Salute 8 Marzo 2016 18:01

“Bollino Rosa”: ecco gli ospedali che si prendono più cura delle donne

L’iniziativa dell’Osservatorio Nazionale Salute della Donna, la presidente Francesca Merzagora: «Nelle 248 virtuose strutture giornate ad hoc per ricevere gratuitamente consulenze ed esami»

“Bollino Rosa”: ecco gli ospedali che si prendono più cura delle donne

Identificare le strutture che hanno maggiormente a cuore la salute delle donne. È questo l’obiettivo dell’iniziativa “Bollino Rosa”, ideata dell’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA).


Mentre il Ministro Lorenzin sottolinea la necessità di porre maggiore attenzione sulle questioni legate al benessere femminile, istituendo il 22 aprile la prima giornata dedicata alla salute della donna, Sanità informazione ha intervistato la dottoressa Francesca Merzagora, Presidente ONDA: «Le donne vivono più a lungo degli uomini – c’è uno scarto di 5 anni più o meno – ed utilizzano maggiormente, proprio per questo, il Servizio sanitario nazionale; infatti, ci sono più giornate di ricovero che fanno capo alla popolazione femminile. Per questo, abbiamo iniziato a mappare gli ospedali italiani, attraverso un sito dedicato, una commissione e un questionario strutturato, per mettere in luce le strutture che in tutta Italia, non solo siano più attente alle donne ricoverate o curino patologie prettamente femminili, ma che siano all’avanguardia nell’approccio diagnostico-terapeutico. Sono 248 attualmente gli ospedali con i bollini rosa. In occasione di giornate dedicate a particolari patologie femminili, queste strutture offrono gratuitamente servizi diagnostici-terapeutici informativi riservati alla popolazione femminile. In un momento attuale di crisi economica e liste d’attesa, poter fare, ad esempio, una MOC gratuitamente in una di queste strutture è un piccolo aiuto che viene dato».

La salute è il nostro bene più prezioso. Alimentare la conoscenza e sviluppare la consapevolezza è un primo e fondamentale passo per compiere scelte adeguate per preservarsi. «L’attenzione alla medicina di genere è aumentata – prosegue la dott.ssa Merzagora -; ONDA ha realizzato un’indagine in occasione del suo decennale su come viene vissuta la salute dalle donne italiane nel 2016 rispetto al 2006, anno di nascita dell’Osservatorio, da cui sono emersi dei dati molto interessanti: c’è una maggiore attenzione alla salute, alla prevenzione ed è stato possibile individuare lo stress come un fattore che incide in modo preponderante sulla salute psichica delle donne. Stress legato al multitasking, al care-giving, aumentato in questi 10 anni. Quindi, di sicuro, bisogna far passare il messaggio che la donna vive di più, si ammala di più, cura gli altri, ed è importante che sia in salute. Per la donna è tutto più difficile, inutile legarlo. Anche le retribuzioni, a parità di funzione, sono spesso più basse. Abbiamo fatto dei passi avanti ma il problema ancora sussiste».

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni