Salute 4 Novembre 2019

Riabilitazione, è dei Cavalieri di Malta una delle eccellenze italiane. Santaroni: «Tra i primi ad applicare la Legge Gelli»

Al San Giovanni Battista 20 posti letto di unità di risveglio dove arrivano pazienti in coma. È all’avanguardia sui temi della responsabilità professionale. Il Direttore generale: «Abbiamo un regolamento per la gestione del rischio ed un Comitato Valutazione Sinistri»

Immagine articolo

Entrando nel Castello della Magliana, alla periferia ovest della Capitale, che oggi ospita gli uffici dell’Ospedale San Giovanni Battista, sembra di fare un tuffo nel passato. Quella che era infatti una antica residenza di campagna dei Papi è dal 1959 proprietà del Sovrano militare Ordine di Malta e sede dell’Ospedale San Giovanni Battista che rappresenta una delle eccellenze della sanità laziale, come racconta a Sanità Informazione il Direttore generale della struttura Anna Paola Santaroni.

L’Ospedale San Giovanni Battista ha 220 posti letto, tutti nel settore della Riabilitazione, 20 dei quali sono dedicati ad una unità di risveglio per i pazienti in coma. «Oltre l’Ospedale abbiamo 14 ambulatori distribuiti sul territorio italiano e nel Lazio 7 poliambulatori nei quali è attivo il percorso per il diabete con specialisti di altissimo livello: un vero orgoglio» sottolinea Santaroni. L’Ospedale è una realtà innovativa anche sul fronte della responsabilità professionale, essendo stato uno dei primi ad applicare la Legge 24 del 2017: «Abbiamo un regolamento per la gestione del rischio ed un Comitato Valutazione Sinistri e siamo stati sicuramente una delle prime aziende ad applicare questa legge». Proprio su questo tema verterà il convegno “Lo Stato dell’arte a due anni dall’approvazione della legge Gelli”, che si svolgerà al San Giovanni Battista il prossimo 20 novembre e che vedrà tra gli altri la partecipazione del Presidente della Fondazione Italia in Salute Federico Gelli, del presidente Cogeaps Sergio Bovenga, del presidente della Simedet, Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, Fernando Capuano.

Dottoressa, quali sono i servizi che erogate e in che modalità?

«L’Ospedale è equiparato al pubblico italiano per accordo internazionale.  Abbiamo 220 posti letto, tutti di riabilitazione e 20 posti letto di Day Hospital. Le tipologie di riabilitazione sono diverse: 20 posti letto di unità di risveglio dove arrivano tutti i pazienti in coma; 200 di codice 56 sia per la riabilitazione ortopedica che neuromotoria ed infine c’è tutta la parte ambulatoriale di riabilitazione. Il nostro ospedale essendo equiparato al pubblico italiano è accreditato con il Servizio sanitario Nazionale come tutti i poliambulatori».

LEGGI ANCHE: FONDAZIONE ITALIA IN SALUTE, PUBBLICATO IL PRIMO QUADERNO. IL PRESIDENTE GELLI: «SPERO ULTIMI DECRETI ATTUATIVI LEGGE 24 ENTRO FINE 2019»

L’Ospedale che lei dirige è un Ospedale particolare, una struttura internazionale di proprietà dell’Ordine di Malta. Come è integrato nelle attività di quest’Ordine?

«L’Ordine di Malta è un Ordine internazionale e ha un’associazione dei Cavalieri italiani (ACISMOM), che gestisce sia gli ambulatori che l’ospedale. L’Ordine di Malta ha anche tanti ospedali nel mondo. Molti di questi sono in Germania ed in Francia ed uno a Betlemme. Sono oltre 4.500 i neonati venuti alla luce nel corso del 2018 nell’Ospedale della Sacra Famiglia, a Betlemme. Situato a pochi passi dalla Chiesa della Natività, dal 1990 l’Ospedale è gestito dall’Ordine di Malta: si tratta dell’unica struttura ospedaliera della regione in grado di accudire bimbi nati prima della 32esima settimana di gestazione, grazie al reparto di terapia intensiva neonatale e al personale altamente specializzato in nascite premature. Il 9% di tutti i bimbi nati nella struttura ha infatti bisogno di terapie intensive e grazie alle incubatrici e alle attrezzature di ultima generazione che trovano in questo ospedale riescono ad essere assistiti al meglio. Sempre presso la Sacra Famiglia lavorano insieme cristiani e musulmani e per questo è chiamato spesso “oasi di pace”».

Dottoressa mi diceva che lei in questo Ospedale fa già applicare la legge Gelli. Il tema della responsabilità è molto sentito dagli operatori….

«Noi abbiamo seguito la legge 24 sin dalla Commissione Alpa, dalla sua nascita.  Come ho già detto abbiamo costituito da tempo il Comitato per la Valutazione Sinistri. Nella legge Gelli c’è la figura del medico legale che assume una importanza strategica ed il presidente del nostro CVS è un medico legale che ha collaborato con Federico Gelli. Abbiamo un regolamento per la gestione del rischio e siamo molto attenti a tutto quello che riguarda quelle che sono le norme della Legge. Da quando è entrata in vigore l’abbiamo applicata in tutto quello per cui era possibile applicarla. Tutto il personale si sente maggiormente tutelato e lavora con l’azienda per mantenere alto il livello qualitativo».

Lei è un manager donna. Che ruolo hanno i manager donna nella sanità italiana?

«Particolari difficoltà non ne ho avute, ho cominciato a muovere i primi passi come manager in Toscana, chiaramente era un mondo più al maschile che però non mi ha creato particolari problemi anzi ho trovato una grande apertura. Penso inoltre che la collaborazione tra uomini e donne manager sia vincente perchè abbiamo un approccio assolutamente differente ai problemi ad alla gestione organizzativa ma ci compensiamo perfettamente e quindi sicuramente tale collaborazione può costituire un valore aggiunto per la nostra sanità».

Articoli correlati
COVID19, Monti (Simedet): «Origine sicuramente animale. Ai medici dico: tuteliamo anche il piano emotivo dei pazienti»
In una lettera indirizzata agli iscritti della Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica, Monti sottolinea: «È importante che i colleghi si informino esclusivamente attraverso i canali istituzionali»
Coronavirus, vademecum UNID-SIMEDET con le raccomandazioni per gli igienisti dentali: «Attenzione alle mascherine, non tutte sono efficaci»
Tra le raccomandazioni, redatte con il supporto degli igienisti della Simedet, l’utilizzo regolare degli usuali dispositivi di protezione (occhiali, guanti, divisa) e la disposizione di evitare affollamento negli studi. Importante scegliere la mascherina FFP3 che protegge efficacemente da aerosol di goccioline, molecole proteiche, virus, batteri, funghi e spore
Simedet mobilitata per il COVID-19: il 4 marzo a Perugia incontro all’Ordine dei Medici
Per la Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica saranno presenti Igino Fusco Moffa e Manuel Monti. Tra gli obiettivi quello di descrivere agli operatori la natura dell’emergenza sanitaria internazionale e individuare strategie di prevenzione e controllo
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Risk management, gli esperti riuniti in Sapienza: «Serve approccio uniforme sul territorio»
Il professor Fineschi: «Una valutazione dell'operato dei medici 'peer review' servirà al giudice per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso incriminato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...