Salute 22 Settembre 2021 15:42

Pma e responsabilità professionale, l’intervista all’avvocato SIRU Maria Paola Costantini

Come risolvere le diseguaglianze di trattamento tra Regioni? «Precisa applicazione dei LEA, approvazione delle linee guida e diffusione di informazioni non ingannevoli»

di Isabella Faggiano

La SIRU ha concluso il lavoro di redazione delle Linee guida sull’infertilità che ora sono in fase di approvazione da parte dell’Istituto Superiore di Sanità. Che cosa cambia sotto il profilo giuridico per gli operatori sanitari che lavorano nel settore della procreazione medicalmente assistita? Eventi come quello accaduto in Moldavia, ossia il decesso di una donna a seguito di una procedura di PMA (dopo il prelievo ovocitario effettuato in anestesia totale), accadono in Italia? Risponde a Sanità Informazione l’avvocato Maria Paola Costantini, coordinatrice dell’Osservatorio giuridico-legale SIRU e componente del gruppo di lavoro delle Linee guida sull’infertilità.

«Innanzitutto – dice Costantini -, occorre precisare che il caso avvenuto in Moldavia non è mai avvenuto in Italia negli ultimi dieci anni e anche prima. Ciò risulta sia dai dati del Registro Nazionale della PMA sia dalla segnalazione degli eventi avversi che tutti i Centri di PMA inviano al Centro Nazionale Trapianti, autorità competente in materia di sicurezza delle procedure di procreazione assistita».

«Il caso però ci interroga su due questioni – prosegue -: la prima è quella dei costi delle procedure. In Italia, ogni regione eroga con proprie modalità le prestazioni prevedendole a carico del sistema regionale sanitario. Ancora oggi le prestazioni incluse nel 2017 nei LEA nazionali non sono state applicate con una situazione di grande discriminazione a seconda delle Regioni di appartenenza. In alcune regioni, come il Piemonte che ha alcune strutture pubbliche ma non il cosiddetto privato convenzionato, ancora oggi l’offerta sanitaria è ridotta ed esistono liste di attesa molto lunghe.  Oggettivamente i costi di una fecondazione in vitro possono essere molto alti, e questo spinge le coppie ad andare all’estero dove spesso sono offerti “pacchetti” che sembrano convenienti economicamente. La signora era moldava e quindi per lei era un punto di riferimento. Ma sono tante le coppie che tuttora partono o rinunciano per problemi economici. E la pandemia ha aggravato questa situazione», precisa l’avvocato.

L’utilità delle Linee guida

«La seconda questione è che ad oggi non esistono percorsi veri e propri per le coppie, con la condivisione dell’approccio terapeutico anche con altri professionisti sul territorio. La coppia si sente in qualche modo abbandonata e cerca e trova scorciatoie. Ma questa situazione è generata dall’assenza delle Linee guida che indichino gli approcci terapeutici, dando omogeneità e prevedendo una effettiva presa in carico dal primo momento in cui la coppia affronta il proprio progetto di genitorialità» dice Costantini.

«Le linee guida sono anche un ottimo strumento per i sanitari per operare con appropriatezza, insieme alle normative che da tempo prevedono requisiti e verifiche da parte delle autorità nazionali e regionali. Spesso, tuttavia, vengono considerate come un ostacolo all’autonomia del medico. Ma non è così. Le linee guida sono strumenti di indirizzo e lasciano autonomia nella decisione. Ricordiamo sempre che occorre il consenso informato e che il medico è tenuto sulla base della corretta diagnosi sul caso concreto a informare e decidere con la coppia il percorso migliore. Questo è quanto anche le recenti sentenze della Corte di Cassazione hanno stabilito facendo riferimento alla Legge Gelli. Il medico deve seguire le raccomandazioni e può discostarsi dopo aver inquadrato per bene la situazione della coppia (dell’uomo e della donna) e motivando la scelta più appropriata».

L’importanza delle corretta informazione

«Nelle Linee guida in approvazione si pone attenzione anche su un punto fondamentale e che ci riporta a una terza questione: le coppie spesso sono portate a intraprendere percorsi inutili, non efficaci. Sono bombardate da informazioni ingannevoli che trovano su internet e a volte sono veicolate dagli stessi sanitari. Si pensi alla cosiddetta “Fiera del Bebè” di Parigi in cui non si parla di scienza e di medicina ma si configura come la pubblicità su procedure non appropriate e corrette. Con le Linee guida sarà più chiaro che cosa è possibile e appropriato. Sono infatti costruite sulle evidenze scientifiche e su prove rigorose».

«Il messaggio che vorrei dare è di essere attenti. I casi di responsabilità professionale nascono dalla carenza di attenzione, dall’inappropriatezza delle procedure, dalle informazioni non corrette e da un percorso non personalizzato. Occorre – conclude l’avvocato – che le persone e i sanitari promuovano su questo una grande alleanza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Dalla Sicilia alla Lombardia: la “tratta” della PMA
Aurora denuncia a Sanità Informazione la sua storia ai limiti della legalità: in Sicilia la Procreazione medicalmente assistita è sempre stato un bene lusso e chi non poteva permetterselo andava fuori Regione. Ma dal 9 maggio l’assessorato alla Sanita siciliano ha bloccato la mobilità sanitaria. Aurora, Giacomo D’Amico, presidente di Hera e Antonino Guglielmino, presidente nazionale della SIRU svelano tutte le carte
Legge Gelli: riforma in vista
Dal 12 maggio è in esame in Commissione giustizia e affari sociali della Camera una proposta di modifica della Legge Gelli Bianco
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Natalità, allarme Siru: «Nel 2050 meno 5mln nati, come se scomparisse la città di Roma»
Nel Lazio nascite in calo anche nel 2020, la prevenzione e le metodiche di PMA possono fornire un aiuto. Picconeri (Siru Lazio): «Sono essenziali l’applicazione dei LEA e il potenziamento dei servizi regionali di prevenzione e preservazione della salute riproduttiva e della Pma per sostenere chi desidera avere figli»
PMA, Siru: «In aumento coppie che si tirano indietro. Nel 2021 quasi 5mila nascite in meno»
In occasione del V Congresso Nazionale della SIRU, gli specialisti sottolineano la necessità di potenziare il supporto psicologico delle coppie già prima dell'inizio di un percorso di PMA
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 agosto, sono 582.020.558 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.412.807 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale