Salute 20 Gennaio 2020

Rapporto SDO, la preoccupazione del Sindacato Medici Italiani: «Meno posti letto. Situazione favorisce aggressioni»

«Abbiamo minore disponibilità di posti letto e quindi abbiamo a volte delle dimissioni precoci in assenza di strutture intermedie in grado di farsi carico del paziente». È l’allarme lanciato da Pina Onotri, segretario generale dello SMI. A preoccupare è anche la mobilità interregionale

Immagine articolo

Diminuiscono i ricoveri ospedalieri, «ma a che prezzo?» si domanda Pina Onotri, segretario generale Sindacato Medici Italiani (SMI), raggiunta al telefono da Sanità Informazione per commentare i dati raccolti nel Rapporto annuale sull’attività di ricovero ospedaliero (SDO) – Anno 2018, a cura della Direzione generale della Programmazione sanitaria del Ministero della Salute.

«Oggi si dimettono in maniera precoce pazienti in assenza di strutture territoriali o di assistenza territoriale-domiciliare in grado di accoglierli. Come medico di famiglia me ne rendo conto. A volte malati complicatissimi sono trasferiti a domicilio» spiega la dottoressa Onotri che individua due cause principali nella diminuzione dei giorni di degenza: «Molti interventi sono cambianti, sono state immesse nuove tecniche, pensiamo alla laparoscopia oppure ai farmaci innovativi, però d’altro canto anche il taglio dei posti letto e la soppressione di personale ha fatto la sua».

LEGGI: MENO DAY HOSPITAL E LUNGODEGENZE, NEL 2018 GLI OSPEDALI ITALIANI ALLEGGERITI DALLE CRONICITÀ. I DATI DEL RAPPORTO SDO

«Gli ospedali sono chiamati a rispettare i DRG (diagnosis-related group) quasi come una catena di montaggio» continua la segretaria SMI. «Abbiamo minore disponibilità di posti letto e quindi abbiamo a volte delle dimissioni precoci in assenza di strutture intermedie in grado di farsi carico del paziente, a meno che non siano strutture private. Le famiglie si ritrovano a casa malati anche gravi con tutte le difficoltà che seguono. La nostra non è più una sanità gratuita ma partecipata».

Un dato negativo è anche la mobilità interregionale. «Con un saldo positivo per le regioni del nord, dove in pratica si recano tutti i cittadini del sud Italia, soprattutto dalla Puglia e dalla Calabria. Abbiamo però anche un flusso di denaro che si sposta e che viene sottratto alla sanità locale. Ecco perché ci siamo detti contro l’autonomia differenziata, perché ancora di più andrebbe a creare questo tipo di gap».

Inoltre, secondo il sindacato le aggressioni ai medici sono «strettamente correlate» alla fotografia rappresentata dal Rapporto SDO. «Il medico in quel contesto rappresenta il primo front office, per cui una più difficile accessibilità ai servizi innesca una maggiore aggressività nell’utente che si vede privato di quello che ritiene un suo diritto. Infatti, perché negli anni scorsi il fenomeno era di dimensioni minori? Evidentemente i servizi sul territorio erano di più».

«Gli operatori sanitari sono sempre più stanchi, soggetti a turni massacranti e senza un turn over. Parliamo di personale abbastanza anziano e non gratificato, né dal punto di vista dell’autonomia professionale né dal punto di vista organizzativo né dal punto di vista economico. Inoltre, i tagli che hanno interessato in maniera orizzontale la sanità, hanno coinvolto pure i dipartimenti di salute mentale, quindi molti malati psichiatrici che girano in più sul territorio. Infine, – conclude Onotri – il senso di impunità che alimenta la spirale di violenza. Se si guarda il dato economico abbiamo ottenuto quello che dovevamo ottenere, ma a che prezzo?».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati
SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»
Spari al San Camillo di Roma, uomo danneggia macchinari e Pronto Soccorso. Cisl Medici: «Inferno per i lavoratori»
L’ennesimo episodio di brutalità e follia è avvenuto all’ospedale San Camillo di Roma, che ha registrato gravissimi danni ai locali, alle apparecchiature e alle vetrate della struttura. Dopo essere stato sottoposto ad accertamenti radiologici, si è armato di un estintore e ha devastato le porte e le finestre dei locali del codice rosso, il locale […]
Violenza camici bianchi, parla un medico aggredito: «Da eroi a capri espiatori. Ddl potrebbe non bastare»
David Di Lello, anestesista rianimatore all’ospedale Veneziale di Isernia: «Siamo l’oggetto della rabbia, il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario è ormai dilagante. Come porvi un freno? Rifinanziando la sanità pubblica e rivalutando il ruolo sociale del medico»
Aggredito anestetista al Veneziale di Isernia: «Dopo il pugno ho ugualmente prestato assistenza e solo dopo sono andato in PS»
Per David Di Lello, medico anestesista dell’ospedale Veneziale di Isernia arriva la solidarietà della FNOMCEO. «Chiedo non solo di riattivare il posto di polizia dell’ospedale, ma anche di proteggere le guardie mediche, almeno con un sistema di videosorveglianza - afferma il presidente dell’Ordine dei medici di Isernia - neanche la pandemia ha posto un argine alle violenze subite dal personale sanitario»
Decreto Liquidità, Onotri (SMI): «Non si chiedano ulteriori sacrifici ai medici di MMG»
Il Sindacato Medici Italiani è contrario a due norme contenute nell’articolo 38 del DL 23 dell’8 aprile 2020: «Abbiamo sacrificato circa il 30% del nostro stipendio, vanificando di fatto l’incremento contrattuale che tra l’altro dopo 6 mesi ci verrà tolto. Non si possono chiedere ancora altri sacrifici»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...