Salute 8 Marzo 2016 18:01

“Bollino Rosa”: ecco gli ospedali che si prendono più cura delle donne

L’iniziativa dell’Osservatorio Nazionale Salute della Donna, la presidente Francesca Merzagora: «Nelle 248 virtuose strutture giornate ad hoc per ricevere gratuitamente consulenze ed esami»

“Bollino Rosa”: ecco gli ospedali che si prendono più cura delle donne

Identificare le strutture che hanno maggiormente a cuore la salute delle donne. È questo l’obiettivo dell’iniziativa “Bollino Rosa”, ideata dell’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna (ONDA).


Mentre il Ministro Lorenzin sottolinea la necessità di porre maggiore attenzione sulle questioni legate al benessere femminile, istituendo il 22 aprile la prima giornata dedicata alla salute della donna, Sanità informazione ha intervistato la dottoressa Francesca Merzagora, Presidente ONDA: «Le donne vivono più a lungo degli uomini – c’è uno scarto di 5 anni più o meno – ed utilizzano maggiormente, proprio per questo, il Servizio sanitario nazionale; infatti, ci sono più giornate di ricovero che fanno capo alla popolazione femminile. Per questo, abbiamo iniziato a mappare gli ospedali italiani, attraverso un sito dedicato, una commissione e un questionario strutturato, per mettere in luce le strutture che in tutta Italia, non solo siano più attente alle donne ricoverate o curino patologie prettamente femminili, ma che siano all’avanguardia nell’approccio diagnostico-terapeutico. Sono 248 attualmente gli ospedali con i bollini rosa. In occasione di giornate dedicate a particolari patologie femminili, queste strutture offrono gratuitamente servizi diagnostici-terapeutici informativi riservati alla popolazione femminile. In un momento attuale di crisi economica e liste d’attesa, poter fare, ad esempio, una MOC gratuitamente in una di queste strutture è un piccolo aiuto che viene dato».

La salute è il nostro bene più prezioso. Alimentare la conoscenza e sviluppare la consapevolezza è un primo e fondamentale passo per compiere scelte adeguate per preservarsi. «L’attenzione alla medicina di genere è aumentata – prosegue la dott.ssa Merzagora -; ONDA ha realizzato un’indagine in occasione del suo decennale su come viene vissuta la salute dalle donne italiane nel 2016 rispetto al 2006, anno di nascita dell’Osservatorio, da cui sono emersi dei dati molto interessanti: c’è una maggiore attenzione alla salute, alla prevenzione ed è stato possibile individuare lo stress come un fattore che incide in modo preponderante sulla salute psichica delle donne. Stress legato al multitasking, al care-giving, aumentato in questi 10 anni. Quindi, di sicuro, bisogna far passare il messaggio che la donna vive di più, si ammala di più, cura gli altri, ed è importante che sia in salute. Per la donna è tutto più difficile, inutile legarlo. Anche le retribuzioni, a parità di funzione, sono spesso più basse. Abbiamo fatto dei passi avanti ma il problema ancora sussiste».

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Donne in Sanità: studiano di più ma emergono di meno
Al via la seconda edizione di iWIN, l’hub per ricerca e innovazione a livello mondiale, fondata per affrontare le questioni dell’uguaglianza di genere. Rubulotta (anestesista): «La biotecnologia, disegnata per il 68% da ingegneri uomini, è usata nel 70% da giovani donne infermiere e medici impegnati al letto del malato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...