Salute 5 Aprile 2019

Padova ospita il primo Festival della salute globale. Si parlerà di medicina, disuguaglianze e migrazioni

Lo scopo del Festival della salute globale, con Walter Ricciardi come direttore scientifico e Stefano Vella come condirettore, è far dialogare medici, scienziati, studiosi su una delle grandi sfide della medicina moderna: combattere le diseguaglianze nell’accesso alla salute. Per questo, si discuterà anche di migranti, salute e fake news con la Onlus Sanità di Frontiera che presenterà il nuovo magazine “Corriere della Salute migrante”

La prima edizione del Festival della Salute Globale – nato e promosso dagli Editori Laterza, il Comune l’Università di Padova per stimolare il dibattito culturale e scientifico – si svolgerà da venerdì 5 a domenica 7 aprile 2019 a Padova con la partnership e il supporto organizzativo dell’ONG Medici con l’Africa Cuamm.

L’obiettivo del Festival è parlare al pubblico della salute del mondo, con la consapevolezza che questo equivale a parlare anche del futuro del nostro pianeta. Walter Ricciardi e Stefano Vella, rispettivamente direttore e condirettore scientifico del Festival, hanno specificato nella presentazione del programma che la tre giorni vuole «far emergere il rapporto che esiste fra malattie, guerre, povertà, ambiente, diritti e illustrare le interconnessioni fra il terzo Obiettivo di Sviluppo Sostenibile – quello sulla salute – e gli altri, a partire dalla lotta alle povertà e alla fame, all’educazione, all’empowerment delle donne, al diritto all’acqua pulita – fino al sedicesimo, ovvero la promozione di società pacifiche e inclusive».

LEGGI ANCHE: CARLO RESTI (HEALTH CARE MANAGEMENT CUAMM): «FORMAZIONE MEDICI FONDAMENTALE IN TUTTI I NOSTRI INTERVENTI IN AFRICA»

Il Festival sarà un’occasione di confronto anche sul tema “migranti e salute” per medici, scienziati, studiosi e rappresentanti delle istituzioni: come riporta Repubblica.it, i medici con l’Africa del CUAMM, in qualità di partner dell’iniziativa, hanno pubblicato di recente un articolo sul British Medical Journal sullo sfruttamento e le condizioni di salute degli immigrati nelle campagne italiane. I numeri sono spietati: 1500 braccianti morti negli ultimi sei anni. Persone che raccolgono agrumi e pomodori per 12 euro ogni 8 ore di lavoro.

A tal proposito, nel corso del Festival di Padova, la onlus Sanità di Frontiera presenterà il nuovo magazine “Corriere della Salute migrante” curato dal ricercatore e giornalista Giulio Cederna e realizzato grazie al sostegno di Consulcesi Onlus. Ne parleranno il presidente di “Sanità di Frontiera Onlus” Francesco Aureli e Ranieri Guerra. «Si tratta di una pubblicazione indipendente con cadenza annuale che affronta il tema della salute dei migranti e della disinformazione quando si parla di stranieri. E lo facciamo con dati incontrovertibili» spiega Francesco Aureli -. Siamo convinti che l’Italia non è razzista. Dobbiamo ristabilire una informazione corretta e senza paure. Il fatto che i migranti arrivino in Italia sani ma che qui si ammalino è stato certificato dagli studi epidemiologici» aggiunge il presidente di Sanità di Frontiera.

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Prevenzione, il tir dello scompenso cardiaco nelle piazze italiane: sette tappe a settembre-ottobre
Secondo i dati più recenti, 14 milioni di persone in Europa e più di 1 milione in Italia convivono, oggi, con lo scompenso cardiaco (HF, Heart Failure), patologia che registra ogni anno l’insorgere di nuovi casi, indicativamente 20 ogni 1000 individui tra 65 e 69 anni e più di 80 casi ogni 1000 tra gli […]
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone