Salute 9 Marzo 2017

Onu: l’Italia non è un Paese a misura di persona disabile. E all’estero qual è la situazione?

Come funziona l’assistenza sanitaria all’estero? Nel resto del mondo gli spazi sono più confacenti alle loro necessità? «In Italia prevale la diffidenza…», ecco il punto di vista delle famiglie…

I disabili in Italia sono circa 4 milioni. Nell’ultimo rapporto delle Nazioni Unite, l’Onu sostiene che l’Italia non è un Paese a misura di disabile. Tra le ragioni: i fondi scarsi, il clima discriminatorio e soprattutto le barriere architettoniche.

La strategia europea sulla disabilità 2010-2020 proposta dalla Commissione europea interviene in alcuni settori prioritari. Fra i più importanti, l’uguaglianza, l’occupazione, la salute e l’accessibilità. Per quest’ultima in particolare, l’obiettivo primario è rendere beni e servizi accessibili a tutti e promuovere il mercato dei dispositivi assistenziali. In questo contesto specifico, in Italia, si è distinta per la propria attività, la Onlus FIABA, un’organizzazione senza scopo di lucro che ha come obiettivo quello di favorire la rimozione di tutte le barriere fisiche, culturali, psicologiche e sensoriali per la diffusione della cultura delle pari opportunità. Nonostante gli sforzi dell’organizzazione, in ogni caso, in Italia i diversamente abili hanno ancora una vita difficile, soprattutto in termini di accessibilità.

Ma all’estero qual è la situazione? In Francia, per esempio, la vita dei disabili e delle loro famiglie è probabilmente di migliore qualità rispetto al nostro Paese. Infatti, la Maison Départementale des Personnes Handicapées (MDPH) lavora in stretta collaborazione con i genitori per l’orientamento e la definizione di un progetto personalizzato di scolarizzazione. Mentre nel campo professionale, la  Commissione dei Diritti e dell’Autonomia dei Disabili (Commission des droits et de l’autonomie des personnes handicapées, CDAPH) permette di usufruire di vantaggi per trovare un lavoro o per conservarlo.

Anche in Inghilterra il governo risulta essere efficace nel sostenere le persone con disabilità, infatti una buona percentuale di diversamente abili è impiegata in attività lavorative e, secondo i dati, i programmi di supporto sono in crescita. Inoltre Londra in particolare risulta essere una città ampiamente predisposta per le persone con difficoltà motorie: i mezzi pubblici, dalla metro, agli autobus ai taxi sono accessibili per chi si muove in carrozzina, aeroporti e stazioni sono facilmente raggiungibili e dal punto di vista infrastrutturale, i luoghi pubblici hanno poche scale e rampe per consentire il libero accesso a tutti. A questo proposito ascoltiamo l’opinione di Marco Perrone, autore televisivo con un figlio disabile che ci racconta le sue esperienze di viaggio istituendo un confronto fra l’Italia e l’estero:

«Quello delle barriere architettoniche è un problema grave in Italia, questo è innegabile, ma ritengo che la barriera architettonica più forte e difficile da abbattere siano le persone».

«In realtà – prosegue – mi è capitato di viaggiare all’estero con mio figlio, e non ho potuto fare a meno di notare che l’approccio in generale delle persone nei confronti di chi ha delle problematiche di salute, è diverso rispetto al mio Paese. Anche il concetto di ‘normalità’ all’estero è completamente diverso dal nostro. Le persone ti guardano con il sorriso e vedi disponibilità nei loro occhi, qui invece si respira ancora diffidenza, purtroppo capita che le persone ti evitino, le vedi in difficoltà, non sanno come comportarsi».

«Mi consola il pensiero che questo approccio fortunatamente stia cambiando. Stanno nascendo nuove sensibilità – conclude Perrone -, i ragazzi che hanno problemi non rimangono più nascosti dentro casa come avveniva tempo fa. In quest’ottica un grande supporto, per quanto riguarda la mia esperienza, è stato lo sport. Tutto quello che si fa nello sport è utile per rendere il più possibile ‘normale’ la vita di chi ha problemi fisici, lo sport sta portando un cambiamento e qualsiasi cosa riusciamo a fare per accelerare questo cambiamento è importante».

 

Articoli correlati
“Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”: il 17 aprile a Roma la consegna dei premi
Si svolgerà mercoledì 17 aprile 2019 dalle 10:00 alle 12:00 a Roma (Sala Auditorium WeGil, Largo Ascianghi 5) l’evento finale della prima edizione del concorso “Una Città senza barriere: comunicare l’inclusione”, indetto da CoReCom Lazio e ANCI Lazio, in collaborazione con Fiaba onlus, per promuovere le migliori iniziative di comunicazione che i Comuni laziali hanno realizzato per pubblicizzare […]
World Down Syndrome Day 2019, CoorDown Onlus lancia la campagna di comunicazione “Reasons to celebrate”
Andare a scuola, praticare uno sport, uscire con gli amici, trovare un lavoro, vivere in autonomia una volta diventati adulti. Una vita fatta di routine, che appare la più ordinaria per la maggioranza della popolazione, è un traguardo possibile, ma raggiungibile ancora da troppe poche persone con sindrome di Down. A partire dall’istruzione, sono ancora […]
In Francia c’è una clinica dedicata alla salute mentale di medici e professionisti sanitari
ESCLUSIVA | Intervista allo psichiatra Thierry Javelot della clinica Le Gouz, che lavora con camici bianchi che combattono sempre più con stress e burnout: «Chi opera in sanità tende a non ammettere di essere malato e a non prendersi cura della propria salute. Finora abbiamo accolto soprattutto infermieri, ma i più esposti sono medici di famiglia e di Pronto soccorso»
LA STORIA | «Disabile dopo un incidente in moto, ora sono campione del motociclismo italiano ed internazionale»
Maurizio Castelli, 26 anni, la ricetta del suo successo: «Prima per la riabilitazione, poi per l’allenamento fuori pista, ho scelto l’elettromiostimolazione, una tecnica che permette di allenare in profondità oltre 300 muscoli, attraverso degli esercizi a corpo libero effettuati con degli elettrodi, in soli 20 minuti a settimana»
di Isabella Faggiano
Assistenti sociali, Gianmario Gazzi (Cnoas) «Assistenza continua non garantita a tutti, troppo divario Nord-Sud»
«Noi pensiamo che vadano considerate le specificità di ogni territorio: una regione alpina non è uguale a una regione padana, per restare al Nord, ma certamente questo non significa rinunciare all’universalismo e alla garanzia di solidarietà tra regioni» così il Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone