Salute 12 Luglio 2023 09:30

Padova, doppio trapianto di fegato da viventi: è il primo in Italia

L’ospedale di Padova si iscrive ancora una volta nella lista delle ‘prime’ in chirurgia dei trapianti. Dopo il primo trapianto cardiaco con cuore fermo da 20 minuti, da donatore deceduto, eseguito all’inizio di maggio, questa volta e’ un doppio trapianto di fegato da due differenti donatori viventi a segnalare la capacita’ innovativa delle equipe dell’ospedale […]

L’ospedale di Padova si iscrive ancora una volta nella lista delle ‘prime’ in chirurgia dei trapianti. Dopo il primo trapianto cardiaco con cuore fermo da 20 minuti, da donatore deceduto, eseguito all’inizio di maggio, questa volta e’ un doppio trapianto di fegato da due differenti donatori viventi a segnalare la capacita’ innovativa delle equipe dell’ospedale patavino.

E’ qui, infatti, che una donna di 52 anni affetta da metastasi da adenocarcinoma del colon. e sulla quale la chemioterapia non aveva piu’ effetto, ha ricevuto due porzioni di fegato da donatori viventi. A salvare la donna sono stati due suoi nipoti, di 28 e 30 anni, che si sono sottoposti all’espianto. a differenza delle donazioni tradizionali da vivente, quando a un singolo donatore si esporta il 65% del fegato, i due giovani hanno deciso di donare il 25% del proprio fegato, permettendo il doppio trapianto per ricostruire l’organo della zia. Per la donna, infatti, ha detto il professor Umberto Cillo “non erano state sufficienti tre linee di chemioterapia. Per questo abbiamo considerato il trapianto”.

L’intervento e’ stato illustrato oggi a Venezia, nella sede della giunta regionale del Veneto, presente il presidente Luca Zaia, e in videocollegamento il direttore del Centro Nazionale Trapianti, Massimo Cardillo. “Questo significativo intervento – ha detto Cardillo – si inserisce in un programma, il trapianto di fegato da vivente, che e’ gia’ partito in italia e sul quale e’ stata gia’ maturata una significativa esperienza. Un tipo di operazione che puo’ essere fatta se si ha un donatore disponibile all’interno della famiglia. In particolare, qui l’innovazione nasce da fatto che l’intervento di prelievo per donazione utilizzato due diversi donatori per un singolo paziente. “Cio’ – ha concluso Cardillo – per minimizzare l’invasivita’ dell’intervento nei donatori e al tempo stesso raccogliere una quantita’ di tessuto sufficiente per la ripresa funzionale del fegato nel paziente trapiantato”.

I due nipoti della paziente hanno donato la parte sinistra del loro fegato: i due lobi, che rigenereranno in 4 settimane. le parti di tessuto sono state prelevate, rovesciate chirurgicamente e trapiantate sulla donna. l’operazione e’ durata 20 ore e vi hanno partecipato oltre 50 professionisti dell’azienda ospedale Universita’ di Padova, guidati dal Umberto Cillo. “Questo si chiama ‘miracolo veneto'”, ha commentato il governatore Zaia. negli ultimi 10 anni sono stati realizzati oltre 6mila trapianti: solo nel 2022 se ne contano 604, di cui 369 interventi riferibili a Padova (pari al 61%). Nei primi 6 mesi del 2023 la regione ha contribuito al 16% dei trapianti totali effettuati sul suolo nazionale (315 trapianti).

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...