante per l’avvio del percorso di riconoscimento del San Gerardo ad IRCCS come Istituto di tecnologie biomediche avanzate in medicina di precisione. Un esempio di come la ricerca universitaria e la nostra ASST vadano a braccetto per consentire ai nostri pazienti di disporre delle migliori cure».

«La diagnostica, da sempre, è un’eccellenza dell’Ospedale San Gerardo – ha dichiarato il sindaco di Monza, Dario Allevi –. Con il nuovo tomografo a risonanza magnetica la ASST Monza si conferma, ancora una volta, una struttura all’avanguardia nel campo della prevenzione e della diagnosi precoce all’interno del sistema sanitario lombardo e nazionale. È, questa, una strada che credo sia necessaria continuare a percorrere anche nei prossimi anni. Sempre nell’interesse dei pazienti e della comunità brianzola a cui dobbiamo garantire un servizio rapido, efficiente e di qualità».

Per Giulio Gallera, Assessore al Welfare di Regione Lombardia, «Il tomografo a risonanza magnetica a 3 Tesla è l’esempio concreto della collaborazione virtuosa fra il settore sociosanitario e il mondo scientifico che caratterizza e qualifica l’eccellenza del sistema di welfare di Regione Lombardia. Abbiamo da poco approvato uno stanziamento record di 202 milioni per gli investimenti nelle ATS, ASST e IRCCS pubblici. Di queste risorse, ben 35 milioni vengono destinati alla sostituzione delle apparecchiature ad alta tecnologia al fine di dotare i nostri ospedali di quanto di meglio il mercato possa offrire a beneficio dei cittadini e del lavoro dei professionisti».

«L’obiettivo è quello di andare sempre più verso una medicina di precisione- ha aggiunto Fabrizio Sala, vicepresidente di Regione Lombardia – e questo nuovo tomografo va in questa direzione. La collaborazione con l’Università di Milano-Bicocca è di grande importanza per rafforzare il legame tra l’attività di ricerca e l’attività clinica, che vede nel San Gerardo di Monza una struttura all’avanguardia con un’equipe specializzata che fa della struttura sanitaria un’eccellenza non solo regionale, ma anche nazionale».

Articoli correlati
“Dedicati”, al San Gerardo di Monza incontri di bellezza per aiutare le pazienti ad affrontare il tumore ovarico
Il tumore ovarico nel nostro paese colpisce circa 5300 donne all’anno. Dal 30 settembre al 4 ottobre a prendersi cura delle pazienti ci saranno medici che operano in diversi ambiti, dall’estetica oncologica alla biofarmaceutica per offrire terapie innovative
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...