Salute 20 Gennaio 2020

Rapporto SDO, la preoccupazione del Sindacato Medici Italiani: «Meno posti letto. Situazione favorisce aggressioni»

«Abbiamo minore disponibilità di posti letto e quindi abbiamo a volte delle dimissioni precoci in assenza di strutture intermedie in grado di farsi carico del paziente». È l’allarme lanciato da Pina Onotri, segretario generale dello SMI. A preoccupare è anche la mobilità interregionale

Immagine articolo

Diminuiscono i ricoveri ospedalieri, «ma a che prezzo?» si domanda Pina Onotri, segretario generale Sindacato Medici Italiani (SMI), raggiunta al telefono da Sanità Informazione per commentare i dati raccolti nel Rapporto annuale sull’attività di ricovero ospedaliero (SDO) – Anno 2018, a cura della Direzione generale della Programmazione sanitaria del Ministero della Salute.

«Oggi si dimettono in maniera precoce pazienti in assenza di strutture territoriali o di assistenza territoriale-domiciliare in grado di accoglierli. Come medico di famiglia me ne rendo conto. A volte malati complicatissimi sono trasferiti a domicilio» spiega la dottoressa Onotri che individua due cause principali nella diminuzione dei giorni di degenza: «Molti interventi sono cambianti, sono state immesse nuove tecniche, pensiamo alla laparoscopia oppure ai farmaci innovativi, però d’altro canto anche il taglio dei posti letto e la soppressione di personale ha fatto la sua».

LEGGI: MENO DAY HOSPITAL E LUNGODEGENZE, NEL 2018 GLI OSPEDALI ITALIANI ALLEGGERITI DALLE CRONICITÀ. I DATI DEL RAPPORTO SDO

«Gli ospedali sono chiamati a rispettare i DRG (diagnosis-related group) quasi come una catena di montaggio» continua la segretaria SMI. «Abbiamo minore disponibilità di posti letto e quindi abbiamo a volte delle dimissioni precoci in assenza di strutture intermedie in grado di farsi carico del paziente, a meno che non siano strutture private. Le famiglie si ritrovano a casa malati anche gravi con tutte le difficoltà che seguono. La nostra non è più una sanità gratuita ma partecipata».

Un dato negativo è anche la mobilità interregionale. «Con un saldo positivo per le regioni del nord, dove in pratica si recano tutti i cittadini del sud Italia, soprattutto dalla Puglia e dalla Calabria. Abbiamo però anche un flusso di denaro che si sposta e che viene sottratto alla sanità locale. Ecco perché ci siamo detti contro l’autonomia differenziata, perché ancora di più andrebbe a creare questo tipo di gap».

Inoltre, secondo il sindacato le aggressioni ai medici sono «strettamente correlate» alla fotografia rappresentata dal Rapporto SDO. «Il medico in quel contesto rappresenta il primo front office, per cui una più difficile accessibilità ai servizi innesca una maggiore aggressività nell’utente che si vede privato di quello che ritiene un suo diritto. Infatti, perché negli anni scorsi il fenomeno era di dimensioni minori? Evidentemente i servizi sul territorio erano di più».

«Gli operatori sanitari sono sempre più stanchi, soggetti a turni massacranti e senza un turn over. Parliamo di personale abbastanza anziano e non gratificato, né dal punto di vista dell’autonomia professionale né dal punto di vista organizzativo né dal punto di vista economico. Inoltre, i tagli che hanno interessato in maniera orizzontale la sanità, hanno coinvolto pure i dipartimenti di salute mentale, quindi molti malati psichiatrici che girano in più sul territorio. Infine, – conclude Onotri – il senso di impunità che alimenta la spirale di violenza. Se si guarda il dato economico abbiamo ottenuto quello che dovevamo ottenere, ma a che prezzo?».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Aggressioni, ok in commissioni Camera al Ddl sulla sicurezza del personale sanitario. Ma non mancano le polemiche…
Pene aggravate per chi causa lesioni personali gravi (da 4 a 10 anni) e gravissime (da 8 a 16 anni) al personale sanitario e socio-sanitario, ma bocciata la qualifica di pubblico ufficiale per gli operatori sanitari. Rostan (Leu): «Testo imperfetto, inefficace, insufficiente»
Presentato alla Camera “Notturno”, il docufilm contro la violenza sui medici
Il Presidente FNOMCeO Anelli: «L’obiettivo è quello di far riflettere tutti sullo stato in cui versa la professione»
Aggressioni, Marisa Laurito testimonial campagna Nursing Up. Online un video per dire #NoViolenzasuglinfermieri
Marisa Laurito è la nuova testimonial della campagna di sensibilizzazione #NoViolenzasuglinfermieri per portare all’attenzione il grave fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, in pericoloso aumento in tutta Italia. Ormai diventata virale sui social, l’iniziativa è stata lanciata dal sindacato Nursing Up e ha visto la partecipazione di celebrities, come: Simona Ventura, Giorgio Colangeli, Michela Giraud, […]
Violenza contro i medici: Rossi (OMCeO Milano) «Si vince con formazione, informazione e inasprimento delle pene per gli aggressori»
Oltre 1000 episodi nel 2019. Per il segretario nazionale di FNOMCEO Monaco «Sono necessarie sanzioni severe. Il medico deve curare senza avere paura delle persone che sta visitando»
di Federica Bosco
Violenza negli ospedali: l’OMCeO Milano lancia un grido d’allarme. Rossi: «Emergenza autentica»
Al dibattito sul pericoloso fenomeno, in programma sabato 1 febbraio a Palazzo Marino a Milano, parteciperà la Federazione dei Medici e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e l'ex Prefetto Francesco Paolo Tronca che dichiara: «I medici e gli operatori sanitari hanno necessità di svolgere il proprio lavoro in un clima disteso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano