Salute 15 Gennaio 2024 15:13

‘Petto escavato’: al Meyer di  Firenze la prima protesi 3D riassorbibile impiantata in Europa

Operati in pochi mesi quattro adolescenti con ‘petto escavato’, Facchini (chirurgo plastico): “Con le protesi 3D riassorbibili tantissimi vantaggi per i nostri piccoli pazienti: gli interventi sono meno invasivi e negli organismi non rimangono corpi estranei, riducendo i rischi di rigetto ed infezioni. In un futuro prossimo contiamo di poter utilizzare la stessa tecnica anche per la chirurgia di altre patologie”

di I.F.
‘Petto escavato’: al Meyer di  Firenze la prima protesi 3D riassorbibile impiantata in Europa

Impiantata per la prima volta in Europa una protesi sternale in 3D completamente riassorbibile. Il primato è tutto italiano: al Meyer di Firenze, l’équipe di Chirurgia pediatrica dell’Irccs ha già eseguito l’innovativa tecnica in quattro adolescenti affetti da una malformazione della gabbia toracica detta ‘petto escavato’. Si tratta di una depressione della parete toracica anteriore che, sebbene nella maggior parte dei casi non comporti disturbi funzionali, viene vissuta da chi ne soffre come un difetto estetico impattante, con ricadute psicologiche specialmente nell’età dello sviluppo. Per le operazioni, tutte eseguite con successo, sono state utilizzare protesi stampate in 3D in materiale completamente riassorbibile, progettate dal laboratorio T3Ddy.

La prima protesi sternale in Europa completamente riassorbibile

“È la prima volta in Europa che viene utilizzata una protesi sternale completamente riassorbibile”, annunciano dal Meyer. La stessa tecnica di stampa 3D, prospettano gli esperti, potrà essere usata anche per altre malattie come i tumori della parete toracica. “Per ciascuno degli adolescenti operati – spiegano gli specialisti del centro pediatrico fiorentino – la protesi è stata stampata in 3D con un particolare materiale, lo stesso del filo da sutura riassorbibile (polycapro-lattone). Su questa ‘impalcatura 3D’ realizzata in materiale riassorbibile sono state innestate cellule adipose prelevate dalla coscia del paziente e l’organismo ha completamente incorporato questa protesi. In tutti e quattro i casi, l’ultimo recentissimo, l’intervento chirurgico è durato meno di tre ore e i pazienti, dimessi in seconda giornata post-operatoria, in meno di una settimana sono tornati alla loro vita normale senza complicazioni post-operatorie inaspettate e avendo risolto l’impatto estetico della malformazione”.

Un lavoro di squadra

Il traguardo è stato reso possibile grazie alla collaborazione dei chirurghi del Meyer – guidati in sala operatoria da Flavio Facchini, specialista in Chirurgia plastica e ricostruttiva – con T3Ddy, laboratorio congiunto Meyer-università di Firenze sostenuto dalla Fondazione Meyer, coordinato da Monica Carfagni per UniFi e da Kathleen McGreevy per il Meyer, e dedicato proprio all’introduzione di tecnologie 3D altamente innovative nella pratica clinica dell’ospedale. In sala insieme a Facchini anche i chirurghi pediatrici Alessandra Martin e Roberto Lo Piccolo, dell’équipe di Antonino Morabito, insieme ad anestesisti e infermieri, questi ultimi formati con un corso ad hoc proprio in preparazione ad interventi di questo tipo. In fase pre-operatoria ingegneri e medici hanno lavorato fianco a fianco. Per ciascuno dei pazienti, partendo dalla Tac, gli ingegneri di T3Ddy guidati da Yary Volpe hanno elaborato il design della protesi ottimizzando la geometria in modo tale da adattarsi alla conformazione specifica del paziente.

Un altro passo verso il futuro della chirurgia ricostruttiva

“Quella messa a punto al Meyer è una metodica sperimentale – precisano dall’Aou – e i quattro casi sono inseriti in un trial che utilizza lo stesso dispositivo testato anche in uno studio portato avanti su pazienti adulti presso il Princess Alexandra Hospital di Brisbane, in Australia”. Fondamentale, in questo senso, il corposo lavoro del Comitato etico pediatrico della Regione Toscana per arrivare all’approvazione a livello ministeriale del trial e poter cominciare lo studio, che prevede un follow-up per due anni di tutti i casi. In totale ne sono previsti 10. “Abbiamo cominciato a lavorare al futuro della chirurgia ricostruttiva – afferma Facchini – Questo è un ulteriore, grandissimo, passo in avanti perché al Meyer adesso la stampa 3D viene usata per la realizzazione di protesi che si integrano completamente nell’organismo, e non solo per stampare modelli preparatori o protesi 3D ‘classiche’. L’utilizzo di protesi 3D riassorbibili ha per i nostri piccoli pazienti tantissimi vantaggi: gli interventi sono meno invasivi e negli organismi non rimangono corpi estranei, riducendo i rischi di rigetto ed infezioni. In un futuro prossimo contiamo di poter utilizzare la stessa tecnica anche per la chirurgia di altre patologie, come – conclude – la sindrome di Poland, i difetti della parete toracica anteriore e i tumori di quell’area”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.