Politica 5 Aprile 2019 13:14

Padova ospita il primo Festival della salute globale. Si parlerà di medicina, disuguaglianze e migrazioni

Lo scopo del Festival della salute globale, con Walter Ricciardi come direttore scientifico e Stefano Vella come condirettore, è far dialogare medici, scienziati, studiosi su una delle grandi sfide della medicina moderna: combattere le diseguaglianze nell’accesso alla salute. Per questo, si discuterà anche di migranti, salute e fake news con la Onlus Sanità di Frontiera che presenterà il nuovo magazine “Corriere della Salute migrante”

La prima edizione del Festival della Salute Globale – nato e promosso dagli Editori Laterza, il Comune l’Università di Padova per stimolare il dibattito culturale e scientifico – si svolgerà da venerdì 5 a domenica 7 aprile 2019 a Padova con la partnership e il supporto organizzativo dell’ONG Medici con l’Africa Cuamm.

L’obiettivo del Festival è parlare al pubblico della salute del mondo, con la consapevolezza che questo equivale a parlare anche del futuro del nostro pianeta. Walter Ricciardi e Stefano Vella, rispettivamente direttore e condirettore scientifico del Festival, hanno specificato nella presentazione del programma che la tre giorni vuole «far emergere il rapporto che esiste fra malattie, guerre, povertà, ambiente, diritti e illustrare le interconnessioni fra il terzo Obiettivo di Sviluppo Sostenibile – quello sulla salute – e gli altri, a partire dalla lotta alle povertà e alla fame, all’educazione, all’empowerment delle donne, al diritto all’acqua pulita – fino al sedicesimo, ovvero la promozione di società pacifiche e inclusive».

LEGGI ANCHE: CARLO RESTI (HEALTH CARE MANAGEMENT CUAMM): «FORMAZIONE MEDICI FONDAMENTALE IN TUTTI I NOSTRI INTERVENTI IN AFRICA»

Il Festival sarà un’occasione di confronto anche sul tema “migranti e salute” per medici, scienziati, studiosi e rappresentanti delle istituzioni: come riporta Repubblica.it, i medici con l’Africa del CUAMM, in qualità di partner dell’iniziativa, hanno pubblicato di recente un articolo sul British Medical Journal sullo sfruttamento e le condizioni di salute degli immigrati nelle campagne italiane. I numeri sono spietati: 1500 braccianti morti negli ultimi sei anni. Persone che raccolgono agrumi e pomodori per 12 euro ogni 8 ore di lavoro.

A tal proposito, nel corso del Festival di Padova, la onlus Sanità di Frontiera presenterà il nuovo magazine “Corriere della Salute migrante” curato dal ricercatore e giornalista Giulio Cederna e realizzato grazie al sostegno di Consulcesi Onlus. Ne parleranno il presidente di “Sanità di Frontiera Onlus” Francesco Aureli e Ranieri Guerra. «Si tratta di una pubblicazione indipendente con cadenza annuale che affronta il tema della salute dei migranti e della disinformazione quando si parla di stranieri. E lo facciamo con dati incontrovertibili» spiega Francesco Aureli -. Siamo convinti che l’Italia non è razzista. Dobbiamo ristabilire una informazione corretta e senza paure. Il fatto che i migranti arrivino in Italia sani ma che qui si ammalino è stato certificato dagli studi epidemiologici» aggiunge il presidente di Sanità di Frontiera.

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...