Salute 28 Febbraio 2014

Assicurazione medica, monta la protesta di ginecologi e ortopedici

Sotto accusa anche le strutture carenti: i camici bianchi minacciano scioperi se non avranno risposte dalle istituzioni

Immagine articolo

Ginecologi e ostetriche tornano sul piede di guerra dopo un anno esatto. Il 12 febbraio 2013, infatti, le due categorie si erano mobilitate in uno sciopero nazionale che paralizzò le sale parto di tutta Italia per chiedere un innalzamento della qualità delle strutture mediche e chiarezza sulla questione della responsabilità professionale dei medici.

Ora, però, c’è un altro elemento negativo da considerare: il silenzio istituzionale da cui si sentono circondati i professionisti sanitari: “Da un anno a questa parte nulla è cambiato – denunciano infatti le varie categorie di medici con una sola voce – ed è per questo che se le istituzioni continuano a non fare nulla torneremo a scioperare”.

I problemi da affrontare restano due. Il primo è che esistono ancora troppe strutture che, stando a quanto previsto dall’accordo Stato-Regioni datato 2010, andrebbero chiuse o ristrutturate perché considerate non adeguate. Sarebbero infatti centinaia le sale parto non a norma (sia perché effettuano meno di 500 parti l’anno, sia perché andrebbero messe in sicurezza) in cui si continuerebbe a lavorare nonostante tutto. Poi ci sono i contenziosi che si aprono nei casi di malpractice. Le associazioni di medici denunciano il sempre maggior numero di procedimenti promossi da parte di pazienti che si sentono danneggiati dall’operato dei camici bianchi e che si rivolgono alla giustizia italiana per ottenere un risarcimento. Il problema è che, di pari passo, anche il numero di aziende sanitarie che non rinnova la polizza assicurativa per la responsabilità civile sta crescendo.

Questa situazione ha, fondamentalmente, due conseguenze negative:
prima di tutto, il professionista si sente sempre meno tutelato e, dunque, meno tranquillo nel momento in cui viene chiamato a fare il suo dovere. A questo punto quindi cerca di tutelarsi attraverso un maggior uso della medicina preventiva, che molto spesso è composta da esami e test superflui ma che il medico effettua comunque per tutelarsi. L’aumento del ricorso a questo tipo di pratica comporta ovviamente costi crescenti che vanno a pesare sulla spesa riservata al Servizio Sanitario Nazionale.

Il problema della mancanza di una legge organica e definitiva sulla responsabilità professionale dei medici è denunciato anche dagli ortopedici
, che rappresentano la categoria più colpita da contenziosi medico-legali.

Tags

Articoli correlati
Patto per la salute, Grillo: «Non firmerò con quella clausola» e chiede incontro al Mef su finanziamenti SSN
«Per avere la certezza che quanto già stanziato nella scorsa legge di Bilancio non venga toccato», spiega il ministro della Salute, Giulia Grillo
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
Nuove tecnologie, Tor Vergata all’avanguardia. D’Amato (Lazio): «Immagine completa del cuore veloce e con l’82% radiazioni in meno»
Un tempo di scansione pari a un solo battito (0,28 secondi). È la nuova TC Revolution con Spectral Imaging, presente presso la Fondazione Policlinico Tor Vergata di Roma che consente di avere un’immagine completa del cuore del paziente utilizzando oltre l’80% di radiazioni in meno rispetto a una macchina tradizionale. Le strumentazioni oggi in uso, infatti, […]
Tubercolosi e migranti, Galli (Simit): «Il problema sono le condizioni di vita, non il paese di appartenenza»
Massimo Galli, Professore Ordinario Malattie Infettive Università degli Studi di Milano e Presidente della SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) ha voluto far chiarezza sul contenuto di una sua intervista di qualche giorno fa in cui si parlava di migranti e tubercolosi. Di seguito la precisazione: «Dopo aver constatato che era stato sintetizzato male […]
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...