Salute 23 Luglio 2019 09:30

Patto per la Salute, Varese (FAVO): «Più attenzione a riabilitazione oncologica. Aggiornamento medici imprescindibile»

La direttrice scientifica della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia ha esposto al ministro Grillo le priorità, a partire dalle reti oncologiche: «Vanno implementate in tutta Italia». E chiede di coinvolgere i pazienti nella formazione dei camici bianchi

Patto per la Salute, Varese (FAVO): «Più attenzione a riabilitazione oncologica. Aggiornamento medici imprescindibile»

Una maggiore attenzione al malato oncologico e a chi lo deve accudire. E medici sempre aggiornati e formati. Sono alcune delle richieste che la FAVO – Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia ha presentato al Ministro della Salute Giulia Grillo in occasione della Maratona Patto per la Salute. Stella polare è la riabilitazione del malato oncologico, come ha detto ai nostri microfoni Paola Varese, Direttore scientifico FAVO: «Investire nella riabilitazione oncologica è un recupero di risorse, non un costo in più. La peculiarità della riabilitazione oncologica è legata al fatto che sono necessari più specialisti insieme con più competenze diverse» che poi lancia anche la proposta di una esenzione ticket temporanea allo 0,48% nella fase di accertamento di fronte a un sospetto di neoplasia, per ora garantita solo dal Piemonte. Infine, la necessità di avere medici sempre aggiornati: «L’aggiornamento è un aspetto imprescindibile. Grazie al cielo ci sono delle normative vincolanti. Ora partono i controlli da parte degli Ordini dei medici. Sarebbe fondamentale che l’aggiornamento professionale fosse gestito in autonomia da ordini professionali, aziende sanitarie, università».

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE ECM, FRANCESCA TRACLO’ (AIMAC): «PAZIENTI CHIEDONO MAGGIORE AGGIORNAMENTO E COOPERAZIONE FRA MEDICI»

Dottoressa, cosa non può mancare nel patto della salute dal vostro punto di vista?

«Non può mancare l’attività delle reti oncologiche che devono essere implementate in tutte le regioni d’Italia. Non può mancare un accenno alla riabilitazione oncologica perché è l’unico modo per riuscire a rendere un malato, che molto spesso deve convivere con la sua malattia, anche fisicamente, psicologicamente e mentalmente attivo. Investire nella riabilitazione oncologica è un recupero di risorse, non un costo in più. La peculiarità della riabilitazione oncologica è legata al fatto che sono necessari più specialisti insieme con più competenze diverse. Dei team multidisciplinari, multiprofessionali, perché ci sono le professioni sanitarie di mezzo. Poi serve attenzione agli aspetti nutrizionali del malato di cancro e al caregiver: il recente rapporto FAVO parla di 5 miliardi di euro out of pocket che pesano sulle famiglie. Molto spesso i caregiver, soprattutto le donne, perdono il lavoro per accudire il proprio familiare malato e la proposta che abbiamo lanciato al ministro, perché è una cosa che molte associazioni d’Italia ci chiedono, è lo 0,48% temporaneo nella fase di accertamento di fronte a un sospetto di neoplasia. Oggi come oggi solo il Piemonte la garantisce. Lo 0,48% è una esenzione ticket temporanea. Oggi una persona che si rivolge a noi con un nodulo al polmone se è in Piemonte non paga il ticket per la TAC e la broncospia, nel Lazio può arrivare a spendere fino a 450-500 euro di ticket».

Dal vostro punto di vista l’aggiornamento sanitario dei medici quanto è importante?

«L’aggiornamento ECM è un aspetto imprescindibile. Grazie al cielo ci sono delle normative vincolanti. Ora partono i controlli da parte degli Ordini dei medici. Sarebbe fondamentale che l’aggiornamento professionale fosse gestito in autonomia da ordini professionali, aziende sanitarie, università, svincolando la necessità, che gli operatori a volte hanno, di ricorrere a sponsor esterni che complicano la cosa».

Qualcuno chiede che vengano coinvolti i pazienti…

«Questo noi lo chiediamo da sempre. Oggi si è parlato del paziente esperto. Noi siamo andati oltre come FAVO nelle proposte che abbiamo fatto al Ministro. Lo prevede già la normativa del decreto Lorenzin. I pazienti esperti dovrebbero essere inseriti non solo nel discorso del contributo operativo dei percorsi formativi ma anche nell’estensione dei vari Pdta (percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali) delle aziende sanitarie. La legge lo prevede già, non sempre è attuata in questo senso. Il paziente naturalmente non può entrare nel merito del dato scientifico ma può aiutare in tutto quello che è il percorso assistenziale e organizzativo».

Articoli correlati
Tumori, crollo di screening, visite e interventi nel 2020. FAVO: «Subito Piano oncologico nazionale da inserire in PNRR»
Secondo i dati AGENAS emerge nel 2020 la diminuzione di circa il 30% dei volumi dei tre screening e una diminuzione consistente degli interventi. De Lorenzo: «Covid-19 uno tsunami per i malati di cancro, occorre progettualità complessiva da inserire nel Recovery Plan»
Come si viene inseriti nella Lista degli Enti di Formazione Esteri?
Per l’inserimento nella Lista degli Enti di Formazione Esteri (LEEF) non è necessario che gli Enti medesimi facciano direttamente domanda alla CNFC. L’inserimento può avvenire anche su segnalazione o indicazione, motivata, di chiunque, ad esempio il professionista sanitario interessato o dall’Ente stesso, previa valutazione della CNFC che si avvale della valutazione della Sezione V. La […]
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
La frequenza di un evento all’estero non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Dl Sostegni, FAVO, AIL e UNIAMO: «Soddisfazione per tutela dei lavoratori fragili»
Le associazioni plaudono alle misure contenute nell'ultimo decreto che, tra le altre cose, chiarisce espressamente che i periodi di assenza dal servizio dei lavoratori fragili, giustificati dalla necessità di prevenire il rischio di contagio da Covid-19, non sono computabili nel periodo di comporto,
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 aprile, sono 143.863.870 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.058.640 i decessi. Ad oggi, oltre 928,68 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...