Salute 2 Dicembre 2022 16:42

Pasquale Bacco medico no Vax pentito: «Il vaccino anti-Covid è fondamentale per evitare la patologia grave»

L’ex leader del movimento no Vax, sospeso otto mesi dall’Ordine dei Medici, ha rivisto la sua posizione. Oggi reputa i vaccini indispensabili per fragili e immunodepressi, mentre ritiene essenziali le terapie domiciliari per la cura della malattia

All’indomani della decisione della Corte costituzionale di rendere salvo l’obbligo vaccinale per alcune categorie come tutela del diritto alla salute, Pasquale Bacco, medico legale e ricercatore, per due anni leader dei no Vax e primo a rivedere la sua posizione, oggi difende l’importanza del vaccino e spiega ai microfoni di Sanità Informazione la sua conversione.

«Durante la prima ondata, quando frequentavo le piazze, da medico vedevo che nelle terapie intensive finivano per lo più soggetti anziani e con molte patologie – racconta -. Ad un certo punto però, con la variante Delta, la situazione è cambiata e ad essere colpiti con forme gravi sono stati anche soggetti giovani e senza patologie; quindi, alcune mie convinzioni sono venute meno e ho rivisto la mia posizione».

Otto mesi di sospensione dall’Ordine dei Medici

Sospeso per otto mesi dall’Ordine dei Medici, il ricercatore napoletano, quando ha visto morire un ragazzo di 29 anni per Covid ha rinnegato le idee no Vax, ma ha dovuto fare i conti con le frange più estreme del movimento. «Ho vissuto un periodo difficile – ammette –, sono stato sospeso dall’Ordine e ho avuto bisogno della Digos per difendermi dalle frange di estrema destra quando ho lasciato il movimento no Vax. Nel momento in cui sono uscito, ho capito che non c’era alcun complotto, ma solo sbagli in buona fede. Ora la situazione è migliorata e credo sia giunto il momento di mettere la parola fine su questa vicenda».

«Niente complotti, ma scarsa attenzione alle terapie domiciliari»

Niente complotti, ma tanti errori tra cui una scarsa attenzione alle terapie domiciliari, come il professor Bacco tiene a puntualizzare. «Il fatto di essere un no Vax pentito non significa che non sia rimasto coerente su certe posizioni – fa notare – ad esempio sulle terapie domiciliari all’inizio colpevolmente sottovalutate e solo oggi rivalutate. Allo stesso tempo però non possiamo dire che i vaccini non abbiano cambiato l’indirizzo di questo virus. Sono indispensabili per fragili e immunodepressi. Sarà poi la storia a dirci cosa accadrà». A trarre in inganno il ricercatore nel primo anno di pandemia, è stato anche il fatto di trovarsi, per la prima volta, dinnanzi ad un coronavirus anomalo «anziché mitigare gli effetti dopo la prima ondata come spesso accade a questi virus – spiega -, il Sars-CoV-2 è evoluto un una forma ancora più grave con la variante Delta».

«Sbagliato far passare il messaggio che il vaccino potesse ridurre i contagi»

Una scarsa fiducia e una chiusura iniziale verso i vaccini, che Bacco imputa anche ad una serie di errori di gestione della pandemia che hanno creato false convinzioni. «Pensare che il vaccino potesse ridurre i contagi – puntualizza Bacco – è stato un errore, costato molto in termini di credibilità dei medici, dei virologi e della stampa. Non è così, oggi lo sappiamo. Il vaccino è servito ed è stato fondamentale per evitare la patologia grave. Questo era l’obiettivo e credo che il risultato sia stato raggiunto».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...