Salute 23 Aprile 2019 10:15

Infertilità, Mencaglia (Fondazione PMA): «Serve revisione della legge sulla procreazione assistita»

Una soluzione in caso di sterilità è la procreazione medicalmente assistita. Pratica regolata da una normativa vecchia ormai 15 anni, la legge n. 40 del 2004

di Diana Romersi e Giovanni Cedrone
Infertilità, Mencaglia (Fondazione PMA): «Serve revisione della legge sulla procreazione assistita»

In aumento i casi di infertilità tra le giovani coppie, le stime parlano di percentuali sopra il 20%. Stili di vita sbagliati, scelte procreative in età sempre più tarda e fattori ambientali di vario tipo possono compromettere la capacità produttiva.

Una soluzione in caso di sterilità è la procreazione medicalmente assistita. Pratica regolata da una normativa vecchia ormai 15 anni, la legge n. 40 del 2004. Proprio su questo fronte si sta impegnando la Fondazione PMA Italia. «Proprio con la XII Commissione Sanità del Senato, presieduta dal senatore Pierpaolo Sileri stiamo ipotizzando di lavorare a una revisione della legge n. 40 – spiega Luca Mencaglia, Presidente Fondazione PMA – in modo tale da renderla attuale per le necessità di oggi dei cittadini che hanno bisogno di queste tecniche e ad introdurre delle variazioni importanti specialmente per quanto riguarda il mondo della eterologa, cioè della donazione di gameti maschili e femminili»

LEGGI: INFERTILITÀ MASCHILE, ECCO I TRE PARAMETRI PER VALUTARE LA QUALITÀ DEL LIQUIDO SEMINALE

Intanto grazie all’impiego delle tecnologie biomediche più avanzate sarà dunque possibile nei centri aderenti alla Fondazione effettuare il congelamento dei propri gameti per ragioni mediche come ad esempio di coloro che dovranno sostenere trattamenti chemioterapici; oppure per ragioni sociali. Sarà inoltre possibile per coppie sterili accedere alla riproduzione con gameti donati da terzi, la cosiddetta procreazione eterologa.

«La fondazione PMA raccoglie sia i centri pubblici sia i centri privati. Esistono alcune regioni dove le strutture pubbliche sono fortemente attive, cito su tutte Toscana, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia; altre, dove sono più attivi i centri privati convenzionati dove il cittadino ha diritto alle prestazioni a carico del sistema sanitario. Queste regioni, ad esempio, sono la Lombardia ed altre regioni del centro Italia come la Toscana stessa. In altre regioni comunque la copertura è assicurata dai centri privati; noi, oggi, come fondazione riusciamo a dare una copertura su tutto il territorio nazionale che permette ai cittadini che ne abbiano bisogno di rivolgersi alle strutture che fanno PMA di un certo livello».

Alla crescente richiesta di queste metodiche, però, si contrappone la scarsità di donatori nel nostro Paese, che rende necessario sviluppare una cultura della donazione per consentire a tante coppie di realizzare un progetto genitoriale che sarebbe altrimenti negato.

Articoli correlati
Sottosegretari, alla Salute conferma per Pierpaolo Sileri. Al posto di Sandra Zampa subentra Andrea Costa
Il Presidente del Consiglio Mario Draghi, dopo un lungo impasse, ha sbloccato la partita delle nomine. Sorpresa per Andrea Costa, politico ligure vicino a Maurizio Lupi di Noi con l’Italia e attualmente consigliere comunale a La Spezia
Al via consulti ambulatoriali per contrastare i danni fisici e psicologici di chi ha vissuto il Covid-19
La Provincia Lombardo Veneta Fatebenefratelli offre consulti ambulatoriali per contrastare i danni fisici e psicologici di chi ha vissuto la malattia da Covid-19
Coronavirus: pazienti trapiantati rischiano l’infezione meno di chi aspetta un organo
I risultati dello studio preliminare su dati Cnt e Iss: l’incidenza del Covid-19 è 1,02% tra i trapiantati e 1,85% tra chi è ancora in lista d’attesa. Donazione organi in calo dopo la pandemia
Midollo osseo, diventare donatori restando a casa. Parte “Match at home”
Il lancio del nuovo progetto in occasione della Settimana Nazionale per la donazione del midollo osseo (19-26 settembre). L’iniziativa nata per contrastare il calo delle tipizzazioni dovuto al coronavirus
Malattie rare, domani la giornata mondiale di sensibilizzazione sulla sclerosi tuberosa
L'AST (Associazione Sclerosi Tuberosa), da sempre impegnata nel sostegno alla ricerca scientifica, ha trasformato quest’anno in virtuale, alla luce dell’emergenza sociosanitaria in corso, la tradizionale campagna “Una Rosa per la Ricerca”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 giugno, sono 178.491.809 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.866.201 i decessi. Ad oggi, oltre 2,6 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM