Salute 11 Novembre 2019 18:42

«Quando papà ci portava nelle scuole per informare i giovani sull’AIDS…». Il ricordo di Fernando Aiuti nelle parole del figlio Simone

La Simedet, di cui Aiuti ha presieduto il Comitato scientifico, ha celebrato l’immunologo con una targa consegnata ai figli Olivia e Simone. «Ha combattuto negli ultimi anni della sua vita le fake news» sottolinea il figlio Simone

La scomparsa di Fernando Aiuti, immunologo di fama mondiale, ha lasciato un grande vuoto non solo nella sua famiglia ma anche nella comunità scientifica. La Simedet, Società Italiana di Medicina diagnostica e terapeutica, di cui Aiuti aveva presieduto il Comitato scientifico, lo ha voluto ricordare nel corso del Congresso nazionale che si è svolto a Roma all’ospedale San Giovanni Calibita Fatebenefratelli. Una targa commemorativa è stata consegnata ai figli Olivia e Simone (il terzo, Alessandro, ematologo al San Raffaele, è stato trattenuto da impegni lavorativi). Commozione è stata manifestata da Raffaele d’Amelio, immunologo e allievo di Aiuti, che ne ha sapientemente tracciato il lato di innovatore in medicina strettamente unito alle sue qualità umane. Anche il figlio Simone, con la voce rotta dall’emozione, ha voluto ricordare il padre e ai nostri microfoni ha ripercorso gli ultimi anni, quando con la Simedet Aiuti si era impegnato nella lotta alle fake news soprattutto sul tema dei vaccini, e ha ricordato il suo impegno nel contrastare lo stigma dell’AIDS quando, con l’emergere della malattia, andava nelle scuole per informare i giovani dell’importanza delle prevenzione e dell’uso del preservativo, coinvolgendo anche loro in questa sua battaglia: «Vivevamo tutto quello che viveva lui, tutto veniva riportato in famiglia a partire dalle battaglie che faceva per i malati nel periodo in cui emerse l’AIDS coinvolgendoci con la distribuzione dei preservativi nelle scuole».

LEGGI ANCHE: L’ULTIMO ARTICOLO DI FERNANDO AIUTI: «VI SPIEGO PERCHÉ I VACCINI SONO SICURI. SENZA DI LORO NON AVREMMO MAI SCONFITTO MOLTE MALATTIE INFETTIVE»

La Simedet ha dato un riconoscimento importante a suo padre…

«Papà teneva moltissimo a questa carica che negli ultimi anni aveva ricoperto perché aveva dato a lui nuova possibilità di comunicare e trasmettere all’opinione pubblica e ai malati con vigore tutta una serie di problematiche che stavano emergendo, come quella sui vaccini. Ne ha fatto un cavallo di battaglia negli ultimi anni proprio portando la sua testimonianza di medico: i vaccini hanno permesso di salvare vite e vedeva negli ultimi tempi soprattutto un calo dell’attenzione e tantissima disinformazione. Ha combattuto negli ultimi anni della sua vita le fake news e attraverso la Simedet aveva avuto la possibilità di trasmettere nuovamente questo messaggio. Era un grande comunicatore, aveva la capacità di arrivare con facilità ai cittadini e alle persone preoccupate dei problemi relativi alla salute».

LEGGI ANCHE: 2° CONGRESSO SIMEDET, COMMOZIONE PER IL RICORDO DI FERNANDO AIUTI. FOCUS SU TROMBOEMBOLISMO E ICA

Suo padre è stato un luminare della medicina. Voi in famiglia seguivate le sue attività?

«Sì. In un uomo come lui è difficile scindere l’attività professionale dalla vita quotidiana, erano a stretto contatto. Vivevamo tutto quello che viveva lui, tutto veniva riportato in famiglia a partire dalle battaglie che faceva per i malati nel periodo in cui emerse l’AIDS coinvolgendoci con la distribuzione dei preservativi nelle scuole. Veniva nelle nostre scuole a fare delle conferenze, così come nelle scuole dei nostri amici, proprio perché si rendeva conto che all’età nostra era molto pericoloso per tutti sottovalutare questa malattia che stava emergendo e che si può trasmettere attraverso il rapporto sessuale. Sapeva che per i giovani era importante l’informazione e quindi andava in prima persona portando anche noi quasi come testimonial davanti alle scuole. Ci coinvolse direttamente per rendere più efficace questo messaggio».

Articoli correlati
Dall’attività divulgativa al Forum Risk, la Simedet traccia il bilancio 2020: «Col Covid ci siamo reinventati per far dialogare i soci»
«Abbiamo scelto di non farci trascinare nello “scontro mediatico" tra le diverse e a volte contrapposte posizioni sulle strategie sanitarie d’intervento per contrastare la pandemia» sottolinea in una lettera agli iscritti la Società italiana di Medicina diagnostica e terapeutica
“Le buona pratiche in era COVID”, la Simedet protagonista al Forum Risk Management di Arezzo
L'evento si svolge in modalità webinar martedì 16 dicembre dalla 9.00 alle 12.30
Tre anni di Simedet, l’appello di Capuano a Speranza: «Multidisciplinarietà entri nella formazione obbligatoria dei corsi di laurea»
«Nella "ricostruzione" dei modelli organizzativi territoriali del nostro SSN le Professioni Sanitarie vanno ascoltate e rese partecipi proprio per prevenire le prossime emergenze sanitarie e per la gestione del post Covid-19» spiega il Presidente della Società di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Simedet, l’immunologo Giuseppe Luzi nuovo responsabile Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine
Luzi è autore di oltre 200 lavori su riviste internazionali e italiane, libri e saggi nel settore delle patologie del sistema immunitario e dei deficit immunitari congeniti e acquisiti (AIDS e sindromi correlate), con ricerche in particolare nell’ambito della regolazione della risposta immunitaria e della sintesi degli anticorpi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»