Salute 10 Gennaio 2022 10:04

Piemonte: al via la riforma della residenzialità psichiatrica voluta dalla giunta Cirio

Icardi (assessore alla Sanità): «Tra le novità: scelta del luogo di cura, impegno della Regione per 7 milioni di euro l’anno per coprire parte delle rette, mentre gli utenti con Isee sanitario da 0 a 15 mila euro non dovranno compartecipare alla spesa. Verrà istituito l’osservatorio regionale unico e introdotto, primi in Italia, il coordinamento area psichiatrica e il fondo di compensazione per evitare aggravi per le amministrazioni locali»

Piemonte: al via la riforma della residenzialità psichiatrica voluta dalla giunta Cirio

Cambia la residenzialità psichiatrica piemontese: sotto l’albero di Natale infatti gli oltre 2500 pazienti psichiatrici che necessitano di cure costanti in Piemonte hanno trovato un nuovo progetto che prevede la scelta del luogo di cura, riconosce il ruolo delle associazioni di utenti e famigliari e supera sette anni di contenziosi legali fra associazioni e regione con l’impegno di quest’ultima a stanziare 7 milioni di euro per coprire parte delle rette, rendendo meno onerosa la compartecipazione di famiglie ed enti locali.

Una strenna in piena regola, approvata dalla giunta guidata da Alberto Cirio su proposta degli assessori alla sanità, Luigi Genesio Icardi e al Welfare, Chiara Caucino che ha reso più dolce il Natale per molti pazienti e le loro famiglie in un anno ancora terribilmente difficile a causa della pandemia da Covid e pone il Piemonte all’avanguardia nella cura dei pazienti psichiatrici.

Assessore Icardi, avete approvato la riforma all’unanimità: cosa ha messo tutti d’accordo?

«L’approccio all’assistenza dei pazienti è completamente nuovo. Si tratta di una rivoluzione non da poco e prova ne è che questa riforma del sistema di residenzialità psichiatrica in Piemonte pone fine al contenzioso che da anni opponeva i principali “portatori di interesse” del settore alla Regione, con una serie infinita di ricorsi in Tribunale. Oggi non solo il nuovo provvedimento è stato votato all’unanimità dalla Quarta Commissione del Consiglio regionale, ma ha trovato la condivisione di tutte le associazioni interessate e dei gestori, creando così le condizioni per progettare e pianificare percorsi concordati e non più per alimentare contenziosi nelle aule giudiziarie».

Quali sono le novità sostanziali?

«In primo luogo, vengono introdotti: la libertà di scelta del luogo di cura e l’obbligo per ogni struttura di pubblicare la Carta dei servizi per consentire ai familiari dei pazienti, ai Dipartimenti di Salute mentale e alle associazioni dei famigliari di valutare la struttura più adeguata ai bisogni di cura. Viene istituito un unico Osservatorio regionale, che sostituisce i sette attuali, con compiti di gestione e di verifica e di aggiornamento degli scaglioni delle spese di compartecipazione dell’utenza e dei Comuni alla retta giornaliera per le strutture a carattere socio-riabilitativo. Il 30% delle ore del personale è vincolato al rafforzamento dell’attività di inclusione sociale e di potenziamento delle abilità dei pazienti. Alle associazioni di famigliari ed utenti più rappresentative viene consentito l’ingresso nelle strutture. Gli utenti delle strutture residenziali psichiatriche sanitarie per interventi socioriabilitativi avranno un trattamento interamente sanitario, con personale sulle 24 ore giornaliere. Tutti gli utenti con Isee sanitario da 0 a 15 mila euro non dovranno compartecipare alla spesa, mentre in precedenza era prevista la compartecipazione al 60% della spesa, circa 1.500 euro, per più di 1000 utenti. Complessivamente, si tratta di una riforma sulla quale la Regione va ad investire sette milioni di euro all’anno».

Rispetto ad altre regioni in cosa il Piemonte si distingue da questo punto di vista?

«Il coinvolgimento diretto dei pazienti, delle famiglie e delle associazioni nel percorso di assistenza è certamente una condizione che fa la differenza rispetto alle situazioni in cui la scelta e la valutazione delle strutture è affidata soltanto alla parte pubblica. Parliamo di un percorso condiviso di cura, riabilitazione e reinserimento sociale senza dubbio qualificante».

Perché questa riforma vi differenzia qualitativamente dalle altre?

«Perché pone a regime un metodo di condivisione delle scelte, attraverso l’istituzione del Coordinamento area psichiatrica con Dipartimenti di Salute Mentale, enti locali, associazioni di famigliari, utenti ed associazioni delle imprese del terzo settore. In più, costituisce un fondo di compensazione per evitare particolari aggravi per le amministrazioni locali. Una riforma che riguarda un settore che in Piemonte conta circa 300 strutture per un fabbisogno stimato di 2.200 pazienti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liste d’attesa: Piemonte rivoluzione sistema presa in carico e punta ad abbatterle entro fine anno
Grazie ad un budget supplementare di 50 milioni di euro già recuperati il 45 percento dei ricoveri e il 44 percento delle prestazioni ambulatoriali arretrate. A settembre al via la fase pilota del nuovo sistema per mammografie e visite cardiologiche
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Alberto Cirio (pres. Regione Piemonte) racconta la “sua” Azienda Zero
Dopo due anni di discussioni e aver attraversato e tenuto sotto controllo la pandemia, il presidente di Regione Piemonte ha ottenuto il via libera dal Consiglio regionale per la sovrastruttura che dovrà coordinare, monitorare e gestire le Asl
di Federica Bosco
Nursing Up al Piemonte: «Prolungare contratti e avviare assunzioni o sarà mobilitazione»
«Dall’urgenza di avere nuove assunzioni di infermieri, professionisti della sanità e Oss, in Piemonte, siamo passati all’impellenza visto che del bando assunzioni regionale che porterà al concorso al quale potranno attingere tutte le aziende sanitarie e quelle dell’area di Torino che hanno enormi necessità, non c’è a oggi nemmeno l’ombra. Questo stato di cose, questo […]
Covid, il protocollo delle cure domiciliari adottato dal Piemonte (che ha fatto discutere)
Intervista all’assessore alla Sanità della Regione Luigi Genesio Icardi
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola