Salute 25 Marzo 2021 13:25

Pendolari della salute: ogni anno un milione e mezzo di persone viaggiano alla ricerca di nuove speranze

Sanità Informazione è entrata con le sue telecamere all’interno della struttura romana di Casa Amica Onlus, sorta a Trigoria nel 2017. La responsabile della Casa: «Ci sono famiglie che alloggiano qui anche un intero anno. Il nostro obiettivo è farli sentire a casa propria». I migranti della salute arrivano soprattutto da Campania, Sicilia, Puglia e Calabria

di Isabella Faggiano

Francesca guarda la tv: ha nove anni ed è costretta su una sedia a rotelle per alcune complicanze insorte a seguito di un trapianto di midollo. Sua madre è seduta di fronte ad una macchina da cucire, intenta a confezionare un copridivano. Una giovane donna legge un libro in poltrona, cercando di riposare di tanto in tanto: la chemioterapia che sta affrontato, dopo un intervento di tumore al seno, le sta risucchiando tutte le energie.

Sono solo alcuni degli ospiti che si incontrano visitando la struttura romana di Casa Amica onlus, un’associazione che, da 35 anni, accoglie e assiste i “pendolari della salute”, quei malati costretti, con i loro familiari, a spostarsi in città diverse dalla propria per ragioni sanitarie. «La Casa di Roma, sorta a Trigoria nel 2017, è la più “giovane” di tutte – racconta Claudia Bedetti, responsabile della struttura -. Le altre 5 si trovano tra Milano e Lecco ed una settima sarà presto inaugurata a Segrate. Ad oggi, abbiamo a disposizione 200 posti letto, distribuiti in stanze da due e quattro posti».

“Questa casa non è un albergo”: è molto di più

Chi ha progettato Casa Amica ha cercato di ricreare un’atmosfera intima, che potesse alleviare i disagi che si affrontano quando si è costretti a vivere per tanto tempo lontano dalla propria abitazione. «Accogliamo famiglie e pazienti senza distinzione di età e patologie. C’è chi vive qui con noi anche un intero anno, come i familiari di coloro che sono sottoposti ad un trapianto di midollo – racconta Bedetti -. Gli ospiti devono provvedere alla pulizia della propria stanza, a fare la spesa e il bucato, alla preparazione dei pasti della giornata, proprio come farebbero se fossero a casa propria».

Ma non è tutto: c’è anche un enorme valore aggiunto. «Qui s’incontrano persone che vivono il medesimo dolore, quello scaturito dal dover affrontare una grave malattia lontano da casa. Ed è sempre qui che nascono amicizie profonde: se un ospite rientra tardi dall’ospedale, troverà sempre un piatto pronto che un altro ospite avrà tenuto in caldo per lui. Per i minori la permanenza è totalmente gratuita, agli altri è richiesto un piccolo contributo che può essere annullato in caso di famiglia indigente».

Quanti sono i pendolari della salute

Complessivamente gli italiani che, ogni anno, si mettono in viaggio per raggiungere strutture ospedaliere in città diverse dalla propria sono quasi un milione e mezzo: i pazienti sono circa 750 mila, 640 mila i loro familiari. Nel 30% dei casi, secondo lo studio Censis “Migrare per Curarsi”, i viaggi verso i centri medici di eccellenza sono molto lunghi e hanno direzione Sud-Nord: nell’85% dei casi il paziente è seguito da un accompagnatore, che nel 35% dei casi si trattiene per tutto il tempo del ricovero del proprio caro e solo nel 15% delle situazioni riesce a trovare ospitalità in ricoveri non a pagamento.

«Le regioni di accoglienza di questi flussi – spiega la responsabile della Casa di Roma – sono la Lombardia (con 62.700 ricoveri), il Lazio (con oltre 55 mila pazienti accolti) e l’Emilia-Romagna (con quasi 40 mila ricoveri l’anno)». La Campania è al primo posto per numero di partenze con 56 mila ogni anno, seguita dalla Sicilia con 43 mila partenze, la Puglia e la Calabria con circa 40 mila.

L’accoglienza ai tempi del Covid

Casa Amica non ha mai chiuso i battenti, nemmeno nei momenti più critici della pandemia, ma il numero degli ospiti è diminuito in maniera importante: «Nel 2019 la nostra rete ha accolto complessivamente circa 7 mila persone per un totale di quasi 50 mila notti di accoglienza – racconta Bedetti -. Nel 2020 le persone ospitate sono state poco più della metà. È probabile – aggiunge la responsabile del centro romano – che assisteremo ad un picco di richieste di ospitalità alla fine della pandemia, quando le nuove persone che avranno bisogno di aiuto si sommeranno a quelle che hanno rimandato le cure o le visite di controllo nei mesi precedenti».

Un cantiere aperto

L’associazione si sostiene attraverso il 5 per mille, la creazione di bomboniere solidali e campagne di raccolta fondi. «Proprio in questo momento ne stiamo portando avanti una per promuovere la nascita della settima casa (con un sms o una chiamata da rete fissa al 45594, fino al 31 marzo). La struttura di quattro piani sorgerà a Segrate, nel Milanese, a poca distanza da tre importanti realtà sanitarie di eccellenza – conclude Bedetti -: l’Istituto Nazionale dei Tumori, l’Istituto Neurologico Carlo Besta e l’IRCSS Ospedale San Raffaele di Milano».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Defibrillatori, è legge la norma ‘salva-vite’ attesa da 20 anni. Più DAE nella PA aperte al pubblico e sui mezzi di trasporto
Dopo un iter lungo due anni, la commissione Affari Sociali ha approvato in via definitiva la norma. Tra le novità campagne di sensibilizzazione nelle scuole e l’immunità per chi presta soccorso senza aver frequentato un corso
L’86% degli italiani ha utilizzato la telemedicina per la prima volta durante la pandemia
L’Italia è fra i paesi europei che ha dichiarato che userà di più la telemedicina in futuro (71%) dopo la Francia (72%). Il 45% degli italiani l’ha trovata molto comoda per evitare contagi, ma un 22% non ha ancora l’intenzione di provarla perché preferisce il rapporto personale o non si fida
Giornata della Sclerodermia, la malattia non tarpa le ali ai sogni. La storia di mamma Gabriella
Si celebra il 29 giugno di ogni anno, in tutto il mondo. La presidente Ails: «La sclerodermia è una malattia molto invalidante, soprattutto nelle sue forme più gravi. Ma non può e non deve impedire la realizzazione dei propri desideri»
di Isabella Faggiano
Covid-19, ecco i criteri di appropriatezza per i setting assistenziali di gestione ospedaliera dei pazienti
L’Agenas pubblica l’aggiornamento del documento elaborato dal gruppo di lavoro coordinato dal professor Matteo Bassetti
Medicina di gruppo vs Case di Comunità: il modello che concilia prossimità e accentramento degli MMG
Nel sud della provincia di Padova, Giovanni Guastella racconta come funziona l’organizzazione: «C’è una sede centrale aperta h12 e tanti ambulatori nei paesi più piccoli. Noi ci dividiamo tra queste realtà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva